Fino al 3.VI.2018 - Adriano Annino, Termoclino Guidarello - Casa Vuota, Roma 3101 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/10/2018
Dopo 25 anni la statua di Zeus in trono torna a Baia
20/10/2018
Notturni da Chopin a Carlo Mattioli. All’Auditorium di Parma, concerto dedicato all’artista
20/10/2018
Il Sub-Marine di Giusva Pecoraino approda a Palermo

+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 3.VI.2018
Adriano Annino, Termoclino Guidarello
Casa Vuota, Roma

   
  Valeria Parisi 
 
Fino al 3.VI.2018 - Adriano Annino, Termoclino Guidarello - Casa Vuota, Roma
pubblicato

È una mostra di citazioni ricavate da pittori del passato quella di Adriano Annino presentata a Roma a Casa Vuota, a cura di Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo.
Il titolo altisonante è indicativo del contenuto dell’esibizione: termoclino è una metafora scientifica che l’artista ha utilizzato per esprimere i diversi livelli di lettura presenti in ogni quadro, ossia i cambiamenti introdotti tra la citazione, l’interpretazione e la traduzione data alla citazione stessa. Guidarello è un termine romano usato per indicare il castrato messo a capo della mandria durante la transumanza con al collo un campanaccio per indicare la via. 
La mostra trae ispirazione in gran parte dalla campagna romana. Proiettandosi nel passato e visualizzando il Quadraro - il quartiere romano dove ha sede la galleria - come la campagna romana che fu e che ha lasciato spazio all’urbanizzazione, Annino recupera, attraverso un’installazione sonora, i suoni e i rumori tratti dalla campagna (scampanii, flauti, e zampogne) e li unisce alla musica metal di Burzum. 

null
Adriano Annino, Thermocline Baburen, 2017, olio su tela, 108x153 cm, dal 14 aprile al 3 giugno 2018 Termoclino Guidarello, a cura di Francesco Paolo Del Re e Sabino de Nichilo, Casa Vuota, Roma

I riferimenti nelle opere pittoriche si rifanno ad artisti di varie cronologie: dagli olandesi seicenteschi Dirck van Baburen, Hendrick ter Brugghen, Johannes Baeck, a Bartolomeo Pinelli, a Gericault, al francese di primo Ottocento Léopold Robert, al naturalista romano di secondo Ottocento Enrico Coleman e a Otto Dix. Tranne quest’ultimo sono tutti pittori legati in qualche modo sia a Roma, o al caravaggismo, o alle rovine romane e anche interessati al tema musicale. Nei quadri i volti dei personaggi sembrano alterati e in parte resi ridicoli da ridipinture volte a modificare i caratteri fisiognomici e a restituire un altro livello, successivo rispetto al piano del riferimento artistico dal quale è tratta l’opera. È una sorta di quadro-nel-quadro, è come se ci fosse una pellicola che si sovrappone all’idea che è, allo stesso tempo, ispirazione e riferimento artistico. 
Completano la mostra una serie di disegni caratterizzati dalla ripetizione compulsiva del segno che riempie i fogli dove i soggetti, le composizioni e iconografie sono completamente desunti da opere note degli artisti succitati. 
Adriano Annino, artista autodidatta formatosi però in ambito musicale, è interessato a fondere elementi della storia del contesto, della sua storia personale e della storia dell’arte per esprimere un concetto profondo, quasi una domanda sconcertante: possibile che a questo mondo bisogna castrarsi per poter prendere una via determinata e giungere alla meta prestabilita?  
L’originale spazio di Casa Vuota, appartamento del Quadraro adibito a galleria d’arte, svuotato dai mobili e non allestito in nessun modo, lasciato così come è stato trovato, con la carta da parati segnata dall’ ingombro di mobili e quadri dismessi, con le divisioni tipiche di un appartamento di fine anni Cinquanta, è un’abitazione priva di inquilini ma abitata dalla sperimentazione creativa e dall’arte contemporanea.

Valeria Parisi
Mostra visitata il 21 aprile 

Dal 14 aprile al 3 giugno 2018
Adriano Annino, Termoclino Guidarello
Casa Vuota
Via Maia n. 12 int. 4 A
Orari: visitabile su appuntamento
Info: cell. 392.8918793 | email vuotacasa@gmail.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Valeria Parisi
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram