Reading Room 4540 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
reading room
senti chi parla
CURATORIAL PRACTISES
LE IDEE
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Reading Room

   
 La musica da guardare di Daniele Lombardi
di Enrica Ravenni
  
 
pubblicato

Guarda che musica sembra un ossimoro invece per Daniele Lombardi si tratta di realtà. Dall’omonimo volume, quasi una biografia raccontata con parole e "colori", si percepisce come per il compositore e musicista fiorentino il gesto, il segno, la musica e l’immagine siano un tutt’uno. Daniele Lombardi propone una musica composta per essere eseguita e allo stesso tempo una musica concettualizzata per indurre verso una riflessione silenziosa. 

 Un'opera di Daniele Lombardi ©foto Andrea Paoletti

L’espressione artistica va oltre la consueta fuggevolezza della musica poiché le sue partiture sono date da elementi grafici e visivi che permangono anche dopo la loro esecuzione. Il progetto visivo di Lombardi, infatti, ha in sé un’energia sonora che non necessariamente raggiunge l’acme con l’esecuzione.
Formatosi nella Firenze degli anni Sessanta a fianco di Pietro Grossi, Giuseppe Chiari, Sylvano Bussotti e Giancarlo Cardini, Lombardi rifiuta la musica accademica (Lupi e Dalla Piccola) per proporre una divaricazione orientata verso l’avanguardia con linguaggi sonori e visivi che possano essere accessibili da un vasto pubblico, sottolineandone la contaminazione e rifiutandone le gerarchie. In sostanza per Daniele Lombardi l’arte deve essere un modo per comunicare e non un mezzo per esprimere un pensiero. Per raggiungere questa "comunicazione” l’artista usa le immagini grazie alle quali la sua azione sonora non è pura improvvisazione ma diventa qualcosa di concreto e di prolungabile nel tempo.
Il volume, oltre a tre brevi saggi, propone dodici "autointerviste" (alcune delle quali inedite) che l’artista ha realizzato tra il 1981 e il 2011 e che nella loro complessità si pongono come una sorta di manifesto programmatico della sua musica, del suo mondo di musicista, interprete e compositore e delle sue azioni sonore. 
Il repertorio fotografico e gli apparati sono di notevole valore poiché forniscono la testimonianza e la documentazione relativa ai tanti interventi sonori o azioni sceniche che Daniele Lombardi ha realizzato nel corso della sua lunga carriera. Le fotografie, in particolare, richiamano alla memoria i momenti salienti delle esecuzioni delle partiture e di interventi in luoghi pubblici ma anche le esemplificazioni grafiche delle partiture stesse. 


Daniele Lombardi. Guarda che musica
Autore: Philippe Daverio, Daniel Charles, Gino Di Maggio, Daniele Lombardi
Lingua: italiano 
Editore: Mudima, Milano
Anno di pubblicazione: 2012
ISBN: 9788886072700 
Pagine: 160
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Enrica Ravenni
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre