Fino al 18.V.2018 - Celia Hempton, Breach - Galleria Lorcan O’Neill, Roma 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/09/2018
La fantascienza è adesso. Ancora pochi giorni per partecipare al bando di Festival Robotics
20/09/2018
Ikebana con Malevic. I vasi e le lampade suprematiste dello studio di design NOOM
20/09/2018
Addio alla regina dell’editoria Inge Feltrinelli
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 18.V.2018
Celia Hempton, Breach
Galleria Lorcan O’Neill, Roma

   
  Alessandra Caldarelli 
 
Fino al 18.V.2018 - Celia Hempton, Breach - Galleria Lorcan O’Neill, Roma
pubblicato

Sviluppatasi a partire dalla nuova serie di lavori realizzata dal vero sull’isola di Stromboli nell’estate del 2017, anche in questa occasione Celia Hempton torna a svolgere il tema del paesaggio da diversi punti di vista e su livelli differenti. Quello più evidente fra i tre è certamente è il paesaggio rappresentato in Stromboli 900 metres, frutto di una fase di lavorazione svoltasi sulla cima del vulcano volgendo la tela direttamente a contatto con la terra, lasciando che gli stessi detriti generati dai lapilli sedimentassero sulla superficie, restando incastonati nel film pittorico. Il punto di vista è quello direttamente accessibile all’artista nel momento performativo della pittura, dunque un orizzonte molto basso, che lascia però intravedere le diverse fasi del giorno: dall’arrivo nel primo pomeriggio al tramonto, il calare della penombra e infine la notte. Il tratto è spesso, profondamente materico, accelerato dal bisogno impellente di terminare l’esecuzione prima che il paesaggio cambi davanti agli occhi ancora una volta.
Si tratta di un paesaggio cupo, seppur illuminato dalla luce del sole e dal rosso purpureo della lava, un paesaggio per lo più oscuro, così come la serie Surveillance painting che l’artista ha cominciato nel 2016 iniziando rintracciare registrazioni di telecamere a circuito chiuso hackerate disponibili online. Nella scelta voyeuristica di osservare e studiare queste numerose riprese – in particolare due interni registrati a Shangai e Genova e una ripresa su strada da Nantou (Taiwan) – la Hempton si dimostra ancora interessata a questo tipo di soggetti in quanto forme essi stessi di paesaggio, così come anche in questo caso il tratto è affrettato. 

null
Celia Hempton, Breach, vista della mostra

Seppur la presenza umana sia quasi del tutto inesistente, quel che interessa all’artista sono delle forme di spazio che raccontano eventi performativi, inseriti nella piattaforma online come forma di spazio moltiplicato e «imprevedibile, che espone tanto gli aspetti più estremi della natura umana quanto elementi del banale e dell’ordinario», come sottolinea l’artista. Se in Stromboli 900 metres ciò che viene colto è un soggetto in continuo divenire, le tele di Surveillance Painting catturano un hic et nunc che racconta quel che è appena accaduto o che sta per accadere, anche se quel flusso in divenire di azioni non è visibile direttamente. 
Il paesaggio sicuramente meno mimetico, ma che raggiunge la più alta qualità in termini estetici è il corpus di lavori più conosciuto del percorso di Celia Hempton, ovvero la sua serie di nudi, tra i quali in quest’occasione viene esposto anche un ritratto dell’attore porno Colby Keller. Così come per le esplosioni laviche, anche questi ritratti sono ripresi ‘dal vero’, ma una volta ingigantiti, i particolari di genitali maschili e femminili vengono resi dall’artista al pari di alture o crateri vulcanici, perdendo la loro identità meramente sessuale e il loro possibile riferimento pornografico. Il colore in questa serie di ritratti è disteso e ritrova la leggerezza materica nei colori tenui, ben distanti dall’aggressività dei paesaggi naturali immersi nell’oscurità. 

Alessandra Caldarelli
mostra visitata il 28 marzo 2018

Dal 20 febbraio al 18 maggio 2018
Celia Hempton, Breach
Galleria Lorcan O’Neill
Vicolo dei Catinari, 2 – 00186 Roma
Orario estivo: lunedì-venerdì 15.00-19.00
Info: mail@lorcanoneill.com; www.lorcanoneill.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alessandra Caldarelli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram