Per non dimenticare. - A costo di far male 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/02/2019
Chi è Giorgio Barbero Corsetti, neodirettore del Teatro di Roma – Teatro Nazionale
19/02/2019
David Hockney racconta l’evoluzione delle immagini in un libro illustrato per bambini
19/02/2019
Scalare Machu Picchu con la sedia a rotelle? Da oggi si può, con Wheel the World
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Per non dimenticare.
A costo di far male

   
   
 
Per non dimenticare. - A costo di far male
pubblicato

Non ci va per il sottile Shahak Shapira, autore satirico tedesco-israeliano, e il suo ultimo lavoro ha dei risvolti macabri, ma comprensibili. Il colpo d’occhio del Memoriale dell’Olocausto di Berlino, disegnato dall’architetto americano Peter Eisenman, è notevole e il rigore minimalista non ne sminuisce l’impatto. Anzi. Così molti turisti, ignorando (o fregandosene) del fatto che i blocchi di cemento simboleggiano i sei milioni di ebrei sterminati dal regime nazista, ci si scattano gli immancabili selfie. Non solo con le solite boccucce a cuore e gli indici puntati a indicare chissà quale scemenza, ma qualcuno sfoggia anche pose yoga e acrobatiche. 
A tutto questo Shapira ha risposto con Yolocaust, per cui i severi blocchi di cemento sono sostituiti dai drammatici scenari che dovrebbero evocare. L’effetto è paradossale e tragico insieme, spesso raccapricciante. Ma forse a qualcuno passerà un po’ la voglia del selfie e forse, più importante, capirà che significa Olocausto. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram