Mirco Marchelli A Capo - Marcorossi Artecontemporanea, Milano 3138 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/12/2018
Stranger Things, dalla serie tv al videogioco in 16-bit
18/12/2018
Oscar 2019: Dogman fuori dalle nomination come miglior film straniero
17/12/2018
Scoperta in Egitto la tomba di un alto sacerdote, perfettamente conservata dopo 4mila anni
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Mirco Marchelli A Capo
Marcorossi Artecontemporanea, Milano

   
  jacqueline ceresoli 
 
Mirco Marchelli A Capo - Marcorossi Artecontemporanea, Milano
pubblicato

Musica, arti visive e sperimentazione di materiali diversi sono i "contrappunti”  e le "variazioni tematiche” che procedono in simbiosi nella ricerca artistica di Mirco Marchelli (1963), nato a Novi Ligure e cittadino di Ovada, appassionato del potenziale formale e plastico della ceramica e della terracotta, si riconosce "al tatto” , oltre che alla vista, per opere dalle composizioni astratto-geometriche  dipinte e smaltate alle quali conferisce una nuova dignità estetica non comune, estremamente elegante . A Milano nella galleria MARCOROSSI, in contemporanea con  quella di Verona, Mirco Marchelli presenta circa trenta opere recenti in ceramica e in terracotta: un materiale  povero "nobilitato” da Lucio Fontana e altri artisti  "informali” negli anni Cinquanta, dal titolo "A Capo”, per richiamare la notazione "da capo”, usata in musica per riprendere la partitura dall’inizio.

null
Mirco Marchelli, A Capo, Marcorossi Artecontemporanea

Dal 2017,  il compositore e artista dalle indiscutibili capacità artigianali poliedriche nella storica bottega "Casa dell’Arte” di Danilo Trogu ad Albisola, ha realizzato le pitture-sculture in mostra di forma quadrata e un gruppo di inediti ovali di diverse dimensioni  contenute  in cornici di terracotta, in cui si fondono intuizioni visive e sonore in soluzioni  formali di seduzione anche tattile che avrebbero emozionato  Klee, Melotti e  Fontana, in cui rigore e creatività, smalti a contrasto e superfici che vivono di luci  di ricercatezza  compositiva si esprime nella ricerca di perfezione maniacale  nella resa dei dettagli. Queste sculture-pittoriche declinano codici geometrici, bianco e nere o policrome, sono cariche di evocazioni semantiche, di citazioni storiche delle avanguardie artistiche della prima metà del Novecento, trasformano il processo di lavoro in opera con intuizioni "artigianali” in maniera sorprendente. La sua fascinazione per la ceramica si intensifica ad Albisola, dove incomincia a plasmare forme più libere, lontane da modelli accademici in cui i segni geometrici-astratti sembrano una sintesi "visiva” e creativa del "Manifesto Blanco” (1947) di Lucio Fontana, in cui il tema è lo spazio vuoto incastonato come un gioiello tra un punto, una linea, un segmento e un pieno. Il suo intento non è il recupero della forma bensì la resa plastica della dimensione del tempo attraverso uno sviluppo simultaneo di materia, colore e di un ritmo arcano ancestrale da immaginare di sentire. 
Le opere ovali in particolare plasmano una indescrivibile evocazione-dimensione fisica e concettuale insieme, che svelano la profonda sensibilità "materica” e una tensione di implicito dinamismo plastico, oltre la superficie verso la percezione di armonie di chissà quali suoni cosmici impercettibili in bilico fra pulsione e apparente controllo. Queste soluzioni formali vibranti di luce, riflessi e "traslucenza” del materiale suggeriscono una loro continuità al di fuori della cornice e sembrano espandersi nello spazio. 

Jacqueline Ceresoli 
Mostra visita il 16 marzo 

Marcorossi Artecontemporanea, 
Corso Venezia 29, Milano
www.marcorossicontemporanea.net

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di jacqueline ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram