Palazzo Merulana rivive grazie ai coniugi Cerasi 3104 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/07/2019
Una cooperazione Carabinieri-FBI riporta in Italia due preziosi reperti dagli USA
15/07/2019
Un nuovo libro ci fa entrare nella mente di Jean-Michel Basquiat
13/07/2019
Anche Lucio Battisti arriva su Spotify ma non tutti sono contenti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Palazzo Merulana rivive grazie ai coniugi Cerasi

   
 Oggi la preview stampa e l’inaugurazione, domani l’apertura al pubblico a Roma, nel rione Esquilino, di Palazzo Merulana, ex Ufficio d’Igiene, oggi nuovo spazio per la cultura e l’arte

  
 
Palazzo Merulana rivive grazie ai coniugi Cerasi
pubblicato

Come ha avuto modo di scrivere Marco Lodoli sulle pagine di "Repubblica”, recensendo il libro di Fulvio Abbate "Roma vista controvento”, nella capitale del Belpaese «c’è un pelo e un contropelo, una gatta che si fa lisciare sul divano e un’altra randagia che si muove nell’imprevedibilità, c’è un vento sciroccoso che incolla pensieri e cose in una mediocrità colpevole, e un altro vento, mosso dalla vita di tanta gente che prende le strade dal senso opposto e crea disordine, vitalità, intelligenza». Ingredienti questi ultimi che connotano, e contribuiscono a spiegare almeno in parte, l’effervescenza – nonostante tutto – della vita culturale e artistica romana, tra nuovi spazi privati profit e no-profit che continuano ad aprire. Come conferma oggi l’inaugurazione di Palazzo Merulana, quello del vecchio Ufficio di Igiene del 1929 lungo la strada che da San Giovanni conduce verso la basilica di Santa Maria Maggiore, tornato a splendere dopo essere stato parzialmente abbattuto negli anni Sessanta e, da allora, lasciato in rovina.
Il Palazzo, che appartiene al Comune, è stato recuperato dopo 3 anni di lavori di ricostruzione filologica e di restauro su progetto dell’architetto Carlo Lococo (lo stesso che ha restaurato la nuova galleria di Lorcan O’Neill e, sempre a Roma, la galleria Oredaria), grazie a un project financing dalla famiglia Cerasi e della loro azienda, la SAC spa. I numeri di questa operazione sono presto detti: un investimento di circa 5 milioni di euro, oltre 1.800 mq, 90 opere d’arte in mostra del XX secolo soprattutto dal 1920 al 1940 (tra cui numerosi capolavori della Scuola Romana), 4 piani espositivi. All’interno lo spazio ospita, infatti, la nota collezione di opere della Fondazione Elena e Claudio Cerasi a cui, a fronte dell’investimento sostenuto, è stata affidata la gestione di Palazzo Merulana per i prossimi 88 anni. Collezione quella dei coniugi Cerasi definita «unica» dagli storici dell’arte. Tra saloni imbiancati, stucchi, pavimenti di marmo pregiato, gallerie di colonne rosate, i quadri di Donghi, Mafai, Cambellotti, Dottori, Casorati, Campigli, Funi, Depero, Pirandello, Scipione, De Chirico, da oggi "invadono” infatti sapientemente le pareti, senza dimenticare le grandi sculture (Antonietta Raphael, Ceroli, Pugliese, Penone, ecc.) che al piano terra, a fruizione completamente gratuita, fanno bella mostra di sé, visibili dall’esterno grazie a un sistema di vetrate trasparenti. (Cesare Biasini Selvaggi)

INFO
Palazzo Merulana
orari: maggio, tutti i giorni dalle ore 9 alle ore 20; martedì chiuso. Da giugno, lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì, dalle ore 14 alle ore 20; la mattina su prenotazione per gruppi e
scuole; sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 20; martedì chiuso
biglietti: € 4.00. Ingresso libero al piano terra
www.palazzomerulana.it

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram