fino al 5.II.2005 - Françoise Pétrovitch - Roma, Galleria Sogospatty 3045 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/07/2019
Il viaggio dentro e fuori di te, per il prossimo manifesto di Flashback Opera Viva a Torino
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.II.2005
Françoise Pétrovitch
Roma, Galleria Sogospatty

   
 Tacchi e visioni, animali bizzarri e… palloncini. In mostra –tra inchiostro e ceramiche– l’introspezione al tempo dello shopping. Sempre allo specchio, in casa propria o per la strada, come in un negozio di scarpe… Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Mica facile rimanere, come si suol dire, coi piedi per terra. Meglio osservarli, quei piedi; al limite provare a ritrarli. Arrivando a scoprire, come succede con Françoise Pétrovitch (Chambery, 1964; vive a Cachan, Francia), che spiccano il volo –scarpe comprese– senza staccarsi dal pavimento.
Per stare su, in effetti, le carte proposte per questa personale romana danno l’impressione –nonostante il formato sia di quelli generosi– di non aver bisogno nemmeno degli spilli. Bastano –si direbbe– i tacchi di quelle stesse scarpe, sospese nella porzione di cielo che fa da sfondo.
Così, tutta l’eleganza della donna più desiderabile prende a fluttuare davanti ai nostri occhi. Il suo corpo –tra calze e cinturini, stivali e pantaloni– improvvisamente è arrivato lassù. Per metà, anzi, è già fuori della raffigurazione. Da dove uno sguardo carico di elucubrazioni –il suo, stavolta– scende giù dritto, in picchiata. Si direbbe che prende di mira l’asfalto. Visualizzando ombre colorate, popolando lo spazio calpestabile –che diventa lo specchio dei suoi stessi pensieri– di presenze concrete e fulminanti. Senza indugiare, quasi ritagliando. Qualche volta addirittura con l’urgenza icastica della visione (almeno in apparenza) più quotidiana. Come a dire che l’introspezione al tempo dello shopping predilige, un po’ a sorpresa, l’approdo della semplicità.
Per il resto, la sensibilità lavora di nuance: la vertigine della silhouette si sposa con la fluidità dell’inchiostro, componendo una seduzione fatta di gouache variopinte ma assai calibrate.
françoise pétrovitch
Poi, a far da contrappunto, spazio alla smagliante fissità della ceramica. Un gruppo di creaturine avanza frontalmente, in una sorta di fregio la cui serialità minimal ne esalta –per contrasto– proprio la conformazione bislacca. Personaggi che sembrano materializzarsi, a pensarci, direttamente da un cartoon low-fi. Nessuna allure giocosa, però: piccoli demoni attoniti, di quelli che commuovono anche gli adulti. E infatti nella stessa sala, isolato come un trofeo, un cerbiatto ha gli occhi cavi e splende a sua volta come un fantasma.
Ma altre sculturette luccicano tutt’intorno. Ebbene sì, ancora ricercate calzature, collocate a terra –a due a due– come in un appartamento qualsiasi. Appuntite, rotanti, dai colori scintillanti: piccole trappole che stanno in mezzo ai piedi. Occasioni, forse. Fatte apposta per inciampare. E che invece vanno prese al volo, come accade nei grandi fogli. In cui tutto è raccontato con la grazia silenziosa del rigore.

pericle guaglianone
mostra visitata il 4 dicembre 2004


Francoise Pétrovitch
Galleria Sogospatty
Vicolo del Governo Vecchio 8 – Roma
Per informazioni: tel./fax 0668135328
www.galleriasogospatty.com
e-mail: info@galleriasogospatty.com


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, pericle guaglianone
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram