fino al 20.III.2007 - Nicola Rotiroti - Roma, Il Sole Arte Contemporanea 3037 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
09/12/2018
La storia della grafica dal XIX secolo ai giorni nostri, nei due nuovi volumi editi da Taschen
08/12/2018
Al Castello di Rivoli, Milovan Farronato e Carolyn Christov-Bakargiev ricordano Chiara Fumai
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 20.III.2007
Nicola Rotiroti
Roma, Il Sole Arte Contemporanea

   
 Pittura, pittura, pittura. Esordio di una rassegna dedicata al medium artistico più tradizionale. Dove l’acqua stimola la precarietà del nostro raziocinio e la perdita dell’equilibrio fisico e mentale… angel moya garcia 
 
pubblicato
In una società globalizzata, dove tutto tende alla standardizzazione e alla disumanizzazione imposta dalla tecnica, dove le pratiche visive privilegiano installazioni più o meno spettacolari chiamate a stravolgere la sensibilità o la percezione dello spettatore o che invece tendono ad amalgamarsi nella rete virtuale, la rassegna Il senso quotidiano dello sguardo intende palesare la valenza ancora efficace della pittura come mezzo espressivo. In questo senso, se si accetta la teoria dell’eterno ritorno nietzschiano applicato alla storia dell’arte, sembra che il panorama artistico stia assistendo ad un ennesimo rimbalzo della pittura, confermato ad esempio dall’ultimo Turner Prize, vinto dall’astrattista Tomma Abts.
Così, la giovane galleria romana, dopo la personale di Angelo Bellobono, continua mettendo a confronto in questa rassegna tre esperienze diverse, tutte legate all’uso del tradizionale pennello, cominciando con Nicola Rotiroti (Catanzaro, 1973), primo appuntamento di una serie che vedrà nei prossimi mesi i frammenti metropolitani di Gianpaolo Rabito e l’asfalto tratteggiato di Oriana Ubaldi.
Nella mostra d’esordio, l’artista calabrese presenta dieci lavori di grande formato realizzati con la tecnica classica dell’olio su tela. Attraverso un linguaggio figurativo caratterizzato da un taglio fotografico decisamente contemporaneo, esamina lentamente e con perizia tecnica diverse situazioni percettive in uno stato di alterazione fisica. L’elemento perturbante è l’acqua, dove i natanti assumono un senso simbolico di precarietà e disequilibrio, sia fisico che mentale. Se ad una prima analisi sembrano semplici fotogrammi di una banale quotidianità, subito dopo viene intesa una seconda chiave di lettura, ribadita dai titoli in dialetto in cui, come osserva il curatore Lorenzo Canova, “un senso di sfuggente minaccia si addensa sulle figure collocate in una zona sospesa, un mondo subacqueo che potrebbe evocare la regione sotterranea dell’inconscio o mettere in allarme lo spettatore annunciando indirettamente eventi sconosciuti e imminenti”.
Nicola Rotiroti, Ckhicami, olio su tela, 120x120

In questo modo il corpo in primo piano, con i suoi movimenti e i suoi dettagli, diventa il vero protagonista delle opere, attraverso istanti catturati in insolite inquadrature che rivelano anche risvolti psicologici vincolati all’angoscia provocata sull’uomo dall’ambiente. Come un pesce fuor d’acqua che stenta a respirare in un mondo tecnocratico…

articoli correlati
Turner prize 2006

angel moya garcia
mostra visitata il 7 marzo 2007


Nicola Rotiroti, Il senso quotidiano dello sguardo - Il Sole Arte Contemporanea - Via Nomentana 169 (Porta Pia) 00161 Roma - orario: da martedì a venerdì 15:30-19:30, sabato 11:00-13:00/17:00-19:00 (possono variare, verificare sempre via telefono) - Info: +39 064404940; mail: info@galleriailsole.it - www.galleriailsole.it -  a cura di Lorenzo Canova – Catalogo con testo di Lorenzo Canova

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di angel moya garcia
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Angel Moya Garcia, Angelo Bellobono, Gianpaolo Rabito, Lorenzo Canova, Nicola Rotiroti, Oriana Ubaldi, Tomma Abts, Turner