Fino al 10.II.2018 - Luca Monterastelli, To Build A Fire - Galleria Lia Rumma, Milano 3054 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
21/06/2018
Blu Submarine. Un video di 10 ore della BBC mostra la fluttuante vita degli oceani
20/06/2018
Quattro componenti per la nuova Commissione per il Sistema museale nazionale
20/06/2018
Fendi e Nico Vascellari ancora insieme, per la collezione maschile estate 2019
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 10.II.2018
Luca Monterastelli, To Build A Fire
Galleria Lia Rumma, Milano

   
  Giulia Capodiferro 
 
Fino al 10.II.2018 - Luca Monterastelli, To Build A Fire - Galleria Lia Rumma, Milano
pubblicato

Luca Monterastelli torna negli spazi di Lia Rumma con una mostra intitolata "To Build a Fire”.
L’unione del cemento e del metallo come elementi fondamentali vanno in scena in un continuo assetto scenografico su più piani, nelle varie sale espositive.
Il metallo interpreta mediante l’idea dell’artista, un "gruppo umano minimo” pensato attorno a un fuoco. Una serie di figure, l’una accanto all’altra intorno a un elemento naturale: questa è l’idea rappresentata dall’artista mediante le strutture tubolari in metallo che si snodano con movimenti in equilibrio nella prima sala della galleria. 
La teoria principale dell’artista di Forlimpopoli (FC) è quella di studiare il gruppo di figure, analizzarlo per osservare il loro sviluppo sociale e le connessioni. Così questi lavori, queste forme scultoree statiche, ma allo stesso tempo dinamiche, una accanto all’altra, sembrano muoversi nell’ambiente iniziale, creando un’energia silenziosa, ma perpetua.
L’idea dei rapporti e delle dinamiche che cominciano ad aumentare costantemente tra gli individui, si riflettono nei tre piani della galleria in un cambiamento continuo e statuario.

null
Installation view PIANO TERRA © Luca Monterastelli Courtesy Galleria Lia Rumma Milano / Napoli

L’affermazione delle connessioni tra questo gruppo, si riflettono nel cemento dove le lastre rigide e formali, vengono appese, addossate alle pareti. Da sempre elemento fondamentale nel lavoro di Luca Monterastelli, il cemento, materia così semplice, ma altamente essenziale, diventa contemporaneamente strumento per l’interpretazione continua dei comportamenti sociali evolutivi nel "gruppo minimo” voluto dall’artista.
I "fossili” sono tratteggiati su rigide strutture come in As Roots Need Corpses; sul cemento armato i tagli e i buchi, segnano solchi leggeri ed essenziali.
Nell’ultimo piano le strutture composte in ferro zincato e cemento bianco sono l’evoluzione finale del percorso dell’artista. La grande forza delle braccia meccaniche in gesso, cerca di produrre assenti movimenti nella percezione di un gesto che dilaga nello spazio. La forza e il peso del materiale stesso impedisce indubbiamente alla struttura di azionarsi tra le mura della galleria. Si genera così un automatico blocco della forma. Come i corpi iniziali al piano terra, le strutture all’ultimo piano sono forme interrotte e ferme. Il continuo passaggio dei materiali, dal metallo attraverso il cemento, fino alle strutture in gesso, diventa un percorso unico. Gli scambi continuano fino ad arrivare a gesti che vengono condotti verso un unico punto preciso, così, allo stesso modo, la società attuale si unifica in una massa verso gli stessi ideali e obiettivi senza ricerche reali effettive verso un fallimento totale.
È un’evoluzione continua e temporale, tra gli elementi, tra gli individui umani e tra i lavori, in un ciclo continuo che non ha mai fine.

Giulia Capodiferro
mostra visitata il 20 Gennaio

Dal 23 novembre 2017 al 10 febbraio 2018
Luca Monterastelli
To Build a Fire
Galleria Lia Rumma
Via Stilicone 19, 20154 Milano
Orari: da martedì a sabato dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.00
Info: www.liarumma.it, info@liarumma.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giulia Capodiferro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Manifesta 12 - Palermo - La guida con tutti gli eventi e non solo
trovamostre
@exibart on instagram