Isetta 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Isetta

   
   
 
Isetta
pubblicato

Poche sono le automobili che come la Isetta possono affermare di aver cambiato in modo radicale gli schemi usuali utilizzati dai designer dell’automotive. Renzo Rivolta, il suo ideatore, la immaginò solo per il mercato italiano che a quei tempi vendeva molti più motorini che macchine. In effetti la sua intenzione era quella di fare un up grade al mondo degli scooter, immettendo sul mercato un prodotto dalle dimensioni contenute e dal motore piccolo ed economico. La vera novità dell’Isetta riguardava il cofano anteriore che nel suo caso era sostituito da un grande portellone che permetteva l’accesso ad un abitacolo pensato per un solo passeggero. Quando venne presentata dalla ISO al Salone dell’automobile di Torino del 1954, ebbe un inaspettato successo, che divenne legenda quando proprio questo piccolo microbo vinse, sempre nel 54, la mitica Millemiglia, occupando tutti e tre i posti del podio. A quel punto intervenne la Bmw, che voleva ridare vita al suo brand ormai in crisi, e che ne acquisto il diritto di produzione. L’ Isetta Bmw venne così distribuita in Inghilterra, in Canada, in Nuova Zelanda e in Australia. La mitica vettura rimase in produzione fino al 1962 anno in cui si fecero avanti molte altre concorrenti ad occupare il segmento che lei aveva inventato!

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram