fino al 31.I.2010 - Elliott Erwitt - Roma, Palazzo Braschi 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/09/2018
David Lynch pubblicherà un album con il compositore Angelo Badalamenti
20/09/2018
La fantascienza è adesso. Ancora pochi giorni per partecipare al bando di Festival Robotics
20/09/2018
Ikebana con Malevic. I vasi e le lampade suprematiste dello studio di design NOOM
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 31.I.2010
Elliott Erwitt
Roma, Palazzo Braschi

   
 Roma dentro Roma. Nello splendido palazzo, dopo Cartier-Bresson sono in mostra le opere di un altro geniale interprete della fotografia. Immagini che ritagliano nella storia capitolina istanti della vita in città... alessandro iazeolla 
 
pubblicato
I suoi occhi non sembrano proiettare ombre. Sono trasparenti. Come lo sarebbero i vetri della sua Leica inseriti in una sagoma ritagliata. È la semplice ombra di un uomo su un prato: un autoritratto del 1991 con cui Elliott Erwitt (Parigi, 1928; vive a New York) si presenta nel catalogo della mostra accanto alla propria nota biografica.
Ironico, curioso e indagatore, Erwitt dipinge una capitale vista e rivista nelle sue innumerevoli incursioni tra il 1955 e il 2008, da reporter e da viaggiatore. Talvolta pragmatico, quando riveste il ruolo di giornalista della leggendaria Agenzia Magnum, talvolta dissacrante, quando vaga per la città alla ricerca di aspetti sorprendenti. Ma la sua ricerca è costantemente focalizzata sulla gente, anche quando - di rado - nelle sue fotografie regna la solitudine. Perché allora a popolare il suo mondo sono le statue, che sembrano vivere e dialogare solo per effetto delle intuizioni nelle inquadrature e nelle geometrie.
Erwitt invita continuamente l’osservatore a scoprire il segreto delle sue immagini deserte, come la prospettiva della Via Appia Antica (1959), in cui le vestigia romane paiono dialogare animatamente per effetto del profilo grottesco che si intuisce in una frammentaria paratia in mattoni. Frutto di una percezione prospettica non meno fantasiosa di quella che gli suggerisce di “caricare” sul tetto di una Topolino il peso della statua di parlante di Madama Lucrezia (1955).
Elliott Erwitt - Città del Vaticano - 1978 - stampa fotografica - cm 24x30 - © Elliott Erwitt/Magnum Photos/Contrasto
Lo spirito della ricerca geometrica attraversa l’intero arco dei lavori in esposizione, anche se nelle 25 opere degli anni ’50 e ’60 si scorgono con maggior chiarezza i valori formali e compositivi, rafforzati dall’affascinante sedimentazione del tempo. Quel nunc che Benjamin aveva tanto chiaramente enunciato - quale contrassegno dell’opera d’arte - nella sua coniugazione con l’hic, qui fortemente espresso dallo straordinario genius loci della metropoli.
L’abilità nel notare il soggetto, studiarlo e organizzare l’inquadratura seguendo il proprio intento narrativo è un’attitudine assolutamente istintiva in Erwit, dal momento che rifugge a priori filosofie e idee precostituite. Lo dichiara apertamente nella bella intervista recentemente rilasciata a Manuela del Leonardis proprio in occasione della mostra romana.
Queste singolari capacità non sfuggirono a Robert Capa, che lo invitò ad associarsi alla Magnum Photos, di cui divenne membro dal 1953. Per la storica agenzia, alla quale hanno collaborato i maggiori interpreti della fotografia contemporanea, Erwitt continua tuttora a lavorare su progetti di tipo giornalistico e commerciale. Nei suoi innumerevoli servizi da freelance per i magazine Collier's, Look, Life e Holiday non perde mai di vista la commedia umana, più volte raccontata anche attraverso il rapporto con gli animali e in particolare i cani, che non mancano neanche nell’esposizione romana.
Elliott Erwitt - Roma - 1955 - stampa fotografica - cm 24x30 - © Elliott Erwitt/Magnum Photos/Contrasto
Puoi trovare immagini ovunque”, afferma. Basta essere ricettivi, aver occhi per la speranza e non per i preconcetti. E infatti, a ben vedere, in quell’autoritratto i suoi occhi sono in realtà due fiori di campo. Quelli che arricchiscono l’animo di chi sa coglierli. Come gli istanti incantati colti da Erwitt.

articoli correlati
Un fotografo senza idee: intervista a Erwitt

alessandro iazeolla
mostra visitata il 27 novembre 2009


dal 12 novembre 2009 al 31 gennaio 2010
Elliott Erwitt - Roma. Fotografie
a cura di Alessandra Mauro

Palazzo Braschi - Museo di Roma
Via di San Pantaleo, 10 (zona piazza Navona) - 00186 Roma
Orario: da martedì a domenica ore 9-19 (la biglietteria chiude alle 18)
Ingresso: intero € 8; ridotto € 6
Catalogo Contrasto
Info: tel. +39 060608;
museodiroma@comune.roma.it; www.museodiroma.it

[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessandro iazeolla
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alessandra Mauro, alessandro iazeolla, Cartier-Bresson, Elliott Erwitt, Manuela del Leonardis, Robert Capa
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram