Teatro | RezzaMastrella 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Teatro | RezzaMastrella

   
 RezzaMastrella, dal Leone d’Oro ad un “Fotofinish” di questioni fondamentali e maledettamente assurde

 Marcella Vanzo 
 
Teatro | RezzaMastrella
pubblicato

Fotofinish perché l’ultima immagine è assolutamente epica, grottesca e geniale, un gesamtkunstwerk. Un assioma del teatro di RezzaMastrella. Si merita questi paroloni il sempiterno Antonio, che con le parole ci fa a pezzi e poi ce li getta in faccia, nudo o meno, in posa per un calendario o per la carta d’identità, assistito dal fido e sadico Armando che diventa suora, cane o dittatore a seconda del momento. Gli spettatori deportati sul palco per un finale pirotecnico. Sedetevi in prima fila, mi raccomando. E lasciatevi trasportare.
Perché vi fidate di lui? Perché vi fidate della finzione? 
Questa non è tragedia, è teatro dell’assurdo. E quest’anno hanno vinto il Leone d’oro alla carriera per il Teatro alla Biennale di Venezia. Era ora.
Perché quelle di Rezza sono questioni fondamentali ma lui ci prende – letteralmente – per i fondelli. Palpeggia, azzanna. E giù a ridere. Nessuno ci fa ridere così, nulla è quello che sembra e lui insiste e i teli stesi sul palco diventano sfondi per fotografie, bandiere, case, autobus, ospedali, suore o macchine per fare la TAC. E noi fotografi, avventori, popolo bue, malati, guardoni e credenti. A cosa? Si torna alle questioni fondamentali. 

null
Fotofinish, foto Giulio Mazzi

E ci si ride sopra. Non c’è scampo.
Ecco, le foto non c’entrano niente con Dio, la fatica di esistere tutti i giorni, i no che dovremmo dire allo specchio, le chiappe al vento, i gay, le donne, il cittadino Gesù che ci perseguita da terra o dalla croce e la TAC che sghignazza perché già conosce le sorti del malato. Lui è un uomo che si diverte così tutte le sere a 52 anni. Pensateci bene.
Il titolo è un pretesto. Rezza passa dall’ufficio alla palestra, dallo psichiatra all’estetista, dall’ortopedico a casa, facendoci sbellicare tra le nostre acrobazie quotidiane, tra depressione e ansia da prestazione.
Il resto andate a vederlo, non ve lo racconto più, è a Milano, all’Elfo, fino a venerdì, poi in giro per l’Italia. Voi seguiteli sempre e ovunque.

Marcella Vanzo

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Marcella Vanzo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram