TEATRO 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

TEATRO

   
 Una camera da letto perfetta, al Franco Parenti di Milano: “Visite”. E senza una parola!
di Marcella Vanzo
  
 
TEATRO
pubblicato

"Visite" è la tua vita qui e ora, "Visite" lo è già stata. È già successo, succederà, sono io, ero io, era lui, saremo noi. Una vecchia radio, una colonna sonora incredibile, il Teatro dei Gordi che in realtà sono sei bei giovani scarni, neanche una parola e le maschere. Movimento puro, tutto in una stanza da letto che diventa presente, passato, futuro. E ridi e muori dal ridere e piangi dal ridere e dai, non è certo il caso di ridere.
E invece sì. L'ironia è secca, precisa, dirompente, divertita, lo spettacolo non perde un colpo, il ritmo è semplicemente perfetto, la conversazione completamente superflua. Si può davvero fare a meno delle parole e non chiamarlo performance. Questo è teatro allo stato puro, Grotowski redivivo, evviva evviva!
I corpi parlano, le gonne svolazzano, le dentiere traballano. Li conosci, l’hai già fatto, quante volte ti è successo, ero lì, ero io. Coincidenze, ricordi, anniversari, semplicemente vita. Meglio della vita perché editata e ritmata in una serie impeccabile di quadri, quattro uomini, due donne e le maschere. Che sembrano Baselitz umani, grandi volti di uomini e donne vecchi, enormi rughe di cartapesta, occhi grandi, capelli pochi, il tabù svelato: vivremo vecchi.
Ed è proprio una vecchia ad aprire lo spettacolo. Che i quadri che vediamo intersecarsi alla perfezione siano i suoi ricordi? Le sue gambe poi le ritroviamo attaccate al corpo giovane di una bella ragazza mora.
E poi di nuovo quei vecchi tornano, ballano, giocano, alcuni scompaiono, altri resistono e tornano addirittura bambini, si rubano le caramelle. Siamo noi? Sono noi? Ci rispondono con Lavorare stanca di Pavese: una piazza vuota, una donna da cercare, un focolare da animare. Sarà il caso di farlo? Con tutto quel che succede. Vita spicciola, morte spicciola, nel mezzo di nuovo noi. Correte a vederlo!

Marcella Vanzo

Teatro dei Gordi, Visite, Teatro Franco Parenti, Milano, fino al 9 dicembre

Foto di Laila Pozzo
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram