fino al 12.VII.2010 - Albino Manca - Cagliari, Legione dei Carabinieri 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/11/2018
Seduti su un girasole. Un nuovo spazio di design per Napoli
16/11/2018
Jeeg Robot torna a Roma. A Tor Bella Monaca completato l'ultimo lavoro dello street artist Solo
16/11/2018
Ritrovate in Francia pitture risalenti a 12mila anni fa. Erano sotto gli occhi di tutti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 12.VII.2010
Albino Manca
Cagliari, Legione dei Carabinieri

   
 Dalla Sardegna agli Stati Uniti. Il percorso artistico di Manca attraverso un centinaio d’opere, fra sculture, disegni preparatori, design e gioielli. Dal Ventennio al New Deal... Roberta Vanali 
 
pubblicato
Non passano certo inosservate le colossali statue bronzee che sovrastano il cornicione curvilineo del Palazzo della Legione dei Carabinieri a Cagliari. Quattro imponenti nudi, esasperati nell’accentuazione plastica e nell’aggressività delle pose, destinati a incarnare le virtù di fede, coraggio, disciplina e sacrificio e che in corso d’opera (1932), inevitabilmente, divengono pretesto per imporre concetti di stampo fascista.
Nonostante ciò, pochi sanno che Albino Manca (Tertenia, Ogliastra, 1898 - New York, 1976) ne è l’artefice. Probabilmente perché, come parte degli artisti sardi dell’epoca, ha pensato bene di varcare i confini dell’isola (per non tornare) e conquistare quella fetta di visibilità che altrimenti non avrebbe avuto.
Formatosi tra il cantiere del Vittoriano e l’Istituto di Belle Arti di Roma, esordisce con una serie di ritratti di propaganda fascista - in gran parte vittime della damnatio memoriae - per poi rientrare in Sardegna e affrontare la decorazione architettonica della Legione dei Carabinieri. In questa fase, lo scultore ogliastrino sembra ispirarsi alla purezza delle forme della statuaria di Adolfo Wildt per poi virare alla volta di Paul Manship, dopo il secondo periodo americano (1938). Epoca particolarmente fertile alla quale si devono gli Animalier, una ricchissima produzione di animali esotici e domestici in bronzo, argento e oro ispirata ai bronzi antichi così come la Pantera, un mix tra la Chimera d’Arezzo e la Lupa capitolina.
Albino Manca - Diving Eagle (particolare) - 1963 - East Cost Memorial, Battery Park, New York
Ma sarà nell’arte pubblica che Albino Manca avrà maggior fortuna. Dopo l’esordio con la mostra al Rockefeller Center (1940), recensita dal Times
, nel 1942 riceve la committenza per la decorazione dell’ufficio postale a Lyons in Georgia e, una volta membro della National Sculpture Society, riesce a scrollarsi l’appellativo di “Sardinian sculptor”, per il persistere di una ricerca ancorata alla tradizione.
L’opera più nota dello scultore rimane, infatti, il monumento ai caduti nel Battery Park a Manhattan: The Diving Eagle (1963). Una piazza in granito al centro della quale s’impone un’aquila dalle ali spiegate, in stile anacronisticamente déco, ma talmente enfatizzato nella geometrizzante nelle forme da conferire quella forza dinamico-espressiva indispensabile al complesso. Un personalissimo déco che si rende congeniale anche al suo ultimo grande progetto nell’intrecciarsi di motivi zoomorfi e fitomorfi che animano lo spettacolare cancello del Children’s Queen Zoo (1968).
Albino Manca - Gazzella e fico d’india - 1936 - bronzo e oro su base di travertino - cm 200x172x56 - Museo Albino Manca, Tertenia
Dopo la tappa capitolina, la mostra approda in Sardegna. Dal Complesso del Vittoriano a una esigua sala intervallata da pannelli bianchi che costringono un allestimento pesante e sofferente, non supportato da un’adeguata illuminazione e con didascalie non sempre corrette. Per farla breve, il consueto trattamento riservato ai conterranei “ritrovati”.

roberta vanali
mostra visitata il 29 giugno 2010


dal 22 giugno al 12 luglio 2010
Albino Manca - L’officina di uno scultore dal mito di Roma al sogno americano
a cura di Giuliana Altea e Caterina Virdis Limentani
Palazzo della Legione dei Carabinieri
Via Grazia Deledda, 2 - 09127 Cagliari
Orario: tutti i giorni ore 11-12 e 17-18
Ingresso libero
Info: tel. +39 0706696010

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Roberta Vanali
vedi calendario delle mostre nella provincia Cagliari
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adolfo Wildt, Albino Manca, Caterina Virdis Limentani, Giuliana Altea, Paul Manship, roberta vanali
 

1 commento trovato 

07/07/2010
babajaga, italia
C'è un motivo per il quale la Vanali recensisce questa mediocrità, peraltro senza grande acume a mio modestissimo parere, e tralascia invece iniziative e mostre di grande spessore e qualità in Sardegna? Gelosie, antipatie e conflitti di interesse regnano spesso sovrani, in questo ambiente: sarà mica questo uno dei casi? Non fa bene a noi lettori e all'approfondimento su una situazione che è importante monitorare, come ogni storico e critico d'arte, e giornalista di settore sa bene...

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram