Fino al 24.IX.2017 - Il cosmo magico di Leonardo - L’Adorazione dei Magi restaurata - Uffi... 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2018
Dopo otto anni, Bjork torna in televisione. E lo fa a modo suo
23/05/2018
Sulle rive del Lago Maggiore al via la quarta edizione di Cross Festival
23/05/2018
Addio Philip Roth. Il grande autore scomparso nella notte
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 24.IX.2017
Il cosmo magico di Leonardo
L’Adorazione dei Magi restaurata
Uffizi, Firenze

   
  wanda castelnuovo 
 
Fino al 24.IX.2017 - Il cosmo magico di Leonardo - L’Adorazione dei Magi restaurata - Uffizi, Firenze
pubblicato

Se visitare gli Uffizi è di per sé una scelta eccitante grazie all’aura preziosa che vi aleggia, a maggior ragione lo è oggi per la presenza di una straordinaria mostra temporanea che introduce l’ambiente artistico fiorentino del Rinascimento approfondendo un personaggio quale Leonardo (Vinci/FI 1452 – Castello di Cloux, oggi Clos Lucé, presso Amboise 1519) e illustrando l’iter del restauro (eccellente maniera di recuperare il passato come ponte verso il futuro) dell’Adorazione dei Magi ritornata agli Uffizi dopo un intervento - che ha permesso di scoprire il "cosmo magico” del Maestro - di circa cinque anni effettuato dall’Opificio delle Pietre Dure sui materiali superficiali non originali, sulle vernici sporche e alterate e sulle assi del tavolato di supporto.
L’Adorazione dei Magi - soggetto comune nella Firenze del ‘400 per la fama della Confraternita laicale dei Magi (che annovera molti fra i Medici) - gli è commissionata (forse grazie ai legami professionali con i monaci del padre notaio, ser Piero) intorno al 1480 per l’altare maggiore della chiesa di San Donato dai Canonici Regolari di S. Agostino a Scopeto, sita su una collinetta fuori Porta Romana a Firenze e distrutta con il convento - ne resta tuttavia testimonianza figurativa da parte di Giorgio Vasari in uno degli affreschi di Palazzo Vecchio - e altri edifici per motivi strategici nell’imminenza dell’assedio del 1529 da parte di Carlo V.
L’intento affidato a Leonardo è mettere in luce la spiritualità agostiniana, ma il lavoro è interrotto nel 1482 quando l’artista parte per Milano lasciando incerto un eventuale ritorno tanto che i frati attendono i primi anni ’90 per affidare una tela analoga per soggetto, dimensione ed elementi iconografici a Filippino Lippi che la termina nel 1496 con risultati diversi a cominciate dallo ‘sfondo’ anche perché forse tra le due opere è cambiato il teologo del convento, pur restando fermo il concetto della ‘universalità della chiamata’ proprio dell’interpretazione agostiniana.

null
Leonardo da Vinci, Adorazione dei Magi, 1481-1482 ca., particolare Madonna con Bambino

In occasione della mostra, quest’ultima affianca quella omonima del Maestro di Vinci insieme a tre tavole raffiguranti santi (San Donato, Sant’Agostino e la coppia dei Santi Ubaldo e Frediano), forse quanto resta di una predella dell’Adorazione del Lippi.
Vasari nella biografia di Leonardo racconta che l’incompiuta Adorazione dei Magi - frutto di un intenso studio preparatorio come evidenziato da due disegni (uno al Louvre e l’altro agli Uffizi) - si trova nella casa (di fronte alla loggia dei Peruzzi) d’Amerigo Benci con cui il nostro è in rapporti di familiarità tanto da aver fatto un ritratto (oggi a Washington) alla figlia Ginevra. L’opera appare poi tra i beni lasciati in eredità nel 1621 da don Antonio de’ Medici e alla morte di suo figlio Giulio nel 1670 entra nel Guardaroba (all’epoca il termine è femminile) Mediceo e poi agli Uffizi dove resta fino ad oggi salvo per un breve periodo.
Il restauro rivela che l’opera non è connotata da un intento enigmatico come si credeva, ma da un fascino particolare dato dall’innovativo e geniale impianto complesso che invece dell’usuale corteo presenta uno spazio su diversi piani con al centro la Madonna con il Bambino intorno a cui le figure rappresentano moti dell’animo più che personaggi specifici, permettendo così di cogliere in fieri il pensiero creatore e innovatore di Leonardo. Avendo inoltre il Maestro elaborato il disegno sulla tavola invece che sulla carta, il dipinto rivela i vari stati di avanzamento con ripensamenti, frutto di studio e ricerca volumetrica e spaziale.
Affascinante quindi soffermarsi su quanto approfondito nell’esposizione per compiere un piacevole tuffo in un passato così illustre identificando con maggiore chiarezza i dettagli dei personaggi, della costruzione architettonica e delle correzioni leonardesche.

Wanda Castelnuovo
mostra visitata il 5 luglio 

Dal 28 marzo al 24 settembre 2017
Il cosmo magico di Leonardo
L’Adorazione dei Magi restaurata
Uffizi (Galleria delle Statue e delle Pitture)
Piazzale degli Uffizi 6, Firenze
Orari: martedì 8.15-22, da mercoledì a domenica 8.15-18.50
Info e prenotazioni: Firenze Musei 055 290383, www.gallerieuffizimostre.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di wanda castelnuovo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram