fino al 19.VI.2005 - Schiele / Abramovic / De Châtel - Amsterdam, Van Gogh Museum 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 19.VI.2005
Schiele / Abramovic / De Châtel
Amsterdam, Van Gogh Museum

   
 Piú di cento opere tra acquarelli, disegni e dipinti. Il museo olandese, omaggiando Schiele, si trasforma in palcoscenico per le performances di Marina Abramovic e Krisztina De Chtâtel... pierfrancesco gava 
 
pubblicato
Le numerose versioni dei Girasoli di Vincent Van Gogh furono presenti fin dal 1903 alle esposizioni della Secessione Viennese, influenzando l’art nouveau austriaca e non solo. Nel 1909 Egon Schiele omaggiò il maestro olandese con i suoi girasoli, opera in cui già si intravedevano alcune delle caratteristiche stilistiche che faranno di Schiele un artista intrigante: l’allungamento e la distorsione delle figure, le forme spigolose, i colori cupi su fondo chiaro. Questa la parte introduttiva -Gli anni giovanili- della mostra monografica organizzata dal museo Van Gogh, in collaborazione con il museo Albertino di Vienna.
A destare un rinnovato interesse per le opere di Schiele, dislocate su due piani e divise per argomenti in ordine cronologico, contribuiscono le performances di diversi artisti dell’IPG (Independent Performance Group) sotto la guida di Marina Abramovic e le coreografie di Krisztina De Châtel. Nell’intimitá delle sale della nuova ala del museo, paragonabili a quelle di un teatro, le due artiste si sono lasciate ispirare dal corpo umano nelle sue forme espressive piú estreme, reinterpretando le opere di Schiele con sensualità tutta contemporanea.

Nella sezione L’Espressionismo dei primi anni, al fascino delle opere dell’artista austriaco si aggiunge quello di alcuni video tra cui La fragilitá psichica dell’irlandese Declan Rooney che -braccia allungate verso la telecamera e mani penzolanti, per 30 minuti di fila- si mostra nell’identica posa assunta della piccola modella di uno dei lavori di Schiele (Bambina, vista di fonte, 1910).
Esibizionismo assoluto nella performance del russo Anton Soloveitchik: seminudo, quasi immobile, modifica le sue pose lentamente, non offrendo al pubblico nessun'altra icona se non il suo stesso corpo. Completa l’opera la lettura registrata (in cinque lingue) di alcuni testi di Schiele. Bene si accompagna questa performance alla sezione degli Autoritratt, in cui è evidenziata l’accusa di narcisismo scagliata verso Schiele dai suoi contemporanei. La prima sala si conclude con il Nudo femminile e il periodo trascorso in Prigione nel 1912 per l’accusa di abuso su minori a causa di alcuni disegni con soggetti infantili considerati materiale pornografico. L’itinerario prosegue nella seconda sala, dove l’attenzione si concentra sulla produzione matura dell’artista, con i Paesaggi e la sezione dedicata a Edith, la donna che Schiele sposò nel 1915, segnando il ritorno al grembo della società borghese, dopo quattro anni di “peccaminosa” relazione con la modella Wally Neuzil.

Sorprendono le coreografie di due danzatori mescolati tra il pubblico: intenti ad osservare una delle opere, iniziano a spogliarsi quasi rapiti dalle immagini, svelando delle tute aderenti su cui, come nei disegni di Schiele, sono accentuati i capezzoli e il pube. La coreografia della Chatel sottolinea l’idea del “corpo imprigionato” presente nei lavori dell’artista austriaco, costringendo gli espressivi e disarmonici movimenti dei danzatori intorno e all’interno di cubi di vetro. Nel più ampio spettacolo dal titolo Gradual and Persistent Loss of Control i ballerini danzano su un pavimento di metallo –i movimenti limitati dalle calamiti attaccate alle scarpe-, mentre un danzatore sul pianoforte accompagna le note della pianista Tomoko Mukaiyama.

articoli correlati
Egon Schiele in mostra a Palermo
performance romana per gli studenti di Marina Abramovic

pierfrancesco gava
mostra visitata il 2 giugno 2005


Egon Schiele / Marina Abramovic / Compagnia di danza Krisztina De Châtel
Amsterdam, Van Gogh Museum - Paulus Potterstraat 7
info. tel: 0031 – 20 – 5705200; fax: 0031 - 20- 6735053
info@vangoghmuseum.nl
www.vangoghmuseum.nl
orari: da lunedí a domenica, h. 10/18; venerdí, h. 10/22
Performances del IPG: dal lunedí alla domenica per tutto il tempo dell’apertura del museo (le performances e gli artisti cambiano ogni settimana).
Coreografie di K. De Châtel: ogni giorno alle 13.30 e alle 16.00
Gradual and Persistent Loss of Control: venerdí ore 20.15 e domenica ore 16.00 (dirata: 45 min.) - biglietti: € 10 (comprese le performances e le danze);13-17 anni: € 2,50; 0-12 anni: ingresso libero - Catalogo: “Egon Schiele: Love and death”


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di pierfrancesco gava
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Abramovic, Declan Rooney, Egon Schiele, Marina Abramovic, Van Gogh
 

trovamostre
@exibart on instagram