fino al 26.II.2005 - Bas Meerman - Milano, Studio d’Arte Cannaviello 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/05/2019
Ai Weiwei mette a dura prova la Kunstsammlung di Dusseldorf
17/05/2019
Artists Development Programme 2019. Tra i vincitori del concorso anche Pamela Diamante
17/05/2019
Sull'isola greca di Delo sbarcano le opere di Antony Gormley
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 26.II.2005
Bas Meerman
Milano, Studio d’Arte Cannaviello

   
 In primo piano, la figura umana. Ed un vortice di emozioni. Una sensualità aggressiva, eppure venata di malinconia. Tinte forti che raccontano storie di luci ed ombre. E su tutto un implacabile senso di caducità… sylvia schiechtl 
 
pubblicato
Uomini duri, donne sensuali, immagini familiari echeggianti pop art e pubblicità. E il corpo umano colto nella sua prorompente presenza fisica, inondato da una luce abbagliante oppure divorato dall’ombra. Un corpo umano, un viso che si stagliano su uno sfondo spesso lasciato indefinito perché è l’uomo a costituire il fulcro d’interesse di Bas Meerman, pittore trentaquattrenne che vive tra Amsterdam e Berlino.
La figura umana già occupava un posto centrale nel repertorio di questo artista “a riprova dello stretto legame formale e concettuale che sente con i maestri della Bas Meerman - Shadow - 2004 pittura olandese” (Michele Robecchi), ma mai come in questa mostra il suo interesse si è esclusivamente focalizzato su questo unico soggetto, unica, significativa eccezione una natura morta di orchidee.
In passato poi Meerman presentava i suoi personaggi in momenti ancora più estremi, mentre ormai la violenza e la carica sessuale sembrano più rilegati nella fantasia dello spettatore che non nel quadro stesso. E l’artista rappresenta l’uomo sopratutto nei suoi gesti quotidiani: nel momento di intensa gioia di una giornata estiva e un tuffo nell’acqua del lago (Berlin Summer) oppure nel momento del totale abbandono al sonno e al desiderio (come accade in Desire (For Balthus)).
Un uomo che si riposa all’ombra di un albero, un uomo che si spoglia, due donne che si baciano: Meerman li coglie nei loro atteggiamenti apparentemente casuali, storie sospese nel loro attimo di intimità. E piano piano, penetrando questo mondo, emerge ancheBas Meerman - Jesus II - 2003 il carattere ambiguo delle figure. Sotto la loro carica erotica e forza ostentata affiora una sottile venatura di malinconia e tristezza ed emerge la fragilità dell’esistenza umana.
Nei dipinti notturni (Berlin Night) e nelle rappresentazioni sacre (Jesus II e Jesus III) poi la disperazione si intensifica e una notte profonda cancella i volti consegnando i suoi personaggi ad una oscura solitudine.
Un ritorno alla sicurezza, all’affermazione, alla positività li troviamo solo in pochi quadri e nell’ esecuzione pervasa anch’essa da una fisicità ardita. Grumi di colore che danno spessore alla tela e che si attaccano con tale ostinazione alle figure che neanche le pennellate larghe e generose riescono a spalmarle. E i colori: forti, decisi, spinti fino al loro inverosimile fino che “fanno oscillare l’immagine e il suo contenuto erotico fra un’intensa concretezza e un astratto cromatismo” (Peter Weiermair).

sylvia schiechtl
mostra visitata il 19 gennaio 2005



Bas Meerman
Studio d’Arte Cannaviello
Via A. Stoppani, 15 20129 Milano
Tel. 02.20240428 fax 02.20404645
cannaviello@interfree.it
Ingresso libero
Orari: da martedì a sabato dalle 10.30 alle 19.30
Catalogo con testo critico di Peter Weiermair


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di sylvia schiechtl
vedi calendario delle mostre nella provincia milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Balthus, Bas Meerman, Michele Robecchi, Peter Weiermair
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram