fino al 6.VI.2010 - I Mutanti - Roma, Villa Medici 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/10/2018
Bansky ha pubblicato un video in cui svela i dettagli dietro la distruzione di Girl With Balloon
19/10/2018
Al Palacio de Gaviria di Madrid va in scena Domus, la personale di Francesca Leone
19/10/2018
Strabismo di Leonardo. Il disturbo sarebbe stato decisivo per le sue opere
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 6.VI.2010
I Mutanti
Roma, Villa Medici

   
 Tra immobilismo storico e spostamenti crescenti, accenni alla matrice socio-culturale e la spinta a superarla. Cinque artisti, cinque profili, una raccolta dichiaratamente multiculturale... Federica la Paglia 
 
pubblicato

Il concetto di identità è al centro della mostra proposta dall’Accademia di Francia. Un tema variamente intrecciato ad altre questioni come tradizione, colonialismo, post-colonialismo e migrazione, tutte sfaccettature che, seppur variamente evidenziate nel bel catalogo editato, non sembrano emergere nel progetto espositivo. È più evidente forse un approccio al tema identitario considerato nelle sue continue trasformazioni, nell’ottica di quella liquidità teorizzata da Zygmunt Bauman che, però, nella complessità del percorso appare in parte tradita dalla lettura di racconti separati, non di capitoli di un’unica scrittura di per se stessa segnata di una sequenzialità liquida che l’idea di mutazione del titolo rimanda.

Non a caso il progetto viene dichiarato come una raccolta di cinque mostre che, forse anche per questo, finisce per affrontare l’ibridismo nel riferimento ai differenti strumenti espressivi utilizzati dagli artisti invitati: video, pittura, fotografia, installazione.

I diversi racconti/mostre segnano diversi momenti dunque. Ad Adrian Paci il curatore affida il tema dell’identità migrante. L’artista, attraverso diversi lavori, l’affronta con la costante tensione politica che caratterizza tutta il sua ricerca, seppure con senso ironico che si fonde a una certa tenerezza divertita in I love the gallerists and they love me, “corollario” di lavori più strettamente legati al concetto di spostamento umano ma espressione delle conseguenze personali e sociali che il suo caso individuale ha prodotto.

Adel Abdessemed – Dio – 2010 - proiezione video (loop), colore, audio, 16:9 - edizione speciale realizzata in occasione della mostra a Villa Medici
Adel Abdessemed
, attraverso Dio - video realizzato a Villa Medici per l’occasione – lavora sulla tradizione culturale. Il riferimento alla storia di Roma e più in genere occidentale passa per l’origine cristiana, nodo dei dibattiti sull’identità che proprio l’attualità socio-politica europea mette al centro di una opposizione all’inevitabile mutazione del profilo caucasico, figlia dei flussi migratori.

La pittura figurativa Djamel Tatah ha il sapore di un’analisi psicologica. I suoi personaggi sono silenti, con attitudine introspettiva, soli anche quando vengono ritratti in gruppo. I loro sguardi non si incrociano mai e finiscono a terra o in un volo incontrollato. Il loro è uno stato di sospensione, fisica ed emotiva, psicologica e sociale. La storia personale di certo incide nella ricerca di Tatah, francese di origine algerina.

Ellen Gallagher – Osedax – 2009 - installazione multimediale con scatola incisa, proiezione 16 mm, proiezioni di diapositive e una sequenza di sei incisioni - cm 244x450x500 - courtesy gli artisti & Hauser & Wirth, Zurigo-Londra
E ancora in mostra Ellen Gallagher con la sua stanza nell’Atelier del Bosco e il lavoro di Stephen Dean che (si) rimanda quell’idea di continuità liquida attraverso il movimento che l’effetto dell’infrarosso dei suoi video regala: una visione nell’intimità fisica più segreta che scioglie ogni confine tra il dentro e il fuori, offrendo una sequenza spazio-temporale priva di cesure e in perenne trasformazione.

 

articoli correlati

Adel Abdessemed e il concetto d’identità

Contemporaneo Liquido da Franco Soffiantino

Storia, memoria, identità nella fotografia recente

 

federica la paglia

mostra visitata il 29 marzo

 


dal 29 marzo al 6 giugno 2010

I Mutanti

a cura di Eric de Chassey

Villa Medici - Accademia di Francia
Viale Trinità dei Monti, 1 (zona piazza di Spagna) - 00187 Roma
Orario: da martedì a domenica ore 11-19
Ingresso: intero € 8; ridotto € 5
Catalogo Drago
Info: tel. +39 06676291; fax +39 066761243; stampa@villamedici.it; www.villamedici.it


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Federica la Paglia
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adel Abdessemed, Adrian Paci, Djamel Tatah, Ellen Gallagher, Eric de Chassey, federica la paglia, Franco Soffiantino, Stephen Dean, Zygmunt Bauman
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram