fino all’11.V.2005 - Cosimo Epicoco – Cloni - Roma, Studio Arte Fuori Centro 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/05/2019
Party like an Architect. Gli studi di architettura di Napoli si presentano, con Camparisoda
20/05/2019
Spolverare la memoria. Le scuole di Roma ricordano le vittime del nazismo
20/05/2019
Manifesto per una Bauhaus viva più che mai. La mostra targata RUFA al Pastificio Cerere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino all’11.V.2005
Cosimo Epicoco – Cloni
Roma, Studio Arte Fuori Centro

   
 Dodici volti, undici dei quali sono di replicanti. Tutti in primissimo piano, tutti senza aprire gli occhi. Una via cosmetica alla perfezione. Radiografata mentre si incrina, olio su tela, per variazioni minime… Pericle Guaglianone 
 
pubblicato
Non basta chiudere gli occhi, quando scendono le lacrime. Così come non basta, per scongiurare il demone della deformazione fisica, approssimarsi ad un canone estetico a priori seduttivo. Quello proposto da Cosimo Epicoco (Brindisi 1967; vive a Roma), in una personale dall’impianto solido e stringente, è il primissimo piano di una sequenza –attualissima– di volti che ostentano un’idea cosmetica della perfezione. Undici replicanti undici e un solo originale –ma forse importa poco capire qual è – che prendono tutti a liquefarsi mentre, piangendo, nascondono lo sguardo.
La perizia pittorica è smagliante eppure affatto compiaciuta –eccoci al nuovo che avanza, l’olio su tela– e i lineamenti campeggiano ravvicinati, ora solenni ora mobilissimi, come indagati attraverso uno spioncino. Se l’iperrealismo è alle spalle, non lo è di certo l’inquietudine del dato oggettivo acciuffato senza fare sconti; sorprende, qui, che quel dato sia proprio una tipologia dell’avvenenza umana, riconoscibilissima eppure delineata con pochi, semplici colpi.
E infatti non c’è poi molto, di ciò che si possa soltanto elencare. C’è il rosso incandescente del lucidalabbra, e c’è il nero del rimmel. Ci sono, ovviamente, il silenzio e la magia di un viso prominente eppure distante, che vorrebbe negarsi. E c’è, infine, uno strano incarnato, freddo e insieme arroventato, di quel colore livido e indecifrabile che potrebbe essere un viola puro.
Ciò che conta, allora, è la tensione offerta dal punto di vista che distorce, il fatto che qualcosa debba andare irrimediabilmente perduto, progressivamente, tra un quadro e l’altro, in quella frazione di secondo che non si sa se appartenga a chi osserva o a chi ha deciso, dalla tela, di non guardare più. Così, in un incedere necessariamente circolare, impaginato ad anello, a sfigurare questi volti asettici interviene l’aritmia, congegnata come un’estenuata ripresa video, di una ricognizione vera e propria.
Insomma, qui si ragiona del tempo e dello statuto necessariamente pulsante dell’immagine, ma senza proporre la riflessione concettuale come un esercizio sterile e ostentato. E il clone del titolo, dal momento che il tempo che passa è sempre tempo che si vede, diventa propriamente colui che ha deciso di perderla, la faccia: l’uomo che, pur di farsi bello, non esita a chiudere gli occhi.

pericle guaglianone
mostra visitata il 4 maggio 2005


Cosimo Epicoco – Cloni – Studio Arte Fuori Centro – A cura di Ivana d’Agostino – dal martedì al venerdì 17-20 – Ingresso libero, Roma, via Ercole Bombelli 22 (00148) (Portuense) – Info: www.artefuoricentro.it – E-mail: info@artefuoricentro.it

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Pericle Guaglianone
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Dem, pericle guaglianone, Rossi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram