Fino al 31.I.2017 - Michelangelo Bastiani, Diorama - Emmeotto, Roma 3069 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 31.I.2017
Michelangelo Bastiani, Diorama
Emmeotto, Roma

   
  mariangela capozzi 
 
Fino al 31.I.2017 - Michelangelo Bastiani, Diorama - Emmeotto, Roma
pubblicato

Un po’ video-arte, in parte performance, arte quasi cinetica e sicuramente visiva: le eleganti stanze di Emmeotto accolgono un’esposizione sorprendente e delicata, carica di senso. È il lavoro di Michelangelo Bastiani (1979, Bibbiena (AR)), artista toscano fortemente voluto dalla curatrice Alessia Carlino che con questa mostra inaugura la sua collaborazione con la galleria. Diorama è un progetto espositivo articolato su diversi livelli di lettura che, da un lato gioca con il concetto di un’opera d’arte che anima l’involucro che la contiene e dall’altro esplora il tema del tempo nel rapporto che esso intesse con la natura, i fenomeni atmosferici, il movimento e l’uomo. 

Michelangelo Bastiani, Diorama

Una narrazione poetica che viene srotolata sapientemente nelle diverse sale dell’antico Palazzo Taverna in una successione che sorprende il visitatore lasciato libero di immergersi nei lavori presentati dall’artista, senza costrizioni né intenti didascalici. E così nuvole e tempeste animano barattoli e bottiglie, una ballerina ruota nello spazio chiuso di vetro assumendo le sembianze di un fungo nucleare, una trapezista entra ed esce da un cerchio. E poi scorre l’acqua, numerosa e brillante e si ferma in una pozza aspettando che il visitatore entri, mentre un gruppo di ninfee placide attende il passare lento dei minuti. La suggestione che ne deriva e che ci si porta dietro come una pietra preziosa custodita in tasca, si configura in realtà come una riflessione autentica e profonda. Bastiani, con l’utilizzo di tecniche ultra-contemporanee come quella dell’ologramma, si riaggancia alla tradizione legata alla produzione di sogni e incanti, tipica degli strumenti del panorama e poi del diorama, portando l’uomo a superare i limiti legati alla caducità con la riproduzione infinita e sempre meravigliosa degli eventi. Una sorta di eterno ritorno nietzschiano che lascia in disparte il vuoto nichilista per riempire l’anima di una delicatezza così lieve che si riesce a sopportare senza fine. 

Mariangela Capozzi
mostra visitata il 21 gennaio 2017

Dal 13 dicembre al 31 gennaio 2017
Michelangelo Bastiani, Diorama 
GALLERIA EMMEOTTO
Palazzo Taverna
Via di Monte Giordano, 36 – 00186 Roma
Orario: lun-ven 10.30- 13.30 e 14.30 - 19.30 17-20 o su appuntamento
Info: tel 06/68301127
info@emmeotto.net   www.emmeotto.net
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di mariangela capozzi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram