THAT’S STORIES 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
10/12/2018
Judy Chicago e Max Mara insieme, per una t-shirt a edizione limitata
10/12/2018
Babbo Natale in manette e Banksy non autorizzato. Due murales di TvBoy compaiono al MUDEC
10/12/2018
Il Premio Fabbri si apre alla fotografia. Ecco i vincitori della sesta edizione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
Thats contemporary
         
 

THAT’S STORIES

   
 Quando la pietra diviene “tempo allo stato solido”: il progetto di Mattia Bosco per un ex cimitero torinese
di Elisabetta Rastelli
 Elisabetta Rastelli 
 
THAT’S STORIES
pubblicato

Nelle sculture di Mattia Bosco, lasciate per lo più allo stato grezzo, si percepisce immediatamente quello che è il suo pensiero: la pietra è tempo allo stato solido. La roccia custodisce segretamente la storia del mondo, essa è contenuta nelle venature, nelle sfumature e nei colori che troviamo nelle parti più interne. Bosco non fa altro che soffiare via la superficie, portando alla luce la forma della roccia.
La ricerca di Bosco è tesa a restituire la facoltà arcaica intellegibile degli elementi primari; è dunque facile comprendere perché questi lavori si trovino esposti nell’ex Cimitero San Pietro in Vincoli, un luogo denso e binario, se non molteplice, all’interno del quale pietre e terra elevano allo stato spirituale la condizione umana.
La luce per l’artista vive nei frammenti di mica che scopre esistere nelle profondità delle pietre e che diventano poi elementi semantici propri dell’opera d’arte. Le sculture che vediamo esposte non sono dunque lotte per liberare figure dai blocchi di marmo, il suo è un agire che non si oppone al compimento perché lascia la forma essere, assecondando la linea naturale che la roccia comanda.

null
Mattia Bosco, Sezione aurea, Official Image, Torino, 2018

Attraverso l’intervento di Mattia Bosco la materia, che è necessariamente limitata, smette il proprio abito mutando sostanza, ma non senso e contenuto. Ci troviamo quindi in un territorio d’azione che si oppone all’invasività per muoversi invece lungo la linea del ricongiungimento della forma con l’idea di forma.
Lo stesso materiale che l’artista sceglie mantiene concettualmente questa doppia natura, essendo contemporaneamente nobile (marmo e oro) e umile poiché scarto di cava, roccia rintracciata per sorte e oro che sempre appartiene per nascita alle profondità terrestri. Proprio la presenza dell’oro però funge da salvacondotto per un transito nello spazio sacrale; il prolungamento ad opera dell’artista permette alla pietra di mutare e divenire spirituale, abbandonando il rigore logico e primitivo.
Questo progetto espositivo di Mattia Bosco, a cura di Federica Barletta, è stato realizzato dalla galleria Ncontemporary con il supporto di That’s experience e la collaborazione con Il Mutamento Zona Castalla e ISAU.  

Elisabetta Rastelli

MATTIA BOSCO | MATERIA INTENSA 
Curatela: Federica Barletta
Opening: Venerdì 28 settembre 
Date: 28/09/18 al 12/10/18
Dove: Ex Cimitero San Pietro in Vincoli | Via San Pietro in Vincoli 28 - 10152 Torino 
La mostra sarà visitabile fino al 12 ottobre su appuntamento
info: + 39 347 0016755 | ncontemporary.com

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Elisabetta Rastelli
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram