Fino al 11.XI.2001 - Mauro Chessa. La buccia delle cose - Torino, Sala Bolaffi 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 11.XI.2001
Mauro Chessa. La buccia delle cose
Torino, Sala Bolaffi

   
 Prosegue il rilancio di Torino quale centro culturale primario del Piemonte - ma non solo - con un’antologia dedicata a Mauro Chessa, grande protagonista a partire dagli anni Cinquanta...  
 
pubblicato
La mostra dedicata a Mauro Chessa fa parte del ciclo di esposizioni che a partire dal 1998 la Regione Piemonte - in collaborazione con la Bolaffi – promuove per presentare artisti piemontesi operanti a partire dagli anni ’50. Così successe con le precedenti mostre dedicate a Francesco Tabusso, Romano Campagnoli, Ezio Gribaudo, Enrico Colombotto Rosso, Francesco Casorati, Piero Bolla.
Tale lavoro si rivela significativo per diverse ragioni, una delle quali è l’importante contributo bibliografico ed iconografico che si offre anche al pubblico più giovane che ha così modo di conoscere questa generazione di artisti da considerarsi a pieno titolo dei maestri.Chessa
Mauro Chessa, Aimone, Tabusso, Saroni e Francesco Castrati, già compagni all’Accademia, formarono un gruppo di amici che ruotò intorno alla rivista “Orsa minore” portando avanti un discorso comune - citando le parole del curatore prof. Marco Rosci - elemento significante e caratterizzante dell’esperienza torinese, come invece non accadde a Milano dove, in quegli anni, prevalse l’individualismo.
A partire da “amici di Francesco Casorati” si snoda il percorso espositivo con le tele baconiane (Bacon fu fonte d’ispirazione in tele come “zuffa di cani” del 1960 o di “donna sola” sempre di quegli anni) inframmezzate da qualche incursione Pop.
Al piano inferiore della Sala Boffi, separato da una scala che idealmente segna il prima ed il dopo della sua esperienza, si possono osservare le opere del secondo periodo, quello nel quale abbandona la corrente per seguire una propria via, per creare un linguaggio personale. Le tele ora divengono più realiste e qui emerge in modo innegabile la lezione dei maestri dell’Accademia. Da questo momento in poi, e dopo un silenzio durato molti anni nel quale Chessa non espose nulla, ma dipinse ed insegnò, la sua opera cambia totalmente aspetto, acquisisce un carattere assolutamente rinnovato. La passata esperienza cinematografica in questo senso ha avuto una forte influenza. Gli scorci di reperti industriali, fiumi, ponti, staccionate, fili dell’alta tensione, rappresentano una realtà così vivida che si rimane incantati ad ascoltare il silenzio. ChessaIn alcune tele sembra poter visualizzare flash che riportano al Neorealismo cinematografico o addirittura ad alcune opere letterarie di Pasolini – anche se i contenuti sono assolutamente non drammatici, il sapore di quelle periferie desolate è talmente singolare che non si può resistere alla tentazione di fare tale accostamento. Quelli di Chessa sono paesaggi reali, ma anche paesaggi inventati, luoghi che non ha mai visitato ma che in qualche modo ha sognato. Così è per Suomi, acquaforte del 1997 che rappresenta un villaggio nordico. Egli ritaglia ed assembla a modo suo i pezzi della realtà. Attraverso i grandi tasselli di una sorta di collage si possono intuire attimi di vita e di grande passione per il proprio lavoro. Scorci di realtà e squarci di vita. Mi piace pensare che le due cose siano intricate ed indistinte, e sicuramente lo sono.

Articoli correlati
Torino senza schemi. Un percorso nella cultura figurativa torinese da Alighiero Boetti…a Francesco Tabusso
Romano Campagnoli
Francesco Casorati
Piero Bolla

Michela Cavagna
Mostra visitata il 27 settembre 2001


Mauro Chessa. La buccia delle cose Torino, Sala Bolaffi, via Cavour, 17. Dal 28 Settembre all’11 Novembre 2001; orario: da martedì a domenica dalle 10.30 alle 19.00, chiuso lunedì; ingresso: libero; accesso disabili: sì; servizi igienici: sì; book shop: sì; catalogo: £ 50.000 Giulio Bolaffi Editore;; per informazioni: tel. +39 011 5576300.

[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alighiero Boetti, Dem, Ezio Gribaudo, Francesco Casorati, Pasolini, Saroni
 

1 commento trovato 

10/10/2001
stefano, milano/italia
vorrei far si che a una persona creativa arrivano le vostre e-mail con le informazioni/novità riguardanti l'arte.
l'indirizzo e-mail a cui mandare gli "aggiornamenti" è mcaloni@compuserve.com. Se e' possibile segnalarle che la fonte di tutto è il suo amante/fidanzato.
certo di un vostro interessamento saluto cordialmente.
stefano


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram