Orsacchiotto Steiff 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Orsacchiotto Steiff

   
   
 
Orsacchiotto Steiff
pubblicato

Vi siete mai chiesti da dove arriva l’amore di vostro figlio per il suo orsacchiotto di peluche? Perché non un cagnolino o un bel gattino? Ok, vi racconto questa storia! Siamo in America ed è l’anno 1902. Il neo presidente Theodore Roosevelt è stato da poco eletto e gira per il suo paese seguito da un codazzo di giornalisti curiosi che ne riportano parole e gesti! Tutto normale fin qui. Ma un giorno accade qualcosa: durante una delle solite battute di caccia del presidente, poco fruttuosa, il suo seguito, per fargli cosa gradita, catturò un orso cucciolo che legarono vivo ad un albero, offrendo al presidente l’onore di ucciderlo! Qualche giornalista, magari edulcorando la notizia, scrisse che Roosevelt si era molto adirato per quel gesto e aveva preteso che l’orsetto venisse subito rimesso in libertà. La notizia, altri dicono una mossa di marketing del presidente stesso per migliorare la sua immagine di uomo burbero, fece il giro di tutte le prime pagine dei giornali americani, causando clamore e soprattutto una commozione nazionale. Nello specifico Clifford Berryman, uno dei vignettisti più famosi dell’epoca, disegnò per il Washington Post una vignetta con Roosevelt e l’orso graziato. Da quel momento la figura pubblica dell’animale cambiò completamente. Da predatore aggressivo a cucciolotto da salvare! Miracolo! Tutta questa storia non sfuggì a Morris e Rose Michtom, due coniugi ebrei di origine russa, che ne colsero immediatamente il lato commerciale! Produssero così il primo orsacchiotto di peluche della storia che esposero nella vetrina del loro umile negozio. Era il 15 Febbraio del 1903 e l’orso si chiamava Teddy Bear. Il successo fu tale che la coppia dovette trasformare il negozio in un laboratorio dedicato unicamente alla produzione di orsacchiotti per poi trasferirsi in una fabbrica fuori città. La Ideal Toy Company vendette milioni di esemplari di Teddy e questo sarebbe continuato se non fosse arrivato il concorrente che l’avrebbe fatto eclissare. Ci trasferiamo in Germania. Lì di questa storia dell’orso non ne sa niente nessuno. Ma c’è una fabbrica di giocattoli la Steiff, guidata da una madre autoritaria e quindi c’è suo figlio Richard Steiff, che finita la scuola d’arte entra in azienda per dare una mano! Durante una visita allo zoo, memore delle lezioni di disegno, schizza l’idea di un orsacchiotto di peluche! A Margarete, sua madre, l’idea non piace, e una volta prodotta non piacerà neanche ai clienti tedeschi! Ma, ed è sempre un ma quello che cambia la storia! Ma nel 1903 a Lipsia c’è la fiera del giocattolo e lì troviamo la Steiff come espositrice e un commerciante americano che gira per gli stand, e lui si che conosceva la storia dell’orsacchiotto e del presidente. Quando vide l’orsetto della Steiff, che era molto più dolce e carino di quello dei Michtom, ne comprò subito 3000 esemplari, che rivendette immediatamente negli Stati Uniti, con il nome anche lui, di Teddy Bear.
Da quel momento l’orsetto di peluche Steiff invase il mondo rimanendo ancora oggi il giocattolo più venduto dalla Margarete Steiff. Ricordatevi che l’originale orsacchiotto Steiff è quello con un bottone d’ottone applicato nell’orecchio sinistro e riportante il logo dell’azienda.

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram