fino al 6.I.2008 - Collage/Collages - Torino, GAM 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/11/2018
Al via i lavori della nuova Commissione per il Design promossa dal Mibac
12/11/2018
In ricordo di Milton Gendel. l'American Academy in Rome omaggia il fotografo statunitense
12/11/2018
Il manuale di calligrafia del XVI secolo di Georg Bocskay è ora disponibile online grazie al Getty Museum
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 6.I.2008
Collage/Collages
Torino, GAM

   
 Una riscoperta del collage in tutta la sua attualità. In una mostra che propone chicche di artisti famosi, ma anche personaggi meno noti. Eppure di grande interesse... tiziana conti 
 
pubblicato
Oltre 160 opere, per lo più di piccolo formato, che richiedono un’osservazione attenta, focalizzata sui dettagli. Un allestimento ineccepibile, con una scelta molto attenta da un punto di vista storico e scientifico. La mostra Collage/Collages dal Cubismo al New Dada offre la possibilità di addentrarsi in un ambito artistico di estrema attualità.
La tecnica del collage, che ha costituito sin dal Cubismo un approccio sperimentale all’arte, si è sviluppata nel tempo attraverso una pluralità di tracciati e, conseguentemente, di significati. Il che ha comportato la difficoltà di un’adeguata sistemazione nel contesto dell’arte contemporanea, che Lamberti identifica nella complessità del rapporto che si sviluppa tra “elementi eterogenei nel corpo della grafica e della pittura con soluzioni linguistiche di segno diverso”. La rassegna propone un percorso molto articolato, dagli anni ‘10 ai primi anni ‘60, evidenziando l’evoluzione di questa pratica artistica da un punto di vista cronologico, ma proponendo altresì un convincente confronto tra diverse tipologie di artisti. Pablo Picasso - Pipa, bicchiere, bottiglia di Vieux Marc (Natura morta - Cosicché il collage rivela tutta la sua complessità: elemento ludico ma anche strutturante, fino a diventare -nel secondo dopoguerra- omologo dei problemi della pittura, con strappi, materia e superfici che ne diventano espressione evidente.
Il percorso procede quindi dalle origini cubiste al Futurismo -che gli si contrappone, mettendo in primo piano l’energia e il movimento- al Surrealismo che evidenzia la dimensione onirica, al Dada che esprime, con la provocazione e l’aggressività, le tensioni storico-sociali. Le proposte danno spazio anche a figure meno note ma ben contestualizzate. Lo spettatore, che si confronta all’inizio del percorso con i papier collé di Picasso e Braque, subito dopo incontra il collage futurista, che ne capovolge gli assunti ponendo in primo piano la dynamis. Particolarmente interessanti risultano i lavori incentrati su temi di attualità storico-politica. Si vedano Guerra navale nell’Adriatico (1914) di Carlo Carrà, le cui scritte sottolineano il tono patriottico, o il provocatorio Grammofono (1915) di Adolf Wolfli, dove stralci di giornali d’epoca sono inseriti in una composizione pittorica che costituisce una cornice ideale al testo; o, ancora, il Gallo (1919) di Hannah Hoch, la cui figura è ricoperta di brani di giornale. Filippo Tommaso Martinetti, in Vitesse élégante (1916), pone l’accento sull’energia, utilizzando icone-simbolo come la macchina, l’aereo, il cavallo; e Il marinaio Fritz Muller da Pieschen (1919) di Otto Dix suggerisce allo spettatore una decodificazione ironica e disincantata della realtà.
Suggestioni tra figurazione e astrazione scaturiscono dai lavori di Kurt Schwitters, che evidenziano un gusto deciso per la grafica editoriale. Kurt Schwitters - Senza titolo (MAR) - 1937-38 - Kurt und Ernst Schwitters Stiftung, HannoverMax Ernst si muove tra Sogni e allucinazioni (1926), Carol Rama introduce al suo teatro onirico, Prévert annulla la distanza temporale, provocatoriamente, nell’Incontro di Picasso e Napoleone Bonaparte a Versailles ai giorni nostri (1955 ca.). Una chicca sono i collage di Matisse, realizzati nell’ultimo periodo della sua vita, durante le notti insonni nelle quali la malattia lo induceva a ritagliare e stratificare, dando vita a un mondo variegato, i cui protagonisti sono il jazz, i clown, il circo.
Del secondo dopoguerra sono proposti i due versanti, americano ed europeo, dai quali, come sostiene Maria Grazia Messina, nasce “una nuova generazione di artisti, accreditata dalla mostra The news Realists aperta nello scorcio del 1962 alla Janis Gallery, che pone in evidenza un realismo attraverso il quale l’opera diventa un conglomerato di fatti, del tutto confusa alla realtà del mondo”. Lo spettatore è condotto in un percorso nel quale incontra gli “strappi” di Vostell, Rotella, Arp, Jorn, Appel, Tàpies, Pirandello, Vedova, Saura, Hains, Scheggi; le “materie” di Burri, Albers, Scialoja, Marca-Relli, Dubuffet, Baj, Rauschenberg, Paolini; le “superfici” di Motherwell, Turcato, Capogrossi, Kline, Novelli, Afro, Tancredi, Guttuso, Corsi, Ron Kitaj, Manzoni.

articoli correlati
Dada a Pavia

tiziana conti
mostra visitata l’8 ottobre 2007

*foto in alto: Max Ernst - Sogni e allucinazioni (particolare) - 1926 - Musée d'Unterlinden, Colmar


dall'otto ottobre 2007 al 6 gennaio 2008
Collage/Collages. Dal Cubismo al New Dada
a cura di Pier Giovanni Castagnoli, Maria Grazia Messina, Maria Mimita Lamberti
GAM – Galleria d’Arte Moderna e contemporanea
Via Magenta 31 (zona Politecnico) - 10128 Torino
Orario: da martedì a domenica ore 10-18, chiuso lunedì. Ultimo ingresso ore 17
Ingresso: intero € 7,50; ridotto € 6; gratuito il primo martedì del mese
Catalogo Electa
Info: tel. +39 0114429518; fax +39 0114429550; gam@fondazionetorinomusei.it; www.gamtorino.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di tiziana conti
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Afro, Braque, Burri, Capogrossi, Carlo Carrà, Carol Rama, Dubuffet, Guttuso, Hannah Hoch, Kurt Schwitters, Manzoni, Maria Grazia Messina, Maria Mimita Lamberti, Matisse, Max Ernst, Otto Dix, Picasso, Pier Giovanni Castagnoli, Rauschenberg, Rotella, Tancredi, Tàpies, Tiziana Conti, Vedova
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram