fino al 17.III.2007 - Sergio Zavattieri - Non esistono soluzioni intere positive all'equaz... 3057 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 17.III.2007
Sergio Zavattieri - Non esistono soluzioni intere positive all'equazione
Palermo, Zelle Arte Contemporanea

   
 Arte e botanica si intrecciano nel segno della dissimulazione. Tra finzione e documentazione, si innesca un sottile gioco iconografico. Un campionario di splendide piante rivive dentro misteriose fotografie... Helga Marsala 
 
pubblicato
Un titolo ambiguo, che funziona come preludio trasversale al gioco del paradosso e della dissimulazione. “Non esistono soluzioni intere positive all’equazione: a^n + b^n = c^n conn>2” è l’ultimo teorema di Fermat, giallo matematico risalente al 1637 e rimasto notoriamente insoluto. La storia vuole che lo scienziato, mentre leggeva l’Arithmetica di Diofanto, avesse scritto la legge in questione sul bordo di una pagina, aggiungendo un’arcana notazione: “Dispongo di una meravigliosa dimostrazione di questo teorema, che non può essere contenuta nel margine troppo stretto della pagina”. Inutile dire che la dimostrazione non fu mai trovata e che solo nel 1997, avvalendosi di scoperte recentissime, si riuscì a formularla. Possibile che Fermat ci fosse già arrivato? O stava solo bluffando? Eppure il teorema era corretto…
Parte da lontano, Sergio Zavattieri, per immetterci nel dedalo spigoloso del dubbio, delle verità ingannevoli, dei trucchi sibillini. L’aggancio col mondo della scienza avviene così attraverso il mistero di un celebre “teorema impossibile”, indizio di quell’ombra ambigua che perturba l’impalcatura logica della conoscenza.
Zavattieri si finge scienziato, osservatore attento e catalogatore di pregiate specie naturali. E, con le sue fotografie, si diverte ad evocare il sapore di vecchie stampe in bianco in nero, immaginarie illustrazioni di testi di botanica del primo Novecento.
Algide ed elegantissime, queste grandi foto raffigurano decine di esemplari vegetali, creature avvolte da una pelle tecnologica e retro. Si tratta in realtà di oggetti artificiali (piante e fiori di plastica, stoffa, resina, carta), fotografati con l’occhio analitico del ricercatore: un raffinato processo di post-produzione digitale completa la metamorfosi. Divenuti verosimili, gli equivoci corpi sintetici innescano l’inganno, restituendo la magia di una riesumata tavola da laboratorio.
Sovviene, per assonanza, l’incantesimo infuso da Hiroshi Sugimoto alle sue statue di cera, Zergio Zavattieri, Hemerocalle, 2006 soggetti inanimati a cui l’obbiettivo restituisce un alito di vita, generando l’illusione.
L’eco della vanitas scorre nei reperti botanici di Sergio Zavattieri. È il potere seduttivo della consunzione che illumina e vivifica questi lapidari shot travestiti da fasulli still life: frammenti imperituri aperti a un macabro refolo di morte. L’inorganico s’affaccia al di qua della superficie fotografica, subdolamente. Mentre vibrazioni epidermiche si fondono con l’agghiacciante silenzio dell’oggetto inerte.
Zavattieri gioca con un modello di fotografia fredda, illustrativa, di taglio documentaristico. Una fotografia “serva delle scienze e delle arti”, come avrebbe voluto Baudelaire, funzionale alla mera registrazione dei fenomeni: “adorni pure la biblioteca del naturalista” sentenziava il poeta, ma altro non sia che “il segretario e il taccuino di chiunque nella sua professione ha bisogno d'un'assoluta esattezza materiale”. Documentazione ed esattezza sembrano essere, così, l’orizzonte lucido del lavoro dell’artista palermitano. Se non fosse per quell’abile trucco “scenico” che, introducendo il seme dell’artificio e della finzione, apre la fotografia a una dimensione letteraria, teatrale, filosofica.

link correlati
www.sergiozavattieri.com

helga marsala
mostra visitata il 9 febbraio 2007


dal 9 febbraio al 17 marzo 2007
Sergio Zavattieri - Non esistono soluzioni intere positive all'equazione
Zelle Arte Contemporanea, Via Matteo Bonello 19 (90134) Palermo
+39 3393691961 (info) / www.zelle.it / zelle@zelle.it
dal lunedì al sabato 17-20 (possono variare, verificare sempre via telefono)


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Helga Marsala
vedi calendario delle mostre nella provincia Palermo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Baudelaire, Helga Marsala, Sergio Zavattieri, Sugimoto
 

22 commenti trovati  

17/05/2007
ta
chiesa=casa

17/04/2007
C.H.I.E.S.A.
Caro o cara francis foundation, ma che ti ha fatto "l'altra" galleria? Forse non ha esposto le tue pitturine? O le tue fotine? O le tue operette concentuali? Qualche problema di piccole tristi invidie cittadine?

15/04/2007
Maria Chiarello
la mostra era molto interessante, e la galleria lavora bene a quanto pare. non capisco il senso di alcuni commenti che sembrano solo inutili rancori personali...

07/04/2007
sandro
ma quale professionalita' l'altra galleria di palermo fa mostra di "artisti" siciliani discutibilissimi forse vuole qualche articolo in piu su arte e critica?

05/04/2007
C.H.I.E.S.A.
Non mi pare che sia la prima volta che una certa "galleria" si intrometta nelle recensioni "altrui"!

05/04/2007
stefano
effettivamente direi che sarebbe più opportuno (e forse anche più elegante) discutere temi al di fuori della mostra recensita in altra sede.

03/04/2007
giovane disgustato
e se la smettessimo (per favore)?

31/03/2007
francis foundation
non so quale sia la galleria di cui parli cara "zoe", ma di sicuro non è quella che si trova in casa di fp e pe.

31/03/2007
Zoe
Ma che minchia (con licenza) dite? l'unica galleria di Palermo? ma forse vi dimenticate dell'unica galleria palermitana che esce dal porto e viaggia anche verso le fiere, porta in città artisti di alto livello e con uguale professionalità promuove i giovani siciliani. non c'è nemmeno bisogno di dire qual è...

30/03/2007
Stefano
La mostra era veramente ottima. Lo spazio espositivo è inattaccabile. L'unica galleria a Palermo dove i giovani artisti (locali e non), possono fare delle mostre contando su una struttura solida che migliora di giorno in giorno. Bravi, veramente bravi.

29/03/2007
filippo filippo , palermo
la mostra è forse opinabile.
La galleria trovo sia una delle poche realtà valide in una città di sordi. spero si riesca a resistere alle intemperie.


27/03/2007
gigi
pessima mostra, pessima galleria, pessimo tutto

17/03/2007
m. b., Palermo
bei sicialiani aggiungerei.

17/03/2007
matteo h.
sono siciliani...

16/03/2007
g. governale
strano spazio espositivo, senza personalità come l'altro nel palazzo vecchio vicino il mercato

16/03/2007
marcello
complimenti, bel lavoro, le tre stampe grandi montate direttamente a parete erano poi veramente belle.

13/03/2007
Frances Skowroski
Ciao Federico
Complimenti al piú bello gallerista di palermitano. Un saluto di New York


13/03/2007
a.a.
bravo federico, complimenti. buon lavoro, baci

10/03/2007
Angela Viola, palermo
http://www.piziarte.net/viola.htm
Bravo Federico, Brava Helga e Bravo Sergio....ogni tanto ingranaggi nuovi e validi riescono a tenere in moto una macchina dell'arte che a Palermo funziona maluccio, perchè piena di ruggine e che necessita di pezzi di ricambio...Bravi. Lo spazio è molto interessante, Helga merita sempre tanta stima e Sergio ha proposto una bella ricerca....
Alla prossima.


09/03/2007
gianluca
bella recensione, bella mostra.

09/03/2007
claudio
sempre meglio di quello che alcune critichesse palermitane scrivono per giornalini!


09/03/2007
gigi
Ma dove le hai trovate tutte le cose di cui parli?... Recensione veramente pessima nonchè retorica.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram