fino al 13.XI.2008 - Angelo Bellobono - Roma, Cantine B.o.x. 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 13.XI.2008
Angelo Bellobono
Roma, Cantine B.o.x.

   
 Dinamismo, mobilità, spostamenti storici e attuali attraverso i sotterranei dell’umanità. In un determinante non-luogo dell’arte. Per portarci dove non avremmo mai avuto il coraggio di penetrare. E farci conoscere quello che non avremmo mai voluto sapere... angel moya garcia 
 
pubblicato
Se la mostra Bring me back_High di Jessica Iapino sembrava aprire una strada apparentemente senza uscita, debole e inconcludente, lasciando un vuoto concettuale che lo spettatore stentava a colmare, la personale Chist’è ‘o paese d’’o sole di Angelo Bellobono (Nettuno, Roma, 1964) chiude accuratamente il cerchio, conferendo all’insieme del progetto un significato chiaro e ben preciso per lo spettatore, ma allo stesso tempo complesso e difficile da digerire per la società perbenista.
Due capitoli indipendenti ma complementari della teoria ad alta digeribilità, proposta dal curatore Alessandro Facente, in cui si questionano i limiti del corpo e le sue conseguenti reazioni psichiche. Così, se nella prima mostra si effettuava un’analisi della malattia e del distacco del corpo, la seconda si centra sul concetto di reazione mentale. Partendo da una metafora legata all’alimentazione, in questo caso la modifica in laboratorio del latte per renderlo facilmente digeribile, il curatore analizza il rapporto tra l’immagine psicologica comunemente accettata del benessere e tutto ciò che si cela dietro quest’elaborata scenografia.
In questo modo vengono esaminate le sue grandi contraddizioni, svelando in qualche modo come il beneficio di alcuni possa derivare da un malessere, o almeno da un maggiore impegno, da parte di altri. Su questo tema s’inserisce l’opera di Bellobono, che presenta proprio nei sotterranei della nostra realtà un mondo dove non avremmo mai avuto il coraggio di penetrare e che non avremmo mai voluto conoscere.
Angelo Bellobono - Chist'è 'o paese d''o sole project - 2008 - video installazione
L’inizio del percorso è segnato da una scritta luminescente all’esterno, che rimane tuttavia incomprensibilmente spenta. Una porta scende verso i sotterranei e invita ad addentrarsi in un luogo sconosciuto, dove l’angoscia e l’insicurezza provocano un lacerante malessere. Questa sensazione aumenta davanti a una porta metallica forata e socchiusa, che lascia intravedere una stanza con attrezzature sportive destinate, mediante un congegno a dinamo, a illuminare la scritta all’esterno. La necessità di un motore umano o meccanico confinato e nascosto nella penombra diventa metafora politica e sociale del bisogno di un mondo sotterraneo in grado di conservare il benessere in superficie.
Due video-installazioni della serie Temporary runner completano il percorso, sviluppando un’utopica migrazione decontestualizzata su un territorio ignoto, in cui si analizzano non soltanto il dinamismo e la mobilità culturale delle migrazioni, ma anche le reazioni motorie in confronto a una vita passiva e apatica, carente di ogni incognita, scevra di ogni rischio.
Angelo Bellobono - Chist'è 'o paese d''o sole project - 2008 - scritta luminescente su lighting-stripe
Un progetto sperimentale, realizzato lontano dagli spazi solitamente deputati dell’arte, in cui si stabilisce una forte empatia, scuotendo e sconvolgendo ogni spettatore. Che non sarà mai più in grado di dimenticare a chi deve la propria confortevole quotidianità.

articoli correlati
Pittura e fotografia, fra vino e olio. Mostra trasversale per lo spazio romano B.o.x.

angel moya garcia
mostra visitata il 31 ottobre 2008


dal 9 ottobre al 13 novembre 2008
Angelo Bellobono - ad alta digeribilità: Chist’è ‘o paese d’’o sole
a cura di Alessandro Facente
Cantine B.O.X.
Vicolo Sugarelli, 18 - 00186 Roma
Orario: da martedì a venerdì ore 17-19
Ingresso libero
Info: tel. +39 066892431; g.terrinoni@lunion.it; www.fondazionevolume.com


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di angel moya garcia
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandro Facente, Angelo Bellobono
 

2 commenti trovati  

01/04/2009
Marco, Roma
A mio parere questo "critico" evidentemente troppo acerbo, non scrive per l'arte in quanto dimostra incapacità di assimilare e scarsa sensibilità nell'osservare i contenuti che andrebbero valutati in modo obiettivo. Leggendo altri suoi articoli sembra quasi che scriva per isterismo personale.

06/02/2009
Barbara, Roma
Mi chiedo se il recensore abbia di fatto visto la mostra "Bring me back_High" di Jessica Iapino che di fatto non ha lasciato alcun vuoto allo spettatore. Al contrario di come viene descritto in questo lacunoso articolo non era debole ma ha dimostrato di essere un lavoro ben costruito e di forte contenuto e contemporaneità.
Interessantissimo inoltre il progetto e anche la mostra in questione di Angelo Bellobono.


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram