fino al 26.X.2005 - Danny Rolph - Milano, Ar/contemporary Gallery 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 26.X.2005
Danny Rolph
Milano, Ar/contemporary Gallery

   
 Un’esplosione di forme, segni e colori. Warhol, Schwitters e Tiepolo rivisitati e amalgamati. Grandi collage multistrato attirano lo spettatore nell’opera d’arte. Aprendo visioni su visioni... sylvia schiechtl 
 
pubblicato
Il collage è l'essenza del lavoro di Danny Rolph (Londra, 1967). Collage inteso non soltanto come tecnica, ma come condizione mentale, approccio artistico, modus vivendi. E che si esprime, sostanzialmente, in tre diversi livelli interpretativi.
Ciò che colpisce a prima vista è l’esplosione di forme, segni e colori. Grandi pannelli tridimensionali attirano lo spettatore nell’opera, a partire dagli strati superficiali fino a quelli più nascosti, aprendo visioni sempre più in profondità. Una morfologia geometrica aggrovigliata: forme sinuose cariche di energia e vibrante luminosità accostate ad elementi più austeri, spigolosi, cupi. Un addensarsi di elementi, un ritmo serrato. Predominano i colori decisi, squillanti, spaziando da una stesura levigata semitrasparente ad una campitura densa, pastosa. L’artista usa indistintamente acquarello, olio, acrilici, pennarelli, pezzi di cartone, ritagli di fotografie.
Un secondo livello di lettura ripropone l’idea del collage nell’accostamento ideale di artisti distanti tra loro per indole ed epoca –come Warhol, Schwitters, Tiepolo- che vengono inglobati nell’immaginario di Rolph per esserci restituiti sotto nuove forme. In una perenne mutazione che comprende una moltitudine di elementi presi dalla vita quotidiana: uomini, luoghi, oggetti. Tutti filtrati, trasformati, intensificati. Elementi art nouveau vicino alla porcellana svedese anni 50’, un vestito di Missoni e la cosmologia: la curiosità visiva ed intellettuale dell’artista non conosce limiti. Un recupero incalzante di materiali, immagini, ricordi.
La terza declinazione dell’idea di collage è concettualmente espressa nel titolo dell’esposizione: Obstraction, neologismo che fonde abstraction (astrazione) e obstruction (ostruzione) in un'unica parola. Obstraction come modalità di ostruzione dei consueti meccanismi della visione.
Danny Rolph, Modus 2, 2004-05, tecnica mista su multistrato, 70x100 cm
Scrive il curatore Martin Holman: “Rolph colloca possibilità visive in contorni, superfici, colore, tessuto, tatto, profondità e composizione, guidando poi questi elementi verso una collazione da lui stesso definita imprevedibile. Il risultato è come un acquario prosciugato in cui gli oggetti sono ancorati ad un terreno soggetto a modificazioni dai capricci di fenomeni caparbi.”

sylvia schiechtl
mostra visitata il 28 settembre 2005


Danny Rolph – Obstraction, a cura di Martin Holman
Milano, Ar/contemporary Gallery, Via Vespucci A., 5 – 20124 Milano
MM Repubblica - Orario: da lunedì a venerdì 12.00 – 20.00 - Sabato su appuntamento - Tel.: 02/45498902 - www.contemporarygallery.it - www.dannyrolph.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di sylvia schiechtl
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Danny Rolph, Martin Holman, Missoni, Schwitters, Tiepolo, Warhol
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram