È impossibile proteggere lo smartphone dalla sabbia e dalle aperture delle mostre 3141 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

È impossibile proteggere lo smartphone dalla sabbia e dalle aperture delle mostre

   
  mario francesco simeone 
 
È impossibile proteggere lo smartphone dalla sabbia e dalle aperture delle mostre
pubblicato

Durante le ferie estive, la comunicazione segue il proprio codice stagionale. I colori delle copertine dei best-seller fanno pendant con quelli dell’ombrellone, il ritmo dello scambio di email si misura a seconda della distanza che separa il lettino dalla riva, le canzoni descrivono perfettamente ciò che l’ipotetico ascoltatore sta facendo. Il filtro delle notizie diventa più stretto e più distratto, alcune cose si ignorano mentre altre si accettano, in linea di massima, con metodologica leggerezza. Anche i tempi verbali sono diversi, durante l’anno feriale domina il presente e la continuità, luglio e agosto sono proiettati verso un futuro prossimo, si comunicano i dettagli del viaggio da intraprendere, della partenza imminente. Si parla con piacere di ciò che si aspetta, scambiando consigli sui luoghi da visitare e poi, solitamente, arrivato il giorno fatidico, si scompare. Prima dei social network, era norma far perdere le tracce per un paio di settimane, al più si affidava la propria presenza a una cartolina, lo spazio vuoto più difficile da riempire nella storia dei supporti. Nell’era dei social network, ovviamente, le persone avvertono la necessità di costituire un’identità anche per il proprio essere in vacanza.

Jean Paul Belmondo e Anna Karina a mare, nel film Pierrot Le Fou

Sulle piattaforme virtuali, geneticamente votate all’immediatezza, il futuro e l’aspettativa scivolano su una sorta di continuum diluito, l’identità feriale e quella festiva coesistono. Il fatto di stare su quella spiaggia, agli antipodi dell’ufficio e della città, appare più vero se riferito al quotidiano, postando un commento a un evento o una reazione a una notizia. Le tracce sparse sui social, riferite alla vacanza, a tutto ciò che è rimasto in città, a qualcosa accaduto in un’altra parte del mondo, si moltiplicano e seguono infinite direzioni e diramazioni. La vacanza, assenza per eccellenza, decretata dalla linguistica e auspicata come comportamento dovuto, è riempita di presenza. Quando, il 31 agosto del 1997, la notizia della morte di Lady D si diffuse nel grande albergo intercontinentale in Tunisia, i piani organizzativi dell’animazione furono sconvolti e gli ospiti, tra i quali moltissimi inglesi, si trovarono impreparati all’irruzione del quotidiano, la concretezza delle lamiere dell’automobile, dell’asfalto del tunnel, prorompevano brutalmente nel contesto della vacanza, architettonicamente tradotta nella struttura spersonalizzante del villaggio turistico. Tutti si sentivano privati di qualcosa, l’identità leggera del villeggiante veniva appesantita dall’ampio raggio di un’eccezionale cronaca nera che, incrociata al gossip e alle cospirazioni, riportava le persone al presente, ben prima della data indicata sul biglietto dell’aereo. La vacanza finiva lì e non sarebbe mai più stata la stessa.

Il mondo prima del burkini

Questa estate si è aperta con l’attentato a Nizza in presa diretta e si è chiusa con il terremoto nel centro Italia, sul quale è stata pubblicata immediatamente una voce molto dettagliata su Wikipedia. È stata attraversata da burkini e da Fedez, da moralismi e opinionismi più coriacei di qualunque protezione solare, dalla caduta della non-più-invincibile armata spagnola agli Europei di calcio e dai corpi perfetti degli atleti olimpionici. Al riparo dal sole di mezzogiorno, esploro la home page di Facebook, davanti ai miei occhi l’oscillante paesaggio marino sfuma nei detriti polverosi dei palazzi, mentre l’impalpabile leggerezza della sabbia, nonostante tutte le mie precauzioni, preme pericolosamente sulla superficie sensibile dello smartphone, tentando la strada per entrare nello spazio tra i circuiti. Poi la connessione cade e a nulla valgono i tentativi di ripristinarla. Mi trovo a Licosa, uno dei pochi angoli della Terra in cui non esiste alcun tipo di copertura, insieme ai ragazzi dell’associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi che, tra le altre cose, organizzano soggiorni estivi per i giovanissimi in condizioni disagiate della zona di Forcella-Maddalena-Annunziata. Se, per una congiunzione astrale di qualche tipo, la connessione si ripristinasse, potrei vedere l’affollamento della pagina degli eventi ma le date già si sovrappongono nell’agenda mentale. Quella cartacea è irresponsabilmente a casa.

Veduta di Punta Licosa

Sembra che a Napoli siano tutti pronti per iniziare un nuovo ciclo. Settembre sarà particolarmente affollato, con le aperture delle mostre di Vera Lutter, da Alfonso Artiaco, di Damir Očko, da Tiziana Di Caro, di Patric Sandri, da Francesco Annarumma, di Sergio Vega, da Umberto Di Marino, di Ciro Vitale, nella Cripta del Purgatorio del Supportico San Lorenzo, a Salerno. Sempre per settembre, l’organizzazione ShowDesk Napoli ha annunciato la mostra dell’artista ucraino Alexey Kondakov, visitabile al Pan ed esito di un periodo di residenza in città. L’11 settembre riprenderanno anche gli incontri di Sunset Live@Nitsch, la rassegna di musica al tramonto al Museo Nitsch, con il concerto degli Ars Nova. Il 24 settembre, appuntamento a Palazzo Reale, con la terza edizione del TEDxNapoli, questa volta sul tema "Unless”.

Sergio Vega, Hashish in Naples, veduta della mostra. Courtesy Galleria Umberto Di Marino, 2009

Invece al MIBACT non vanno mai in vacanza e sono previsti ben due cambi di guardia. Angela Tecce, dopo l’esperienza come Direttore del Polo Museale della Calabria, torna in zona come Direttore della Fondazione Real Sito di Carditello, mentre Anna Imponente lascia la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, per insediarsi negli uffici di Castel Sant’Elmo, come direttore del Polo Museale della Campania al posto di Mariella Utili, attualmente direttore del Servizio IV della Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio.  



strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mario francesco simeone
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram