fino al 19.IX.2004 - Mediterraneans - Roma, MACRO al Mattatoio 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
17/07/2019
Nuova vita per il World Trade Center, che riparte con un Centro d’Arti Performative
16/07/2019
Riaperte al pubblico due delle piramidi più antiche d’Egitto
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 19.IX.2004
Mediterraneans
Roma, MACRO al Mattatoio

   
 Il mare (quasi) chiuso più aperto del mondo. Un dialogo antico, tante voci e una parola soltanto. Uno sguardo d’insieme, spesso implacabile. Dall’Algeria alla Grecia, da Israele all’Albania... Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Due sontuosi padiglioni all’ex mattatoio, dieci curatori, una ventina di paesi chiamati a parlarci del loro mare (tra le nazioni coinvolte c’è persino la Bosnia, che in effetti un suo accesso in Adriatico –ancorché minuscolo– ce l’ha davvero), e ben quarantacinque artisti. Questi ultimi, a dire il vero, definiti “emergenti” un po’ frettolosamente (gli under trenta risultano soltanto in quattro, e allora considerarli in blocco in questo modo ha senso soltanto perché “emergenti” sono, in molti casi, le realtà cui appartengono).
C’è ovviamente lui: il mare (quasi) chiuso più aperto del mondo, dove idealmente immergersi e dal quale finalmente (a proposito di felici scivoloni semantici) riemergere.
Un Mediterraneo osservato dal finestrino dell’aereo, fino alla sublime indistinzione cromatica (Deanna Maganias, Mediterranean view). Oppure innalzato, in un incanto di bracciate tra le nuvole, dentro un cielo capovolto fatto d’acqua e plastica (Avish Khebrehzadeh, Horizon I).
Dimitris Tsoublekas, confort and safety, 2000, fotografia
Ma ci sono, soprattutto, tante città deserte, spesso inquiete e senza volto, che appaiono concepite più per le automobili che per le persone. Osservate –quasi sempre di notte– con la fredda veemenza degli stessi occhi elettronici che sembrano renderle invivibili. Spesso incredibilmente sfigurate, come quelle greche (Dimitris Tsoublekas, Free Parking). Qualche volta sparpagliate, ridotte a plastici paradossali dove –nel legno– trovare finalmente un po’ d’ombra (Nahum Tevet, Page from a catalogne). Oppure raccontate nel loro risveglio e ridipinte, come quelle albanesi, ma sempre dal chiuso di un abitacolo e con gli occhi lucidi (Anri Sala, Dammi i colori). Quasi sempre, però, deliberatamente registrate, in un susseguirsi di immagini senza sconti che ormai sono –incredibilmente– familiari. Come le pesanti parabole, così solenni (Hassan Khan, Transmission) da sembrare i carri armati che poi, fatalmente, compaiono davvero (Amit Goren, Three).
el perro, Ammunition Deli Gallery. What
Tanti video, insomma, come tanti specchi. Implacabili. In uno sguardo che è quasi sempre troppo fermo, tuttavia, per ambire –oltre che soltanto a scuotere– finalmente anche a posarsi. Resta allora qualche lampo, a riferirci con più durevole intensità di questa realtà mediterranea di inizio secolo. E lo scorgiamo negli interventi più felicemente obliqui. Nell’efferatezza di una spettacolare gara tra fuoristrada lungo una costa che sembra anch’essa d’acciaio (Yael Bartana, Kings of the hill). Nella potenza simbolica di un corteo che ostenta, tra le strade vuote, l’eloquenza muta di tanti cartelli semplicemente specchianti (Mircea Cantor, The landscape is changing). Oppure, in un rombo assordante, nell’orrore di un muro nero che gronda sangue e che diventa sempre più alto, di fronte al muso di un tranquillo rapace e a quello –un po’ meno tranquillo– dell’ennesima auto di grossa cilindrata (Wael Shawky, Dudge Ram).

pericle guaglianone
mostra visitata il 7 luglio 2004


Mediterraneans
MACRO al Mattatoio Piazza Giustiniani, 4 (Testaccio, via Galvani), 06 67107900, macro@comune.roma.it, www.macro.roma.museum ,
Orario: 16/24 (lunedì chiuso), Ingresso libero


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Anri Sala, Avish Khebrehzadeh, Hassan Khan, Mircea Cantor, Nahum Tevet, pericle guaglianone, Wael Shawky, Yael Bartana
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram