READING ROOM - Il ritorno alle radici della fotografia di Italo Zannier 3925 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Allons Enfant/6
Reading Room
CINEMA
Reading Room
Lettera Aperta
PREVIEW
Exibart.segnala
sondaggio
La nomina a curatore del padiglione Italia di Vincenzo Trione ha suscitato diverse perplessità. Che ne pensate voi?
• C'erano sicuramente addetti ai lavori più qualificati e non è possibile che in Italia tutto passi all'infuori del merito!
• Potrebbe essere una sorpresa, anche se non è "ufficialmente" un curatore
• Farà un bel Padiglione, d'altronde è una voce fuori dal coro del solito di giro di musei, direttori, curatori etc
• Sarà un'altra Biennale in cui l'Italia farà una figuraccia
• Metterà in mostra qualche amico più o meno conosciuto
recensioni
rubriche
         
 

READING ROOM
Il ritorno alle radici della fotografia di Italo Zannier

   
 di Ivan Fassio
È appena uscita la nuova edizione di Storia della fotografia Italiana dalle origini agli Anni '50. Un classico per rivalutare i primi anni della fotografia in Italia e per stabilire connessioni con la situazione attuale
 ivan fassio 
 
pubblicato lunedì 11 febbraio 2013
L'Editrice Quinlan, da quasi dieci anni impegnata nell'intento di alzare il livello della discussione sulla fotografia e sui nuovi media audiovisivi attraverso la realizzazione della rivista Around Photography, approdava, già dal 2006, ad un'attività propriamente editoriale, riproponendo in una nuova edizione il saggio di Francesca Alinovi e Claudio Marra La fotografia. Illusione o rivelazione? Riflessioni sulla scena internazionale, condotte ad un livello interdisciplinare, venivano ripresentate in un momento in cui un incrementato interesse culturale nei confronti della fotografia ne rendeva indispensabile un approccio metodologico legato allo studio di fenomenologie e contaminazioni con le altre arti.
Con la ripubblicazione del fondamentale saggio di Italo Zannier Storia della fotografia Italiana dalle origini agli Anni '50, l'editore vuole affrontare specificatamente l'ambito nazionale. Uscito nell'occasione dell'ottantesimo compleanno dell'autore, il volume dello studioso e fotografo si presenta ormai come un classico, opera che potrà farci riscoprire i primi sottovalutati 120 anni della fotografia in Italia, portandoci a stabilire interessanti connessioni con la situazione attuale.

Nino Migliori, La Bottega del Barbiere, 1955

Fotografo di ambiente e di architettura, documentatore di fiducia di Bruno Zevi, lavoratore su commissione per l'Alfa, la Rex e la Zannussi, Zannier fondò nel 1955 il "Gruppo friulano per la nuova fotografia", vicino ad una concezione neorealistica della pratica estetica. Una volta intrapresa la carriera di studioso, pochi anni dopo, decise di abbandonare i propri interessi artistici e documentaristici, per dedicarsi unicamente al versante accademico e storiografico. Il suo amore per le immagini si trasformò in volontà di definire forme e colori attraverso l'utilizzo della parola.
Iniziata ufficialmente nel 1839 con i primi dagherrotipisti, la storia ripercorsa da Zannier segue un criterio essenzialmente cronologico nella presentazione di innovazioni, di esperienze didattiche, documentarie, socio-relazionali. L'autore articola una successione di eventi da seguire passo a passo, o da ricercare, a posteriori, attraverso il sostanzioso indice dei nomi. Accanto ai personaggi illustri della scena del primo Novecento, potremo scoprire una serie di comprimari ormai sconosciuti, di ottici, chimici e meccanici di ogni estrazione sociale che hanno contribuito alla maturazione e allo sviluppo della fotografia.

Wanda Wulz, Esercizi di Danza, 1930 circa

L'utilizzo del mezzo di documentazione nei campi della medicina, della giustizia e della scienza è ampiamente descritto: si passa da un'analisi della fotogrammetria, per la misurazione topografica, alla nascita dell'editoria per la produzione delle cartoline illustrate, fino all'utilizzo politico di fotomontaggi. L'ambito prettamente artistico è definito in un'esauriente trattazione, a partire dal fotodinamismo futurista dei Fratelli Bragaglia, per arrivare agli esperimenti del gruppo "del Milione", di Bruno Munari, alle sperimentazioni sui fotogrammi e sulle trasformazioni di oggetti in puri giochi di luce e ombra da parte di Luigi Veronesi.
Il saggio è arricchito da una prefazione di Michele Smargiassi, che delinea un sapiente ritratto della personalità dell'autore. Zannier sostiene che la fotografia, oltre ad aver rivoluzionato l'arte e lo sguardo dell'uomo, è riuscita a cambiare il mondo moderno. Come George Kubler, che nel suo saggio La forma del Tempo (1976)  intuisce la possibilità di conoscenza dell'identità collettiva attraverso uno studio delle forme visive, anche Zannier annovera tra le chiavi di lettura della società contemporanea non soltanto le opere di valore estetico, ma anche gli oggetti, gli strumenti e le espressioni di uso comune.

di Ivan Fassio

Autore: Italo Zannier
Titolo: Storia della fotografia Italiana dalle origini agli Anni '50
Prefazione di Michele Smargiassi
Editore: nuova edizione
Anno di pubblicazione: 2012
ISBN: 9788890652622
Pagine: 336
Prezzo: 23 Euro



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di ivan fassio
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre