1+1 - Dimitri Agnello e Ieva Petersone - M77 gallery, Milano 3068 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
La fantascienza è adesso. Ancora pochi giorni per partecipare al bando di Festival Robotics
20/09/2018
Ikebana con Malevic. I vasi e le lampade suprematiste dello studio di design NOOM
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

1+1
Dimitri Agnello e Ieva Petersone
M77 gallery, Milano

   
  Giulia Capodiferro 
 
1+1 - Dimitri Agnello e Ieva Petersone - M77 gallery, Milano
pubblicato

"1+1" è la doppia personale dedicata a Ieva Petersone e a Dimitri Agnello vista alla galleria M77 di via Mecenate a Milano.
La contrapposizione forte ed evidente dei due artisti era visibile tra i due piani della galleria. 
Entrando nel primo ambiente, al piano terra dello spazio espositivo, accoglievano il visitatore le opere di Dimitri Agnello: nato nel 1995 a Carrara, nonostante la giovane età dimostra una grande capacità e conoscenza tecnica attraverso i lavori appesi alle pareti. Una serie di opere realizzate su differenti cotoni che lasciano trasparire un lavoro duro e approfondito, quasi storico. Si denota la cura e l’intensità del tratto con cui il giovane artista riporta sulle tele le varie rappresentazioni. Il tema è quello dell’educazione, che traspare in tutti i lavori, seguendo andamenti e variazioni alternative, dalle immagini legate all’educazione fisica, a quella religiosa per arrivare a quella più propriamente artistica. Un lavoro peculiare che permette di identificare Agnello come un importante artista, innovativo nelle sue continue rappresentazioni, affrontando tematiche leggere e complicate, serie e rigide, in un allestimento che segue una continua narrazione. È una tecnica precisa e allo stesso tempo innovativa: la cura e la leggerezza delle opere in cotone, permettono all’olio di affermarsi sull’essenzialità del materiale stesso.
È un tratto leggero che emerge delicatamente, lasciando allo spettatore la possibilità di osservare attentamente lo sviluppo delle linee che vanno a comporre le varie rappresentazioni. Quelle di Agnello sono immagini evanescenti, delicate.

null
Ieva Petersone, veduta della mostra, ph. Lorenzo Palmieri

Al piano superiore si trovavano i lavori di Ieva Petersone. Nata in Lettonia, nel 1984, si concentra nei suoi ultimi dipinti sulla rappresentazione di sedie o tavoli, impilati e in continua riproduzione. La vivacità dei colori utilizzati emerge immediatamente, in una viva rappresentazione cromatica contrastante. Oli su tela, dove mediante l’utilizzo di una tecnica alquanto piatta e bidimensionale, lascia trasparire nell’immediato un’assoluta plasticità formale. Le sedie e i tavoli, vicini e ammassati, formano in alcuni casi dei veri e propri paesaggi urbani e naturali. Lo spettatore a primo impatto riconosce l’oggetto di uso comune rappresentato in serie, individuando allo stesso modo un’immagine totale che va oltre il semplice oggetto multiplo riportato sulla tela. L’artista lascia libero spazio a un’interpretazione soggettiva, sebbene la visione integrale dell’opera generi quasi automaticamente, attraverso un’attenta osservazione, la visione di un vero e proprio paesaggio. La plasticità vivace identificata nei lavori di Ieva Petersone si contrappone al rigore e alla precisione con cui vengono rappresentati. Una cura peculiare e lineare, nella raffigurazione energica e ritmica di elementi quotidiani.

Giulia Capodiferro
mostra visitata il 24 Marzo

1+1
Dimitri Agnello e Ieva Petersone
M77 Gallery 
via Mecenate 77, Milano
Info: www.m77gallery.com, info@m77gallery.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Giulia Capodiferro
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram