fino al 6.VI.2004 - Don McCullin - Roma, Mercati di Traiano 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/03/2019
Lacoste omaggia Keith Haring con una nuova capsule collection
26/03/2019
La casa di Philip Roth a New York è in vendita
26/03/2019
Addio ad Andrea Emiliani. Si spegne una voce forte della storia dell’arte italiana
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 6.VI.2004
Don McCullin
Roma, Mercati di Traiano

   
 Un’ampia retrospettiva. Per ripercorrere l’intera carriera di Don McCullin, dagli esordi londinesi ai reportage di guerra. Immagini come radiografie nitide e spiazzanti dei conflitti postcoloniali. Con l'appendice sorprendente di un Eden nel Corno d'Africa… Francesca Zanza 
 
pubblicato
E' spiazzante constatare come la contemporaneità di Don McCullin non abbia niente a che fare con l'Iraq, da cui tornò l'anno scorso senza neppure un'immagine (come molti colleghi aveva scelto il tranquillo fronte settentrionale, dove gli americani non erano interessati ad esercitare un ferreo controllo sui media). Dopo tante guerre -nei giorni della guerra- il fotoreporter inglese presenta in anteprima mondiale ai Mercati di Traiano un lavoro sulle tribù dell'Etiopia meridionale: primitivi nudi in posa statica davanti alla macchina, col capo adorno di ossa e di piume. Un classico dell'antropologia visiva a cui era abituata la civiltà in tempi di colonizzazioni positiviste, ai giorni nostri una prova di esostismo scevra dal fuoco della violenza verbale che satura la quotidianità televisiva. don mccullin_grenade (vietnam)
La grana fina della pellicola, i toni freddi e nitidi, certi sfondi neutri e quasi svuotati dell'aria rimandano esplicitamente alle vecchie documentazioni etnografiche; se ne allontanano il rapporto indissolubile –quasi da giardino delle delizie- tra gli uomini e l'ambiente e il fascino che emana dai dettagli applicati sui corpi (scarnificazioni, piattini d'argilla inseriti nelle labbra, pittura bianca ecc.). L'obiettivo se ne serve nei ritratti di gruppo per distinguere le tribù, li contiene a stento nei primi piani intensificando nei volti e nei profili l'apparenza della nudità.
I kalashnikov ben visibili, piuttosto che assorbire ironicamente una distanza, confermano il forte realismo delle fotografie, prive di suggestioni magiche o animiste (a differenza ad esempio della bella serie di Cristina Garcia Rodero Rituales en Haiti 2001); allo stesso tempo adombrano una penetrazione atta a guastare questo Eden di dignità, in quanto oggetti precariamente disinnescati dall'antropocentrismo dei modelli.
Il senso di violenza sopita -indagata in una dimensione quasi ideale- è un tramite per la mostra antologica in cui è raccolta un'ampia selezione del lavoro di McCullin, dagli esordi londinesi ai più celebri reportage di guerra (Cipro, Congo, Vietnam, Bangladesh, Libano).
don mccullin_the tribes of southern ethiopiaOgni sua fotografia sembra il ritratto di un crimine, realizzato con una capacità non comune di individuare lo strato più profondo o il movimento del conflitto: a metà degli Ottanta pubblicò una serie impressionante sugli skinheads inglesi, nel 1968 fotografò la cucina di una famiglia di Bradford rappresentando lucidamente la follia e la rovina della povertà nella società dei consumi; a Beirut negli anni Settanta creò quella che sarebbe stata da allora l'immagine della città martoriata, morta, vuota.
Si tratta di un corpus di opere posto spesso al centro di letture teoriche (Sontag) e rielaborazioni narrative (De Lillo), fondamentale per il suo valore estetico e di documento storico. Mai imparziale o effimero, come dimostrano le fotografie dell'ospedale psichiatrico di Sabra dopo i bombardamenti israeliani (1982) e Un mercenario bianco e una famiglia congolese a nord di Stanleyville (1964), perfetta iconografia della tragica eredità del colonialismo.

articoli correlati
il fotogiornalismo di Magnum
Robert Capa
James Nachtwey

francesca zanza
mostra visitata il 7 aprile 2004


Don McCullin. The Tribes of Southern Ethiopia/Mostra antologica, a cura di Alessandra Mauro e Marco Delogu
Mercati di Traiano, Via 4 Novembre 94 (via Nazionale) www.fotografiafestival.it, 066790048, mar_dom 9-19, ch lun (la biglietteria chiude un'ora prima) ingresso intero € 6,20, ridotto e con go.card € 3,10


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Francesca Zanza
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandra Mauro, Don McCullin, James Nachtwey, Marco Delogu, Robert Capa
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram