Fino al 26.I.2001 - Onofrio Tomaselli – dipinti inediti - Palermo, Trionfante Antichità 3092 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/01/2019
Andy Wharol diventa un fumetto: la vita del genio della Pop Art narrata da Typex
16/01/2019
Al British Museum avevano in collezione un’arma letale ma credevano fosse un antico vaso
16/01/2019
A Roma, nuovo spazio dedicato alla fotografia. Apre Le Petit Atelier
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 26.I.2001
Onofrio Tomaselli – dipinti inediti
Palermo, Trionfante Antichità

   
 Il pittore bagherese Onofrio Tomaselli, che costituì una delle figure più rappresentative della pittura siciliana a cavallo tra il XIX e il XX secolo non sempre firmava e datava i suoi dipinti...  
 
pubblicato
Negli spazi di Trionfante Antichità, con il patrocinio del Comune di Palermo, ha luogo una mostra che ci permette di riscoprire molti capolavori del maestro di Bagheria che erano finora sfuggiti alla classificazione ufficiale. Artista prolifico, essendo uno dei più apprezzati ritrattisti di aristocratici, ricchi borghesi, e intellettuali della Bella Epoche palermitana fu il maestro di alcune generazioni di pittori siciliani del primo novecento fra cui Alfonso Amorelli ma anche di un altro celebre pittore bagherese, Renato Guttuso, che per sua stessa ammissione considerò quale imprescindibile punto di riferimento per la realizzazione de “La Zolfatara”, il dipinto intitolato “I Carusi” , di ispirazione verista, che Tomaselli presentò nel 1906 alla Esposizione internazionale di Milano e che si trova oggi alla galleria Moderna e Contemporanea di Palermo.

Tomaselli nasce il 3 agosto 1866 a Bagheria ed inizia la sua formazione presso lo studio del pittore palermitano Pietro Volpes, che era un manierista, discepolo del Patania. Successivamente soggiornò a Napoli subendo l’influenza della migliore scuola napoletana dell’epoca come Dalbono, Altamura e in particolare Morelli. Il suo esordio avvenne all’esposizione Nazionale di Palermo del 1891-92 con opere che risultano ad oggi disperse.Nella mostra visibile negli spazi di Trionfante Antichità, troviamo dei delicatissimi acquarelli raffiguranti volti o nudi di donna, così come ritratti e innumerevoli paesaggi ad olio su tavola o tela in cui possiamo intravedere -come d’altronde veniva tramandato ai posteri dal suo allievo Amorelli- una personalità appassionata della propria attività considerata anzitutto come mezzo di affermazione del proprio romantico desiderio interiore di creatività.


Articoli correlati:
NOVECENTO. Arte e Storia in Italia
Renato Guttuso.Dipinti 1945-1965
La pittura napoletana tra ‘800 e’900’


Ugo Giuliani



Palermo – Onofrio Tomaselli - dipinti inediti, Trionfante Antichità, Via Altofonte, 82, (ang. Viale Regione Siciliana) – 901129 Palermo.Tel 091 6687100 – Fax 0916687106.Ingresso gratuito.Le opere risultano raccolte in un catalogo.
Fino al 26 gennaio 2001



[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfonso Amorelli, Dalbono, Renato Guttuso
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram