fino al 23.III.2005 - Jacob Cook / Robert Ochardson – Beyond - Roma, Monitor 3075 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 23.III.2005
Jacob Cook / Robert Ochardson – Beyond
Roma, Monitor

   
 Così vicini, così lontani. Ovvero: del come dividersi lo spazio espositivo. Senza cercare il dittico. Gomito a gomito tra installazioni animate, fantascienza da living room e paesaggi mai visti… Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Giovani e con le idee chiare, Jacob Cook (1978, australiano; vive a Londra) e Robert Ochardson (1976, scozzese; vive a Londra) prendono possesso dello spazio espositivo, prima uno poi l’altro, senza mischiare le carte.
All’ingresso, in tre battute semplici semplici, il primo convoca in rapida sequenza –da vero metteur en scène– architettura, flora e fauna. C’è la riproduzione in scala, che sovrasta il visitatore, di un modulo abitativo basic; c’è un hi-fi portatile di quelli che si usano oggi, tozzo e scuro benché di plastica, appollaiato sul ponte come un uccellaccio; e c’è, infine, stavolta a terra, un agglomerato di piccoli alberi di mandarini disposti in vasi improbabili.
Tutto qui. Ma basta premere “play” perché il giocattolo, come d’incanto, si animi. L’elettrodomestico sopra di noi, immobile e torvo come una telecamera, prende a lampeggiare di rosso e –soprattutto– a diffondere il verso lancinante del rapace di cui sospettavamo la presenza, pronto a spiccare un sinistro volo in cui tecnologia e furore non sono più quei nemici giurati che, invece, ci avevano raccontato.
In pochi metri quadri, messa così la faccenda, le piantine appaiono improvvisamente scompigliate (non per niente s’intitolano Landscape, queste tre installazioni) da un vigoroso vento di vallata che fa di quel fabbricato, lassù, un rifugio precario e irraggiungibile. La non-poesia del ready-made si ribalta, dunque, nel visionario –da scenetta mitologica– di un agguato minimo, orchestrato con piglio scanzonato e, insieme, evocativo. Un lampo: e se il mondo fosse una gigantesca voliera?
Ma avanti (anzi, Beyond), come sempre, c’è posto. Superata la buffa selva, ecco i lavori sospesi, isolati o a parete di Robert Ochardson, attraverso i quali, all’opposto, si sale direttamente a bordo –si direbbe– di un’astronave ben camuffata o da poco restylizzata (il dirigibile di Matthew Barney più che la navetta spaziale di Stanley Kubrick).
 robert ochardson
Fulgide geometrie in legno o in lana di vetro di un quasi tavolo, di un quasi separè e –perché no– di un quasi quadro: strutture pulsanti di un paesaggio perfezionato ma frugale –da pianeta della porta accanto– che sta tra l’abitare, il parco giochi e l’ipnosi ambient. Nel nitore assoluto e quasi segnaletico delle forme, in questa partitura musicale per quasi stanze, la scultura finge di arredare e fa il verso al design anni ‘50: tutto risulta familiare eppure inutilizzabile (quel tavolo, a ben guardare, è qualcosa di ancora più elementare: un fungo), con l’intervento plastico più perentorio che si dà senza quasi dichiararsi.
C’è il rigore minimal, certo, però esacerbato fino allo splendore della parodia.

pericle guaglianone
vista il 7 febbraio 2005


Jacob Cook / Robert Ochardson - Beyond
A cura di Cecilia Canziani e Paola Capata
Con il supporto di: The British Council
Mar_sab 15.30 - 20
Via delle Mura Aurelie 19 (San Pietro)
Ingresso libero
Info: 06.39378024 (tel.)
E-mail: monitor@monitoronline.org
Sito web: www.monitoronline.org


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Cecilia Canziani, Matthew Barney, Ochardson, Paola Capata, pericle guaglianone, Stanley Kubrick
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram