decibel_talenti laterali - (I was) Fine before you came 3099 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/12/2018
La cultura dell’olio d’oliva. Fino al 21 dicembre aperte le candidature per il bando OLE@ART
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

decibel_talenti laterali
(I was) Fine before you came

   
 Un uomo, una città grigia, un’opportunità. Una storia di reiterazione, stasi e cambiamento. Nei tempi della frammentazione, l’anacronismo di una sinestesia. Una band milanese, in un progetto audio-video in coppia con un artista… graziano nani 
 
pubblicato
I Fine Before You Came sono una band milanese composta da Iacopo Lietti (voce), Marco Monaci (chitarra), Mauro Marchini (chitarra), Filippo Rieder (batteria) e Marco Olivero (basso). La loro discografia parte dal 2001 con Cultivation of Ease. Un anno dopo realizzano uno splitCD untitled con i Mrs. Fletcher. Nel 2003 è la volta di It all started in Malibù, seguito nel 2005 da un nuovo split, anche questo untitled, realizzato con gli As a Commodore. Le sonorità, diverse in ogni disco e in costante evoluzione, sfuggono ad ogni brama di etichetta. Spaziano con disinvoltura da un post-rock concettuale, figlio dei gloriosi Settanta, a un post-hardcore che alterna struggenti melodie e urla disperate a sonorità rabbiose e claustrofobiche.
Nel 2006 i Fine Before You Came escono con un progetto omonimo. Non è esattamente il terzo disco, non soltanto questo. È una storia. Raccontata con le parole e i suoni di 12 tracce musicali, e con un video che ne snocciola il tessuto emozionale attraverso immagini e scatti fotografici.
Abbiamo incontro Marco Monaci e Iacopo Lietti, insieme all’artista Antonio Rovaldi, regista del video.

Qual è la storia del concept audio e di quello video? Nascono insieme o uno dei due ha preceduto l’altro?
Iacopo: L’aspetto audio e quello video nascono e si sviluppano in parallelo. L’idea ci venne in tour, chiacchierando. Abbiamo pensato a un soggetto da raccontare con delle immagini e attraverso i testi di un concept album in inglese.
Fine before you came - frame dal video
Di cosa parla la vostra storia?
Marco: Questo personaggio solo e alienato, in una città senza tempo e senza luogo, percorre quotidianamente una strada. Sempre uguale, sempre la stessa. Finché un giorno decide di oltrepassare il cancello rosso a cui cammina accanto ogni mattina.
I: Quello che trova dietro al cancello è una nuova speranza, che in realtà non si identifica con una persona o un oggetto in particolare. La cosa importante è il senso dello snodo narrativo, condensato nell’opportunità di rompere la monotonia quotidiana per aprirsi a un mondo nuovo. Sono mondi che soltanto l’innamoramento può scoprire. La magia dell’innamoramento, però, finisce. E non si trasforma in amore. È la storia di un amore impossibile. Nel decimo pezzo, Water, l’impossibilità prende forma attraverso le parole del protagonista. I loro sono due mondi che s’incontrano, ma che non possono stare insieme, si annullano vicendevolmente.

E il lavoro di Antonio Rovaldi?
M: Il soggetto iniziale è stato asciugato da Iacopo. Ridotto all’osso. Abbiamo messo in mano ad Antonio il risultato di questa operazione, una storia minimalista e tra le righe. E semplicemente gli abbiamo chiesto di evocarla di getto con delle immagini in modo grezzo e amatoriale.

Beh, amatoriale non proprio. Trovo che il lavoro abbia una certa qualità…
M: Sì, Antonio è un bravo fotografo, e il video è un lavoro essenzialmente fotografico, di suggestioni. Come lo volevamo.
Antonio: Nessuno aveva le idee molto chiare all’inizio. Loro stavano a Milano, io a New York. Così siamo partiti dai testi delle canzoni scritte da Iacopo, che raccontano una storia. Ho seguito le tracce del disco e ne ho scelte tre, quelle che mi sembravano fondamentali per la narrazione visiva. Da queste ho tratto i tre capitoli del video, in cui succedono alcune cose che accadono anche nei testi, e altre che invece sono nuove. Ho girato, scattato. Il resto lo ha fatto Mirko Barbaglia in post-produzione.
Fine before you came - frame dal video
Come si snoda la narrazione attraverso le immagini del video?
M: Il primo capitolo del video racconta la città che dorme. Grigia, monotona. Il giorno diventa notte, tutto è ciclico e si ripete. Il secondo capitolo è quello dell’esaltazione, dell’innamoramento. Dalla staticità si passa a una fase dinamica. Il terzo capitolo chiude il cerchio, tutto torna statico come prima.
A: Il dinamismo del secondo capitolo è stato reso grazie alle immagini che ho catturato con una piccola telecamera Sony, che poi ho sfasciato mentre giravo sul ponte di Brooklyn correndo come un pazzo in bicicletta…
I: Il video è un altro punto di vista da cui raccontare la stessa storia. Attraverso suggestioni differenti, che si discostano dal disco anche dal punto di vista musicale. Per la colonna sonora del video, semplicemente abbiamo ripreso dei pezzi del disco e li abbiamo dilatati, improvvisando tantissimo, con in testa le immagini colte da Antonio.

Una colonna sonora potenzialmente diversa per ogni performance in cui proponete il video suonandoci sopra dal vivo…
M: Essenzialmente sì. Anche se in realtà lo abbiamo fatto soltanto una volta, alla FNAC, in acustico.

link correlati
www.myspace.com/finebeforeyoucamerock

graziano nani

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di graziano nani
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Antonio Rovaldi, Filippo Rieder, Iacopo Lietti, Marco Monaci, Mauro Marchini, Mirko Barbaglia
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram