exibinterviste – la giovane arte - Simone Tosca 3074 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

exibinterviste – la giovane arte
Simone Tosca

   
 Antipatia per la specializzazione, giudizi tranchant e tanta voglia di un po’ di serietà. E un’ovvietà che in Italia passa per eresia: ciò che è “estetico” non è necessariamente estetizzante. Ecco un artista che non ha bisogno di indossare paraocchi... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Come presenteresti il tuo lavoro?
Lo definirei un’interpretazione estetica del mondo in cui vivo. Cerco solo di fornire alternative che spostino lateralmente e di qualche millimetro il normale senso delle cose.

Questa definizione trova riscontro in ciò che viene scritto sul tuo conto? Chi segue la tua produzione?
Uno informato sui fatti è Marco Tagliafierro. Ad ogni modo l’interpretazione del mio lavoro non è qualcosa che io possa o voglia controllare. Una volta un’impiegata di un’azienda finanziaria, guardando Defragmented Portrait 3, un dipinto in 3d, mi disse che ci vedeva… una fotocopiatrice. Non me la sono presa: se uno non ha i mezzi per capire alcune cose, evidentemente ne capirà altre; d’altronde io non capisco niente di finanza.

Come sei diventato un artista?
Non ho mai fatto altro, da bambino stavo in casa a disegnare invece di uscire a giocare a pallone. Ho continuato e spero di andare avanti per il resto della mia vita, tutto qui... Mi sono formato all’Istituto d’Arte a Imperia e all’Accademia a Bologna. Poi sono arrivati i centri sociali, importanti soprattutto per la musica. Dopo l’Accademia ho deciso di smettere di studiare: invecchiare a scuola sottrae tempo.
Simone Tosca - Post-o 2 - veduta dell’installazione ambientale presso la galleria Manuela Klerkx, Milano 2006
Come vivi il rapporto con galleristi e tuttofare dell’arte?

Con nervosismo. Sono uno abbastanza preciso e vorrei che lo fossero altrettanto le persone con cui lavoro. Hai presente come lavora uno come Paolo Zani? Ecco, quello è il mio modello di riferimento. Vorrei che tutto funzionasse come un orologio, che non si ripetessero mai gli stessi errori una seconda volta.

Che mi dici di Manuela Klerkx?
È un punk con l’energia di un camionista in un corpo da pin-up. Mi piace il suo stile, ha una volontà irruenta e la carica giusta. Detto questo, i conti si fanno sempre alla fine. L’importante è essere liberi di scegliere con chi lavorare. E se non rendo, mi aspetto di essere cacciato a calci.

Pregi e difetti del tuo carattere?
Un pregio è che sono timido e che non lecco culi; un difetto che sono onesto e mi spacco il culo. Ho problemi da risolvere e questo non mi lascia abbastanza tempo per godermi la vita. Nella vita quotidiana sono piuttosto egoista, anche se tendo a non accorgermene. A volte posso risultare avaro di sentimenti. Non, però, come un vecchio senza cuore, piuttosto come un dottore nei confronti di un paziente.
Simone Tosca - Defragmented Portrait_David Casini - 2007 - carta forata su stampa inkjet trattata - cm 47x47
Arte e attualità socio-politica possono guardarsi dritte negli occhi?

Non c’è mai stata alternativa. L’arte è un fenomeno espressivo che si lega ad un contesto culturale specifico, anche geografico, e produrre un oggetto estetico è sempre un atto anche politico. Forse in Italia questo si percepisce meno. D’altronde la classe politica non è in grado di capire l’arte contemporanea. Il disastro Sgarbi/Moratti ne è la prova. La classe politica è una categoria sociale ignorante eletta da una popolazione che tuttora obbedisce in gran parte ai dettami della religione, della superstizione, della pubblicità e dei favoritismi. Io non so nemmeno dove cazzo è Ceppaloni, eppure guarda cosa è successo...

Tu dove lavori?
A Cortemaggiore, tra Parma, Piacenza e Cremona, nell’ex sartoria di mio nonno. I miei progetti nascono sullo stesso tavolo dove lui confezionava vestiti. Questo mi gratifica molto: se ne è andato da poco ed era come un padre per me. È un’unica stanza: ci ho costruito una specie di cucina e ho messo in comunicazione il piano superiore, dove dormo. Ho anche un cortile e un’altra area dove testo i materiali pericolosi, oltre a una piccola stanza dove suono e registro. Generalmente quando sono a casa faccio vita di studio ventiquattro ore al giorno, anche se poi le idee migliori vengono quando sono in giro. Di una cosa sono assolutamente certo: la zona in cui sono cresciuto ha influito sul mio modo di intendere l’utilizzo del colore, perché tra l’Emilia e Sanremo ho visto molto grigio e molti colori, anche se poi la differenza l’ha fatta il grigio. Purtroppo ci sto sempre meno, tra poco mi trasferirò all’estero.

Quale, finora, la tua mostra più riuscita?
Difficile rispondere. Negli ultimi due anni ho spinto il lavoro in diverse direzioni e sono vari gli aspetti della pittura che ho approfondito, al punto che non sono più sicuro di poter parlare di pittura. Non penso alla mostra più “riuscita”, ma alla più importante per la crescita del lavoro: Netmage 05, dove grazie ad contesto più sperimentale ho potuto tirare una riga su quello che rischiavo di essere ed ho iniziato a spingere sull’acceleratore. Lì ho capito che sperimentazione e interdisciplinarietà sono componenti irrinunciabili dell’arte. Ho maturato la convinzione che disegnare un font, esibirsi su un palco o dipingere un quadro hanno lo stesso valore.
Simone Tosca - A21-A7-A10 - 2008 - stampa su pvc adesivo - dimensioni ambiente
Chi ha delle possibilità di emergere su scala internazionale?

Qualche possibilità ce l’ha il mio amico Luca Trevisani, se non torna in Italia.

Chi è sopravvalutato?
Francesco Vezzoli, che per me è un enigma. Ma forse i miei difetti sono le sue qualità.

articoli correlati
Simone Tosca a Cortocircuito a Novara

exibinterviste – la giovane arte è una rubrica a cura di pericle guaglianone


bio: Simone Tosca è nato a Cortemaggiore (PC) nel 1974; vive a Cortemaggiore, Bologna e Milano. Personali: Post-o 2, Galleria Klerkx, Milano 2006; Simone Tosca, Placentia Arte, Piacenza 2005; Dialogico - Cuoghi Corsello / Simone Tosca (evento), Raum (Xing), Bologna; Simone Tosca Live Set (evento), Raum (Xing), Bologna 2005; This Is Painting III (evento), Archivio Zero Media Zanchetta, Bologna 2003. Tra le collettive: Un Viaggio Ma..., a cura di G. Amadasi, Palazzo della Triennale, Milano 2008; On, a cura di A. De Manincor, Piazza Verdi, Bologna; What Remains, a cura di M. Tagliafierro, Lambretto Art Project, Milano; Bellavita, a cura di D. Isaia e C. Natalicchio, New Chinatown Barbershop Gallery, Los Angeles; Progettoggetto, a cura di S. Coletto, Palazzo Bracciolini delle Alpi, Pistoia; Italia 1980-2007 - Tendenze della ricerca contemporanea, a cura di G. Belli, Museo d'Arte di Hanoi, Vietnam; Re-Enacted Painting, a cura di M.Farronato, ViaFarini, Milano 2007; Neverending Cinema / Cinema Infinito, progetto di ZimmerFrei, Galleria Civica di Arte Contemporanea, Trento; Beautiful Nature, a cura di Synapser, Galleria Comunale d'Arte Contemporanea, Castel San Pietro Terme; Cortocircuito, a cura di M. Tagliafierro, Ex Uffici Enel, Novara; Netmage Festival 06 (evento), Palazzo Re Enzo, Bologna 2006; La Terra vista dalla Luna, a cura di M. Altavilla, Galleria d’Arte Cesare Manzo, Pescara 2005; XIV Esposizione Quadriennale d’Arte di Roma – Anteprima, Promotrice delle Belle Arti, Torino 2003.

*articolo pubblicato su Exibart.onpaper n. 49. Te l’eri perso? Abbonati!

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Francesco Vezzoli, Luca Trevisani, Marco Tagliafierro, Paolo Zani, Simone Tosca
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram