fino al 22.IV.2005 - Steve Giovinco – Ambient Life - Torino, Velan 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
08/12/2018
Milano e Atene al primo posto nella classifica Airbnb delle città più creative
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.IV.2005
Steve Giovinco – Ambient Life
Torino, Velan

   
 Paesaggi e persone illuminati appena dalla luce naturale del crepuscolo. In un gioco spiazzante ed evocativo, i grandi scatti di Steve Giovinco, per la prima volta in Italia con una personale, occupano uno degli spazi torinesi più interessanti… monica trigona 
 
pubblicato
Nell’ampia sala al pian terreno della galleria i grandi scatti di Steve Giovinco (Usa, 1961) sembrano trovarsi perfettamente a loro agio. Forse perché in questo luogo, ai margini della zona centrale cittadina, si respira quella pace surreale e atemporale, tipica delle zone periferiche, che è in completa sintonia con le atmosfere evocate dalle fotografie. O forse perché solo uno spazio così grande e arioso riesce a contenere tanti spunti narrativi.
Sono scatti che sembrano raccontare storie diverse, che magari potrebbero, come nelle migliori narrazioni bukowskiane, intrecciarsi alla fine in un unico racconto di vita dai toni crudi e popolari, ma estremamente poetici.
 I contorni non definiti, a causa dell’uso della sola luce naturale, conferiscono all’immagine una qualche sacralità che si scontra con l’estrema semplicità dei soggetti immortalati. Uomini e donne “normali” sono scrutati con un obiettivo che ne vuole mostrare l’essenza più intima in un unico momento, che si fa grande nelle dimensioni, come per far uscire dall’area circoscritta della cornice un messaggio ulteriore.
Steve Giovinco
Ma sono gli spazi naturali i reali protagonisti delle fotografie di Giovinco, vere e proprie scenografie per un ipotetico teatro dell’assurdo. Pochi elementi appaiono chiari in mezzo al buio della notte che tutto inghiotte, epifanie che rivelano l’essenziale di una dimensione immaginifica. Come in “Aspettando Godot” di Samuel Beckett, dove a far da scenografia era un unico salice, in queste fotografie, i paesaggi, volutamente immortalati nelle ore serali, sono mostrati solo attraverso pochi elementi illuminati dalla luce crepuscolare.
E questa luce sullo sfondo, che restituisce allo scatto i suoi oggetti, reca con sé quel senso d’attesa che rendeva il teatro dell’assurdo una vera e propria sfida nell’abolizione della rappresentazione, in favore della pura presenza.

articoli correlati
Le fotografie di Philip-Lorca diCorcia in mostra a Venezia

monica trigona
mostra visitata il 31 marzo 2005


Steve Giovinco – Ambient Life, Torino, Velan, via Modena 52 - orario di visita: 16.00 – 19.00; lunedì e sabato su appuntamento - ingresso: gratuito - per informazioni: Tel. 011280406

[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di monica trigona
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Monica Trigona, Philip-Lorca diCorcia, Samuel Beckett
 

2 commenti trovati  

16/04/2005
Gabriele
Io per ridere e sdrammatizzare compro Topolino, se invece cerco una critica costruttiva all' arte contemporanea, sono ben contento di trovare articoli che sappiano rendere l'idea dell'arte minimalista di Giovinco, così come è riuscita a fare la brava e bella Monica.

12/04/2005
vittorio
ma basta con ste boiate di interpretazioni letterarie!! ma finiamola, via, con tutte ste mostre straordinarie che rendono possibili addentellati a beckett, shaekspeare e via dicendo. ma un po' di senso del ridicolo! ma quale teatro dell'assurdo!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram