Fino al 14.IV.2018 - Tobias Zielony, Maskirovka - Lia Rumma, Milano 3106 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
12/12/2018
Kant nostro contemporaneo. A Villa Mirafiori, si celebra il pensiero di Emilio Garroni
12/12/2018
Nuditas. Da Maxima Gallery, le anatomie contemporanee di Lady Tarin e Roberto Kusterle
12/12/2018
Il cane, maestro di vita e di arte. Se ne parlerà a Palazzo Grassi
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 14.IV.2018
Tobias Zielony, Maskirovka
Lia Rumma, Milano

   
  Dobroslawa Nowak 
 
Fino al 14.IV.2018 - Tobias Zielony, Maskirovka - Lia Rumma, Milano
pubblicato

In principio c’era il barbiere. Tobias Zielony, l’artista tedesco invitato a presentare le sue opere fotografiche alla galleria Lia Rumma a Milano, ci ha fatto capire che per la mostra si prepara con attenzione. La sua visita dal parrucchiere a tre giorni dall’opening è stata annunciata sui social media della galleria stessa. Il vernissage non ha deluso le aspettative, con il suo carico di nuove esperienze. Il primo elemento che attrae l’attenzione entrando alla mostra è il techno beat. In questo caso però, il beat è silenzioso: viene creato soltanto dai ritmici colpi di luce, provenienti dalle fotografie proiettate sul muro, ad una dimensione che supera notevolmente quella di uno schermo cinematografico. Con questa considerevole scossa visiva comincia la mostra.
Nato nel 1973 a Wuppertal, Germania, Tobias Zielony ha studiato Fotografia Documentale all’Università del Galles a Newport. Poi ha continuato gli studi all’Accademia delle Belle Arti di Leipzig in Germania. Nel 2015 è stato il rappresentante della Germania alla 56ma Biennale di Venezia. 
La sua mostra titolata "Maskirovka” presenta uno dei tanti progetti in cui l’artista analizza e osserva la vita di giovani minorenni nelle aree suburbane. L'artista di Berlino viaggia a livello internazionale per ritrarre i gruppi emarginati. 

null
Tobias Zielony Cover, 2016-2017 Archival pigment print 84x56 cm Edition of 6 COPYRIGHT Tobias Zielony Courtesy Galleria Lia Rumma Milano/Napoli

In Russia e in altri paesi dell'ex Unione Sovietica il termine "Maskirovka” riferisce all’inganno politico o militare, specialmente a quello praticato contro l'intelligence occidentale. In questo caso l’artista ha documentato la vita dei giovani di Kiev in Ucraina. È il paese influenzato dalla cosiddetta "guerra ibrida”, mai ufficialmente dichiarata, che però permette alle forze speciali mascherate di occupare il territorio. Le maschere portate dai giovani civili, protagonisti eroici delle immagini di Zielony, catturano immediatamente l’attenzione dei visitatori.
Come annuncia Tobias Zielony, durante la conversazione aprendo la mostra, è affascinante come le maschere mostrino e nascondano qualcosa allo stesso tempo. Ma le stesse maschere sono anche utili per proteggere i manifestanti dai gas lacrimogeni, e inoltre hanno aiutato a nascondere le loro identità. Le fotografie fatte tra ottobre 2016 e luglio 2017 sono arricchite del ritratto della moderna scena di techno e LGBTQI. Come disse l’autore "la gioventù è per sperimentare”.
Al secondo e terzo piano della galleria la mostra diviene più raccolta. Le opere sono esposte in modo più tradizionale e semplice. I colori rimangono succosi recando un piacere sconvolgente allo sguardo. Percorrendo lo spazio immersi tra le fotografie abbiamo la sensazione che i ritratti prendano corpo, ma l’impressione di guardare questi personaggi da lontano non ci abbandona. "Maskirovka” da vedere non solo per un piacere sensuale, ma soprattutto per uno sguardo intenso e affettuoso verso l’essere umano. 

Dobrosława Nowak
Mostra visitata il 1 marzo 2018

Dal 1 marzo al 14 aprile 2018
Tobias Zielony, Maskirovka
Via Stilicone 19
Milano
Orari: da martedì a sabato, dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19.00
Info: www.liarumma.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Dobroslawa Nowak
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram