Le opere e le reliquie scampate all’incendio di Notre Dame saranno conservate al Louvre 3058 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/05/2019
I capolavori degli Uffizi, raccontati dalle voci degli attori
23/05/2019
Banksy è stato allontanato dai vigili mentre "esponeva" senza autorizzazione a Venezia
23/05/2019
Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci sul tuo smartphone, grazie all’app
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Le opere e le reliquie scampate all’incendio di Notre Dame saranno conservate al Louvre

   
   
 
Le opere e le reliquie scampate all’incendio di Notre Dame saranno conservate al Louvre
pubblicato

Alcuni tra gli oggetti più preziosi, salvati dal rogo di Notre Dame, saranno trasportati al Louvre, dall’Hotel de Ville, dove erano stati immagazzinati durante le operazioni. A dichiararlo, è stato il ministro della cultura francese, Franck Riester. I vigili del fuoco hanno lavorato duramente, sottoponendosi anche a gravi rischi, per portare via le reliquie sacre e i preziosi manufatti conservati nella Cattedrale, come la corona di spine – che secondo la leggenda era quella collocata sulla testa di Gesù durante la crocifissione – e la tunica di San Luigi, risalente al XIII secolo. Al momento è ancora presto per fornire dettagli su quali opere saranno ospitate temporaneamente nel museo parigino e se sarà coinvolto direttamente nel restauro ma un portavoce ha confermato ad The Art Newspaper che le autorità civili e l’istituzione museale stanno lavorando a stretto contatto. 
Alcune opere sono ancora a rischio, tra le quali alcuni grandi dipinti del XVII secolo di Antoine Nicolas e Jean Jouvenet, che avranno sicuramente bisogno di restauri delicati. La situazione dei rilievi intagliati del XIV secolo di Pierre de Chelle, Jean Ravy e Jean Le Bouteiller rimane sconosciuta, mentre è molto probabile che siano state seriamente danneggiate le statue in pietra che adornano la cattedrale. Fortunatamente, pochi giorni fa, 16 statue di rame erano state rimosse per favorire i lavori di ristrutturazione della guglia. Inoltre, pare che le vetrate e l'iconica finestra del rosone a nord, risalente al XIII secolo, siano in condizioni stabili, anche se l’entità del danno è ancora tutta da definire. Fortunatamente la volta in pietra della navata centrale è riuscita a sorreggere la carpenteria in legno e la copertura in piombo, quindi la struttura della chiesa sarà recuperabile, anche se i lavori saranno lunghi e impegnativi. 
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram