fino al 5.III.2008 - Claude Closky / Maria Adele Del Vecchio - Prato, Enrico Fornello 3059 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/11/2018
#MyRavenna. Be inspired: un video contest per raccontare la città
19/11/2018
Leda e il cigno, a luci rosse. Una nuova pittura parietale emerge dagli scavi di Pompei
19/11/2018
50mila fuochi d'artificio sul cielo di Firenze. La performance pirotecnica dell'artista cinese Cai Guo-Qiang
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 5.III.2008
Claude Closky / Maria Adele Del Vecchio
Prato, Enrico Fornello

   
 Due spazi per due artisti che espongono in contemporanea alla galleria Enrico Fornello di Prato. In Claude Closky è la relazione a prendere il sopravvento. In Maria Adele Del Vecchio è invece il racconto... Daniela Cresti 
 
pubblicato
La relazione tra i segni e le cose si propone affermativamente nel titolo della mostra di Claude Closky (Parigi, 1963). Yes come asserzione d’intervento dinamico dello spettatore, che interagisce con l’opera e se ne appropria. Ma la relazione è qualcosa di più della sommatoria delle singole componenti. Tutto ciò che emerge nella comunicazione tra i soggetti e il comportamento interattivo con le cose va al di là dell’individuo stesso. Nella relazione sta lo svolgersi della vita quotidiana.
Closky esprime un’ottima capacità di esaminare e riprodurre il dettaglio con un’ottica dilatata e deformata. Si muove con estrema competenza nell’universo dei segni, avvalendosi di molteplici mezzi espressivi come video, sonorità, pittura, applicazioni digitali e internet. Nell’installazione che campeggia al centro dello spazio P27 della galleria dominano quattro cabine elettorali dove si può esprimere il proprio voto per via telematica. Ma né l’individuo né le modalità di comunicazione hanno un senso dialettico.
C’è un gap concettuale tra le aspettative personali e l’attuazione dell’intento: la scelta non ha nomi e non ha segreti, anzi viene trasmessa nell’intero spazio circostante. Si agisce sul nulla, un paradosso che sfalsa i significati normalmente associati ai linguaggi comunicativi. La relazione s’incrina, s’infrange nella diffusione sonora che accompagna la decisione dentro le urne e non suggella guarigioni, ma perpetua la cristallizzazione identitaria del ciò che eravamo e continuiamo a essere.
Claude Closky - Yes - 2008 - veduta dell'installazione presso la Galleria Enrico Fornello, Prato
In Maria Adele Del Vecchio è invece il racconto l’interfaccia del suo esprimersi in No End Is Limited, nello spazio P21 della stessa galleria. Raccontarsi ha capacità terapeutica. È mettere distanza tra ciò che si è e il “restauro” delle crepe e dei danni della propria esistenza. Attraverso la metafora narrata della vita, l’artista estrapola gli aspetti salienti di valutazioni e scelte creative.
Esporre attraverso le opere eventi reali o immaginati del vissuto trasforma l’“uomo senza qualità” in assunto politico e prende forma nella figura di Gaetano Bresci. La sua immagine ricorre nelle opere esposte, come in Selfportrait as Gaetano Bresci, e in essa Del Vecchio trova un’intima identificazione. È un modo per svincolarsi dalla massa anonima, è costruirsi un’identità personale più che politica, è capacità di esprimersi e fClaude Closky - Yes - 2008 - veduta dell'installazione presso la Galleria Enrico Fornello, Prato
are arte, è svincolo dagli schemi.
Foto, sculture e installazioni testimoniano la volontà dell’artista di ricondurre il disagio esistenziale nella dimensione storica e di sostenere il peso della solitudine. È lei stessa che si ritrae mentre entra vestita in un mare invernale: sola, senza soggiacere alla solitudine. Il mare è di un azzurro imperante, sembra condurla verso quel destino che lei, come l’anarchico Bresci, vuol cercare di cambiare.

articoli correlati
Closky al Madre di Napoli
Maria Adele Del Vecchio da Supportico Lopez

daniela cresti
mostra visitata il 13 febbraio 2008


dal 19 gennaio al 5 marzo 2008
Claude Closky - Yes
Maria Adele Del Vecchio - No end is limited
a cura di Stefania Palumbo
Galleria Enrico Fornello
Via Paolini, 21/27 - 59100 Prato
Orario: da martedì a sabato ore 11-13 e 15-20
Ingresso libero
Info: tel. +39 0574462719; fax +39 0574471869; info@enricofornello.it; www.enricofornello.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Daniela Cresti
vedi calendario delle mostre nella provincia Prato
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Claude Closky, Maria Adele Del Vecchio
 

2 commenti trovati  

28/03/2008
laura
tipico atteggiamento da raccomandazione italiana, dopo bruna roccasalva che è curatrice alla gamec di bergamo e ha spinto il fratello in ogni dove adesso la sorella di gigiotto del vecchio in una mostriciattola curata dalla fidanzata di lui.L 'italia è questa, questo è il suo specchio, gigiotto ha sempre lavorato così, chi lo conosce lo sa benissimo

21/02/2008
italo b., italia
La mostra di Maria Adele Del Vecchio curata dalla compagna di Gigiotto Del Vecchio (il fratello). Che vergogna.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram