Fino all’1.II.2015 - Matteo Montani, Andarsene - Museo H.K.Andersen, Roma 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/11/2018
#MyRavenna. Be inspired: un video contest per raccontare la città
19/11/2018
Leda e il cigno, a luci rosse. Una nuova pittura parietale emerge dagli scavi di Pompei
19/11/2018
50mila fuochi d'artificio sul cielo di Firenze. La performance pirotecnica dell'artista cinese Cai Guo-Qiang
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino all’1.II.2015
Matteo Montani, Andarsene
Museo H.K.Andersen, Roma

   
 Il mondo prende o perde forma
 mario finazzi 
 
Fino all’1.II.2015 - Matteo Montani, Andarsene - Museo H.K.Andersen, Roma
pubblicato

La dissoluzione, delle esistenze, delle immagini, è da sempre uno dei temi più trattati dagli artisti, in quanto intimamente connesso con la natura finitiva dell'uomo. Matteo Montani prende questo tema, ne fa il cardine della mostra al Museo H.C. Andersen (scultore danese nato cento anni prima dell'artista, e sul nome del quale è giocato il titolo della mostra), e allo stesso tempo rinverdisce la sua linea di ricerca, da tempo assestata su riflessioni fenomenologiche, inerenti la percezione visiva.
Tutto l'armamentario di effetti utilizzati dall'artista per parlarci del fantasmatico formarsi delle immagini nelle nostre coscienze – la sofficità dei toni, le trasparenze, le sovrapposizioni o abrasioni di strati di colore, le diluizioni con la trementina, e via dicendo – viene in questo caso ricalibrato e ripensato in un'ottica esistenziale più ampia: si parla di tempo, di consunzione, di trasformazione, di passaggio. 
Il pezzo centrale è una grande composizione formata da volti di cera riempiti di colore, quasi maschere mortuarie ottocentesche, che durante la mostra va sciogliendosi sino al melange finale – il processo, ripreso da una videocamera, si può seguire in tempo reale dal sito www.andarsene.net. Il concetto è ribadito, in maniera forse un poco banale, da sette sculture di cera bianca più piccole, raffiguranti libri, fiori e altri oggetti tipici della pittura di vanitas, sciolte dalla fiamma di una candela durante l'inaugurazione della mostra.

Matteo Montani, Abbassare il cielo agli occhi

Le altre opere, dipinti e un gruppo di disegni inediti realizzati tra il 2006 e il 2013, sono tutte giocate sulla diluizione, fusione, stratificazione lenta dei colori: novità l'uso del colore oro, grazie al quale l'artista ha potuto abbandonare la monocromia, e la presenza di forme antropomorfe. Anche il Tavolo dello scultore raccoglie figurine sbozzate in gesso in pieno processo di disgregazione. Mentre una particolare tecnica permette a Spettro di comparire e scomparire solo con un gioco di acqua spruzzata sul quadro.
Nel grande atelier al piano terra, dove le monumentali sculture bianche realizzate da Andersen per la Fontana della vita sembrano dissolversi nel corrusco nitore della luce, Montani ha inserito a duettare le carte della serie Esseri viventi, sagome, ombre azzurre su fondo nero. È forse il punto più suggestivo, ma anche quello in cui è più tangibile il rischio di lasciarsi andare a un estetismo di superficie. 
Tutto ci parla dunque di una dimensione continuamente sospesa tra l'apparire e lo svanire, una zona confusa in cui il mondo prende o perde forma, in cui la notte diventa giorno o viceversa ( i momenti blu che precedono l'alba e seguono di poco il tramonto, di cui parla Montani in un'intervista), in cui si viene al mondo o appunto da quello si ci allontana.

Mario Finazzi

Dal 13 dicembre 2014 all’1 febbraio 2015
Matteo Montani, Andarsene
a cura di Gabriele Simongini e di Maria Antonietta Di Monte
Museo Hendrik Christian Andersen
Via Pasquale Stanislao Mancini, 20
00196 Roma, Italia 
Orari: da martedì a domenica,  9.00 - 19.30 (ultimo ingresso ore 19.00)

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mario finazzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram