Relazioni Reciproche/ Cuoghi Corsello 3225 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
fotografia
PAUSE
DI ATTENZIONE
reading room
SENTI CHI PARLA
Allons Enfant/6
Exibart.segnala
sondaggio
Il DDL della “Buona Scuola” promette il ritorno della storia dell'arte nelle classi, l'equiparazione dei diplomi di Accademie di Belle Arti e istituti legati ai Beni Culturali alle lauree tradizionali, oltre che l'assunzione di 100mila precari. Che ne pensate?
• Senza un investimento culturale più complessivo possono fare ben poco le ore di storia dell'arte nelle scuole; idem l'occupazione scarsa per chi esce da istituti legati ai Beni Culturali
• Una buona notizia che agirà alla base del futuro dell'arte e della cultura
• Aspettiamo una prossima riforma
• Non cambierà nulla come al solito e per ogni assunto ci sarà un nuovo precario in arrivo
• Le ore di storia dell'arte in alcuni istituti equivalgono alla ricreazione: tanto valeva non reinserirle e far studiare altro
recensioni
rubriche
         
 

Relazioni Reciproche/ Cuoghi Corsello

   
 In occasione della mostra “Relazioni Reciproche”, alla porta di Sant'Agostino di Bergamo, oggi a parlare è la coppia Cuoghi Corsello. Che bypassa indenne le domande sulle difficoltà o i pregi di essere “doppi” per raccontarci quanto la loro “Relazione Reciproca” sia invisibile, e per questo parecchio affascinante   
 
pubblicato

Relazioni Reciproche: L'unione fa la forza e il confronto è costante, o ciascuno si prende i propri tempi e le singole personalità si incontrano al momento mettere nero su bianco un lavoro, ciascuno con le proprie idee? Quali sono le dinamiche della vostra creazione?
«L'opposizione. Come due comari ce la spassiamo, e spesso approviamo il progetto dell'altro senza neanche intervenire».
Cosa significa essere coppia nell'arte? Avete riscontrato delle difficoltà nella vostra carriera presentandovi in duo?
«Un ego doppio! O improprio. In passato volevamo fare una personale dal titolo "io sono io e tu sei tu”. È un tunnel a doppio fondo. Per le difficoltà invece...essere remunerati solo per uno!»

Veduta dell’installazione di Relazioni Reciproche, Sala alla Porta S.Agostino, Bergamo, 2013 Cuoghi Corsello - Suf!, magofata (2008) - Scultura in legno, dimensioni ambientali - Courtesy l’artista

Che lavoro avete scelto di presentare alla Porta di Sant'Agostino, e perché?
«Un video inedito, sull'unicità del Campanù di Bergamo che suona alle 22 di sera 100 rintocchi, ogni sera dal medioevo quando, dopo "la sua canzone”, tutte le porte si chiudevano. Il video racconta di due ragazze che rappresentano "lo spirito delle ragazze” e non sanno se torneranno, o se rimarranno via per sempre; il video è frastagliato in diagonale, sul fianco della sala all'interno della porta Sant'Agostino: nella proiezione che avviene sulla parte di muro storico le ragazze tornano, mentre sulla superficie bianca di tempera le protagoniste staranno via per sempre. Il video si legge a fatica, è presenza di musica e disturbo luminoso, come se le presenze affiorassero da altrove. Anche la foto rovinata invecchiando nel tempo è una nostra proposta, una gigantografia su legno di 120 x 180 centimetri, un frame del 1991 del video I vibratori nello spazio della televisione dal titolo 18-10-91 ( la data di nascita della prima modella dello "spirito delle ragazze”). Gli altri lavori li ha scelti la curatrice se  ricordo bene. Ho fatto caso che tutti sono disposti come se si volessero nascondere, o passare inosservati. Suf! Light box, la testa di un nostro personaggio in lamiera dipinta di nero nella quale due occhioni, cerchi, si accendono e spengono molto gradualmente, è sistemata nel fondo destro della sala espositiva, tra le pietre divelte, dietro una cancellata, al buio. Standing door, una foto di una installazione dove una porta nera in un ambiente scuro sta eretta in equilibrio solo sulla sua base, lasciando passare al posto degli stipiti la luce bianca della stanza dietro, è posta nel book shop antecedente alla grande sala della mostra, senza illuminazione su di essa. Per finire Suf! Mago fata, una scultura bianco-verde, elaborazione delle lettere S U F, era ben illuminata, ma poi abbiamo abbassato la luce a led che la colpiva per dare risalto al video di Bianco Valente e mescolarla alla folla molto copiosa all'inaugurazione, come se fosse un esserino, un cagnolino».

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart per continuare a consultarlo gratuitamente
invia la notizia ad un amico

trovamostre