Fino al 18.III.2017 - Alberto Scodro, EOCENE - CAR DRDE, Bologna 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 18.III.2017
Alberto Scodro, EOCENE
CAR DRDE, Bologna

   
  francesca ceccherini 
 
Fino al 18.III.2017 - Alberto Scodro, EOCENE - CAR DRDE, Bologna
pubblicato

EOCENE è l’era geologica in cui si formarono le grandi catene montuose che oggi conosciamo, il tempo in cui nacquero i primi mammiferi moderni, un’età significativa che pose le condizioni necessarie per la futura comparsa ed evoluzione dell’uomo. Fin dalle origini, l’essere umano creò una relazione profonda con il patrimonio minerale: dalla produzione dei primi utensili all’estrazione dei metalli, passando per le proprietà magico-religiose che gli erano riconosciute fino alle sperimentazioni alchemiche, e poi scientifiche, messe in atto in molteplici culture e geografie.  
Torniamo a oggi. "EOCENE" è anche il titolo della mostra personale dell’artista vicentino Alberto Scodro, classe 1984, che si apre da CAR DRDE a Bologna nei giorni di Arte Fiera.
Al centro della sua pratica vi è, silenzioso, il processo di fusione - con sabbie e metalli, vetri e pigmenti, ossidi e rocce, gessi e resine - attraverso il quale l’artista realizza sculture astratte, aleatorie, mimetiche di un mondo invisibile. 
Misurando il comportamento, la resistenza e la trasmutazione di materiali di origine minerale sottoposti al calore, Scodro produce manufatti senza tempo, temprati da una tecnica atavica ma fossili della contemporaneità, che pronunciano cromie delicate e morbide su superfici porose di sembianza tellurica, risultato di un processo imprevedibile e mai calcolabile. 

Alberto Scodro, EOCENE, CAR DRDE

Ed è proprio l’aspetto aleatorio a diventare una delle cifre stilistiche del lavoro, con il quale l’artista sperimenta la materia, subordinata al fuoco, e l’interazione spontanea degli elementi per favorirne la totale libertà morfologica. Attualizzando l’immagine archetipica dell’alchimista – è bello ricordare che in tempi remoti, con la nascita della metallurgia, l’alchimista era il "signore del fuoco”, colui che ne dominava il potere e che, per mezzo della fusione, perfezionava l’opera della natura – , Scodro lavora in prima persona nelle fonderie per osservare le mutazioni, le alterazioni, le opposizioni o gli incidenti formali degli elementi che si manifestano in composizioni intime e riservate.
Allestite dentro l’intero spazio della galleria, in equilibrio con le pareti in cemento e il pavimento plumbeo (finalmente un’alternativa al display del "white cube”), le sculture sono disposte a terra, come MOLE #1 e #2, le due fusioni di tane di talpa, rispettivamente in resina/terra e bronzo; oppure esposte a parete, come SPRING #11 o AUTUMN #3, che si offrono con superfici dense di colori e contrasti; o ancora discendendo dal soffitto, come UNTITLED (CHIMNEY BRUSH) che si concede allo sguardo da una prospettiva altera.
Infine, la scultura SPIGA D’ORATA, chiude il percorso: è la fusione in bronzo di una spiga e di una lisca di pesce (un’orata, per giocare con le parole usate nel titolo dall’artista) unite alle estremità e ricoperte in foglia d’oro. Come una sintesi tra terra e acqua, una ierogamia contemporanea, questa scultura dorata è l’unione simbolica dei due elementi da cui ha origine la materia. E il suo colore, allegorico ed eterno, ci suggerisce forse il fine ultimo dell’opera alchemica: la trasmutazione dei metalli in oro.

Francesca Ceccherini
mostra visitata il 28 gennaio

Dal 28 gennaio al 18 marzo 2017
Alberto Scodro, EOCENE
CAR DRDE
Via Azzo Gardino 14/a Bologna
Orari: da mercoledì a sabato dalle 15: alle 19:30
Info: www.cardrde.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di francesca ceccherini
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram