fino al 18.III.2006 - Cristiano Berti - Alternate takes - Torino, Galleria Carbone 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 18.III.2006
Cristiano Berti - Alternate takes
Torino, Galleria Carbone

   
 Berti racconta una Torino underground. Una wild side realissima e suggestiva. Ideale pretesto per una profonda riflessione sul ruolo e sulle differenti implicazioni che riguardano la memoria collettiva... Redazione Exibart 
 
pubblicato
In questi lavori recenti Cristiano Berti riflette sulla memoria urbana, cogliendola nelle zone d’ombra del vissuto quotidiano, fatto di maschere inquiete e derive esistenziali.
La serie fotografica in mostra rappresenta Corso Regina Margherita, centralissimo viale torinese -ritratto nei pressi del Parco della Pellerina- dove prostitute in gerarchica parata erano solite contrattare il prezzo del proprio corpo (prima dello sgombero imposto dall’amministrazione comunale, probabilmente in vista delle Olimpiadi). Prostitute che, con la loro vicenda, danno lo spunto all’artista per intraprendere una riflessione sui temi della marginalità e della multiculturalità. E del modo in cui queste ultime stabiliscono la loro presenza e il loro valore all’interno della memoria collettiva.
La riflessione nasce pretestuosamente dal termine Iye Omoge che, come spiega l’autore, significa in Edo -lingua delle donne nigeriane- la madre di Omoge. Una donna matura che si comporta da ragazzina. Era questo difatti il nome africano della third class del corso torinese, la più a buon mercato per i clienti delle prostitute, distinta dalla first e dalla second class occupate da teeneger che nominavano così le meno giovani colleghe. In tempi recenti il viale, troppo centrale per risultare indifferente spettatore di un tale passeggio, appare deserto, privato di quell’organizzazione compatta e spontanea.
Berti nobilita questa memoria sotterranea, questa wild side torinese, facendone l’oggetto privilegiato del suo lavoro. Eppure l’artista sembra dire qualcosa di più profondo e complesso attraverso questa triplice finestra aperta sulla controversa storia del Corso; sembra dire che la memoria è soprattutto oblìo, continua dimenticanza, intima e necessaria finzione.
Cristiano Berti, Turin, Alternate take, 2005
Berti sceneggia ormai da tempo gli spettacoli del reale, nei termini di metafisici e surreali remake, rappresentazioni che non arrivano a coincidere in nessun punto, feedback costitutivi di una realtà smemorata rispetto gli eventi particolari.
Un reale quindi, quello che fotografa l’autore, in perenne divenire, che tende a vestirsi sempre di nuove evidenze, di sogni e aperture prospettiche infinite. Con l’ultimo scatto che titola la mostra, Alternate Takes, Berti passa a riscaldare, giungendo al massimo di liricità, la temperatura gelida –da documentazione antropologica- che caratterizza il resto della serie. Lo sguardo cresce difatti su toni di poesia essenziale, come risultato di una mutata scelta d’inquadratura (grandangolare e punto di vista rialzato), quasi a voler definire l’emozione sospesa ed ineffabile dell’imprevedibile percorso di un semplice ricordo.

Redazione Exibart
mostra visitata il 18 febbraio 2006


Dal 16.II.2006 al 18.III.2006
Alternate takes. Galleria Carbone, Via dei Mille, 38,Torino, zona Piazza Cavour
Orario: martedì-sabato 16-19.30. Biglietti: ingresso libero. Info: 011 8395911 -
www.carbone.to - carbone@carbone.to  

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Redazione Exibart
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Cristiano Berti, Gabriele Tinti
 

trovamostre
@exibart on instagram