Fino al 16.I.2015 - Arthur Duff, Things with endings - Marignana Arte, Venezia 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
15/02/2019
Tutte le poesie di Kandinskij, in un nuovo volume a colori
14/02/2019
Tecnologia in gioco, per l’arte. Una conversazione all’Accademia di Verona
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 16.I.2015
Arthur Duff, Things with endings
Marignana Arte, Venezia

   
  Elisa Beraldo 
 
Fino al 16.I.2015 - Arthur Duff, Things with endings - Marignana Arte, Venezia
pubblicato

È la riflessione sulla luce, intesa come strumento dinamico di un processo conoscitivo, il filo conduttore della personale di Arthur Duff alla Galleria Marignana. Il lavoro di Duff (Wiesbaden, 1973) si concentra sul ruolo dell'elemento luminoso e sul suo rapporto con uno spazio in continuo mutamento. Luce, spazio, materia: tre componenti fondamentali che traggono reciprocamente linfa vitale. La mostra, curata da Francesca Pola, analizza secondo i nuovi particolari indirizzi di indagine intrapresi dall'artista la relazione che coinvolge componenti naturali e artificiali in un processo dialettico tra il primordiale e l'attuale. Nell'opera Things with Endings (2015), da cui la mostra prende il nome, la proiezione di neon su diramazioni di poliestere nero evoca l'energia vitale del sangue che scorre nelle vene. L'immagine chiama alla memoria, per analogia cromatica, la lava di un vulcano: un flusso energetico che rinvia direttamente alla dimensione primordiale del pianeta terrestre. Nella ricerca sul contrasto luce-nero l'artista sperimenta l'utilizzo di raggi laser per creare, tramite la proiezione di parole portatrici di precisi significati, un gioco di intervalli luminosi nell'oscurità, dando vita ad una spazialità reale che penetra nel buio. In lavori come Things with Beginnings (2015) la scelta di accostare laser e pietra lavica evidenzia l'idea di riavvicinare la luce, tramite l'artificio, ad un materiale originato in natura proprio da una potente esplosione di luce ed energia.

Arthur Duff, THING WITH BEGINNINGS -pietra lavica,corde in poliestere,plastilina,laser verde 5Watt -2015

I concetti di vitalità e movimento pulsante sono protagonisti anche della produzione di Duff ispirata ai raggruppamenti di stelle. I corpi astrali vengono evocati annodando, secondo precisi schemi, una serie di fili nautici tesi su un telaio a diversi piani. Lo studio si basa sul catalogo astronomico redatto nel Settecento da Charles Messier, importante stimolo di riflessione per l'artista anche riguardo i concetti di densità e rarefazione.
Entra così in gioco anche il binomio pieno-vuoto, protagonista dei lavori su carta nei quali, attraverso la foratura per mezzo di un punteruolo, Duff reinterpreta l'apparente movimento, causato dal moto di rivoluzione terrestre, che coinvolge gli astri. I buchi applicati sulla carta sono anch'essi punti di buio che donano tridimensionalità ad una superficie: la luce, in tutte le sue percezioni, continua ad esplorare lo spazio.

Elisa Beraldo
mostra visitata il 15 ottobre 

Dal 26 settembre 2015 al 16 gennaio 2016
Arthur Duff – Things with Endings
Marignana Arte,
Dorsoduro 141, 30123 Venezia
Orari: Martedì e mercoledì dalle 14:00 alle 18:30, da giovedì a sabato dalle 11:00 alle 13:30 e dalle 14:00 alle 18:30
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Elisa Beraldo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram