READING ROOM 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

READING ROOM

   
 Una donna, tante vite. Antonietta Raphaël
di Antonello Tolve
 antonello tolve 
 
READING ROOM
pubblicato

Non è stato facile raggiungere lo scopo, ma – dolce e luminoso il finale – Giuseppe Appella, ha messo a segno un nuovo importante colpo, collocando sulla gradinata maestra dell'arte il tanto atteso Catalogo generale della scultura dedicato a Antonietta Raphaël (Allemandi, pagine 232, euro 90). Non si tratta di uno dei numerosi "cataloghi generali” che sfilano tra gli scaffali delle librerie e che confermano una superficialità imbarazzante o una "marchetta di turno”, ma piuttosto di un documento indispensabile per attraversare il percorso di una figura «misteriosa e affascinante, dura e inflessibile, affettuosa e al tempo stesso lontana e distante». 
Con tutte le difficoltà incontrate nella ricerca – «non sono mancati […] i casi di gallerie di riferimento e di collezionisti che hanno fornito notizie incomplete, discordanti, o si sono rifiutati di fornirne», avvisa Appella nelle Avvertenze – il volume restituisce, oggi, con esattezza filologica, lo spaccato di un'epoca e, assieme, gli incontri decisivi dell'artista con Mario Mafai e Scipione, con Jacob Epstein o con Isaac Rosenberg. Ma anche i viaggi, le fughe, le mostre e le speranze di una donna speciale, la cui volontà di sapere e di sperimentare ha aperto nuove strade, ha penetrato i territori segreti della pittura e della scultura per mostrare sentimenti, collaudare materiali, modellare i segreti fragili e fugaci dell'esistenza. «Il sonno delle figlie, le pose consuete di Mario, come la sorgente o il fiume raffigurati dai greci con tratti umani, sono l'occasione per verificare, in un medesimo tempo e in un medesimo luogo, tutta la gamma dei sentimenti e il senso della forma, l'attitudine del corpo […]» o del volto «a modificarsi nella sua struttura fisiognomica che il colore del porfido, ad esempio, o la doratura ornamentale ottenuta con la tempera applicata sul gesso, accentuano evitando ogni possibile illogicità e arbitrarietà e ogni forma espressiva convenzionale», avvisa Appella.

null

Fornito di una piacevole introduzione che fa da viatico ad una serie di apparati iconografici e di schede in cui si traccia la storia di ogni singola scultura (le mostre in cui è stata esposta, la bibliografia di riferimento, le date, i materiali, le affinità con altre sculture ecc) il volume delinea un percorso – quello poetico ed espressivo dell'artista – che, se da una parte ridisegna l'avventura intellettuale di Raphaël, dall'altra la collega a grandi tematiche, a pensieri, a dibattiti, a scoperte che prendono per la coda il tempo e tolgono la parola fine al finale: «La parola finito mi fa paura. Non la uso quasi mai. Lavorerei su di una scultura o su di una pittura di una certa dimensione che mi impegna molto per dei mesi senza finirle, perché finita per me sembra una parola pronunciata dal Giudice: la morte».
Dopo aver guardato e riguardato le tavole e letto con attenzione le magistrali Schede – nella ricerca Appella ha avuto al suo fianco lo sguardo fidato dell'assistente Bruna Fontana – il lettore inciampa nell'organizzazione cronologica di Vita, opere e fortuna critica che parte dal 1895 e arriva al 2014, per tracciare via via, dopo la morte, le varie importanti mostre dedicate a una sognatrice instancabile. È qui che si è letteralmente rapiti da un viaggio straordinario che entra nell'intimità, che snocciola ogni singola sfaccettatura di una vita e che scorre sotto l'occhio curioso del lettore come un torrente in piena. 
La Bibliografia, poi, è un altro "corpo” magistrale e ineguagliabile che accompagna dalle prime scritture di Longhi (1929) alle più recenti di Bruno Corà, di Serena De Dominicis e dello stesso Appella (2014) che, quando lavora su un artista pone un punto oltre il quale non è possibile andare.

Antonietta Raphaël
Catalogo generale della scultura
Autore: a cura di Giuseppe Appella con la collaborazione di Bruna Fontana
editore: Allemandi e Centro Studi Antonietta Raphaël 
anno di pubblicazione: 2016
pagine: 232 
90 euro
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di antonello tolve
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

trovamostre
@exibart on instagram