biennale 2009_opinioni - Mondi in grisaglia 3053 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

biennale 2009_opinioni
Mondi in grisaglia

   
 Una mostra internazionale tutta d’un pezzo. Che si visita in poco tempo, nonostante tre location e quasi novanta nomi coinvolti. Il taglio? Formalista e antidocumentarista. Prevale un’idea castigata di intervento artistico primario, aurorale e autonomo... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Singolare in Making Worlds la latitanza di esseri umani nel campo rappresentazionale delle opere, a parte una manciata di episodi (Ulla von Brandenburg, Paul Chan, Natalie Djurberg, Hans Peter Feldman, Alessandro Pessoli) ascrivibili ai registri del grottesco, dello spettrale, del misticheggiante.
In questo senso, la carrellata formalista e antidocumentarista messa su da Daniel Birnbaum risulta focalizzata e anche coesa: l’artista-demiurgo ha in mente soluzioni e non resoconti, è chiamato a presentare dispositivi o al più deduzioni a distanza, e a proposito delle vicende del mondo ha ben poco da riferire.
Del resto, il mondo che conosciamo ha subito tre crolli (il Muro, le Torri, la finanza) in appena vent’anni. La stessa oscillazione proposta nel titolo, alla prova dei fatti si sostanzia ponendo l’accento sulla voce verbale, anziché sul sostantivo-foglia di fico. Secondo Birnbaum l’artista visivo non è un testimone, ma un progettista. Se non di mondi, almeno di angoli di mondi.
Making Worlds include quasi novanta nomi, si sviluppa su tre location (il Palazzo delle Esposizioni della Biennale, ovvero l’ex Padiglione Italia; Huang Yong Ping - Buddha’s Hands - 2006 - mano: fibra di vetro, resina - cm 140x250x420 / rosario: grani di legno, corda - cm 15x15x120 - courtesy Galerie Anne de Villepoix, Parisle Corderie dell’Arsenale e il Giardino delle Vergini) ma si visita in poco tempo, stante l’alto tasso di leggibilità e un’idea insistita di intervento artistico primario, aurorale e autonomo.
Una possibile chiave di lettura risiede proprio in questo, nel tenore iconofobo di molti lavori fin troppo arroccati, che non osando accelerazioni significative in termini concettuali (Rachel e Toba Kheedori, Falke Pisano, Sara Ramo, Amy Simon, Simon Starling, Anya Zholud e altri), fatalmente finiscono per descrivere campi d’azione soltanto sgomberati. Un eccesso di cautela in salsa horror pleni, al cospetto del quale si individua più concentrazione, oltre che polpa, nei generosi pattern installativi di Moshekwa Langa o di Thomas Bayrle, nell’estetica fumettistica di Jan Håfström o Pavel Pepperstein, nel teatro calligrafico del performer Nikhil Chopra, o in quello meccanico del duo Bestué/Vives (David e Marc).
L’impressione generale riguarda un appello alla sinteticità comunque condiviso, che agevola il direttore-curatore nell’impostare una sceneggiatura senza strappi, costruita a partire da consonanze spesso schiettamente esteriori (l’oro nella sequenza Lygia Pape/Michelangelo Pistoletto; le strutture tortili in quella Carsten Höller/Goshka Macuga; le luci della notte in Grazia Toderi/Chu Yun).
Making Worlds non sarà una mostra indimenticabile, ma una mostra tutta d’un pezzo sì. Zero effettistica tecnologica o quasi, zero o quasi sex & violence (fa eccezione l’exploit della citata Djurberg), zero o quasi ironia (a parte un’ottima Miranda July). Prevalgono l’elegante fissità di pratiche a bassa fedeltà (bravissime Ceal Floyer, Susan Hefuna, Tian Tian Wang), il rigore anche scialbo di investigazioni di taglio modernista (André Cadere, Tony Conrad, Cildo Meideles), l’appeal carsico di installazioni tutt’altro che interstiziali (Sunil Gawde, Sheela Gowda, Huang Yonh Ping, lo stesso Yona Friedman).
Nel merito, l’accennare a vario titolo a uno stadio embrionale si addice ai big Philippe Parreno e Wolfgang Tillmans, così come ai fuori quota John Baldessari e Joan Jonas, e alle compiante superstar Gino De Dominicis e Gordon Matta-Clark.
Discorso opposto per gli specialisti dell’arte relazionale e degli spazi percorribili, cTian Tian Wang - Volcano - 2003 - olio su tela - cm 150x120 - photo Hang Sontginghe ponendosi al servizio della causa si lasciano relegare in esterna (Att Poomtangon, Tobias Rehberger, Rirkrit Tiravanija), o al più in apertura di mostra (Massimo Bartolini e Tomas Saraceno, entrambi in definitiva retorici).
È ad ogni modo encomiabile, a livello di fruizione, la scelta di presentare gli artisti tutti su uno stesso piano, a prescindere dall’età, dalla provenienza e dal blasone, in linea di massima senza indulgere in fastidiose isole pseudo-antologiche (a parte Tillmans, fanno eccezione gli omaggi a Öyvind Fahlström e all’esperienza collettiva Gutai).
Quanto ai contenuti, il verdetto di una mostra comunque importante come Making Worlds appare fin troppo chiaro. Gli anni zero si chiudono nei pressi di un crocevia per ora muto, un po’ come le bandierine destrutturate su fondo grisaille del progetto grafico di questa Biennale 2009, laddove l’arte del nostro tempo non ammette un effettivo ridimensionamento della nozione di “campo allargato”, e tuttavia pare attestarsi su territori castigati, ai confini dell’indagine tout court aniconica.

articoli correlati
Intervista con Birnbaum
video correlati
Lo speciale Biennale di Exibart.tv

pericle guaglianone


dal 6 giugno al 22 novembre 2009
53. Biennale - Makin Worlds
a cura di Daniel Birnbaum
Giardini di Castello / Arsenale / Giardino delle Vergini - 30122 Venezia
Orario: tutti i giorni ore 10-18; chiuso lunedì (Giardini) e martedì (Arsenale)
Ingresso: intero € 18; ridotto € 15
Info: tel. +39 0415218711; fax +39 0415218812; infoartivisive@labiennale.org; www.labiennale.org


[exibart]


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Venezia
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandro Pessoli, Amy Simon, André Cadere, Anya Zholud, Att Poomtangon, Bestué/Vives, Carsten Höller, Ceal Floyer, Chu Yun, Cildo Meideles, Daniel Birnbaum, Falke Pisano, Gino De Dominicis, Gordon Matta-Clark, Goshka Macuga, Grazia Toderi, Hans Peter Feldman, Huang Yonh Ping, Jan Håfström, Joan Jonas, John Baldessari, Lygia Pape, Massimo Bartolini, Michelangelo Pistoletto, Miranda July, Moshekwa Langa, Natalie Djurberg, Nikhil Chopra, Paul Chan, Pavel Pepperstein, Philippe Parreno, Rachel e Toba Kheedori, Rirkrit Tiravanija, Sara Ramo, Sheela Gowda, Simon Starling, Sunil Gawde, Susan Hefuna, Thomas Bayrle, Tian Tian Wang, Tobias Rehberger, Tomas Saraceno, Tony Conrad, Ulla von Brandenburg, Wolfgang Tillmans, Yona Friedman, Öyvind Fahlström
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram