Fino al 27.VII.2018 - Bruno Di Bello, Opere Del Novecento E Del Duemila - Fondazione Marco... 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Fino al 27.VII.2018
Bruno Di Bello, Opere Del Novecento E Del Duemila
Fondazione Marconi, Milano

   
  jacqueline ceresoli 
 
Fino al 27.VII.2018 - Bruno Di Bello, Opere Del Novecento E Del Duemila - Fondazione Marconi, Milano
pubblicato

A Milano, Bruno Di Bello alla Fondazione Marconi è di casa:in questa mostra  si racconta e ci stupisce per freschezza di sguardi,  mettendo a confronto le opere dagli anni Settanta e Ottanta, realizzate con  particolari tecniche fotografiche con quelle più recenti, tra i quali incantano i grandi  trittici del 2016 e del 2017, fino alle "Sovrapposizioni colore” del 2018. Al piano terra della Fondazione,il percorso espositivo si apre con una  incursione  nei lavori degli anni Settanta, quando la fotografia mette in discussione i limiti della rappresentazione oggettiva della realtà e diventa linguaggio concettuale autoreferenziale, come dimostrano le  sue tele fotografiche. Bruno Di Bello con questi lavori indaga le possibilità di scomposizione dell’immagine, ribalta i miti delle avanguardie artistiche come Duchamp, Man Ray Modrian, i Costruttivisti russi, Cage e altri, incentrando la sua ricerca sul dialogo tra fotografia e arte del Novecento.  Nelle opere degli anni Settanta non potevano non comparire parole e concetti incastonate dentro a forme ovali o quadrate che intrecciandosi tra loro, alterano la percezione del loro significato e insieme la composizione dell’immagine. L’autore, agitatore culturale del Sud, nato a Torre del Greco nel 1938, fin dagli esordi, è stato tra i fondatori del Gruppo 58 e del periodico "Documento Sud”, ideale corrispettivo di "Azimuth”, milanese, che dopo il passaggio nella galleria di Lucio Amelio di Napoli, nel 1967 incomincia  a usare  direttamente la tela  fotosensibile e si trasferisce a Milano, dove nel 1971 inizia a  lavorare con l’allora Studio Marconi. Passano gli anni ma non la sua smania indomita di rompere gli schemi della forma e dell’immagine di sperimentare in maniera armonica, di destrutturare per ricostruire  referenti visivi  quali manifesti  di nuova bellezza. 

null
Bruno Di Bello Luna, 1971 tela fotografica, viraggio blu 80 x 80 cm collezione privata, Courtesy Fondazione Marconi

Nel 2015 Di Bello ha tenuto  una importante personale  alla Fondazione Marconi, e diciamolo poteva bastare, invece  curioso  com’è  per indole, pur avendo sperimentato differenti linguaggi, materiali e tecniche, nel 2018 si rimette in discussione, non si ripete  e  riesce a stupirci per l’uso della luce  che già nei lavori analogici "scriveva” direttamente sul materiale fotografico. Folgorato fin dagli anni Ottanta dalle nuove tecnologie,  l’autore adotta per  attrazione fatale  la fotografia digitale  negli anni successivi, e cosa  riesce a combinare  e scombinare con il computer, dimostrando  di dominare  consapevolmente la potenzialità espressiva  dell’intensità di colore dagli effetti traslucidi e diafani del colore,  vedere per credere, lo si scopre  in mostra da Marconi, dove  lo spettatore   viene fagocitato dentro a immagini  di vorticismi  ipnotizzanti  dalla grafica  accattivante ma non leziosa , forme aperte,  capaci di inventare  attraverso la fotografia, profondità  luminose dentro a composizioni grafiche  dinamiche e stabili nello stesso tempo,  evocanti il mistero del Cosmo. Le sue opere conducono lo sguardo dell’osservatore al cento di immersioni di colori spiraliformi, dentro a vortici di luce inusuale , composizioni astratto geometriche ma non rigide in cui si richiama,  in particolare nella citazione della conchiglia  "Spirale naturale A”, e "Spirale Naturale B”, del 2018, tematiche di riflessione sulle emergenze  ambientali senza descriverle. Scomposizione, decostruzione, ricomposizione e reinvenzione di visioni tecnologiche digitali, mai scontate, caratterizzano le sue visioni tecnologiche di grafismi luminosi, forme  uniche  nella continuità luminosa riconoscibili per vocazione armonica  e simmetrica tensione classica dai colori sorprendenti.

Jacqueline  Ceresoli
mostra visitata il 23 maggio 

Dal 22 maggio al 27 luglio 2018
Bruno Di Bello, Opere del Novecento e del Duemila
Fondazione Marconi
Via Tadino 15, Milano 
Orari: dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00
Info: info@fondazionemarconi.org- www.fondazionemarconi.org 

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di jacqueline ceresoli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram