fino al 20.III.2003 - Lilliput - Torino, Galleria Martano 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/06/2019
L'Adidas ha annunciato una capsule collection omaggio a Keith Haring
21/06/2019
La scuola di Twin Peaks verrà demolita a luglio
21/06/2019
Valentino Catricalà è il direttore della sezione arte di Maker Faire Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 20.III.2003
Lilliput
Torino, Galleria Martano

   
 Busti acefali fatti di attaches. Parallelepipedi contenenti brandelli di passato e conchiglie di das colorato. Minuscoli oggetti che compongono grandi opere. Per riflettere sul rapporto tra immensamente grande e infinitamente piccolo…  Sonia Gallesio 
 
pubblicato
Dopo un primo allestimento presso lo Studio De Luca di Roma, Lilliput approda a Torino. Ideata e prodotta da Massimo Arduini, Roberto Piloni e Iginio De Luca, la mostra è incentrata sul confronto tra il vasto e il minuto, l’insieme e il dettaglio, ma soprattutto sullo stretto rapporto che lega i due opposti. Il grande acquista forma e consistenza grazie al brulicare del piccolo. La mutazione del punto di vista modifica l’impressione dell’opera: osservarla da lontano permette di considerarla nella sua globalità, mentre analizzarla nel particolare consenteLilliput - Arduini di coglierne aspetti altrimenti impercettibili. Tutto è giocato sulla relazione ambivalente fondata sul contrasto sinergico tra lo sguardo sintetico e l’indagine analitica. Per arrivare ad un assunto indiscutibile: il concetto di dimensione è sempre relativo, nulla è grande o piccolo in assoluto. Il nucleo essenziale dell’esposizione è costituito da tre opere risalenti al 2002, una per ogni artista. 610 Ave Maria, 122 Padre Nostro, 122 Gloria al Padre di Iginio De Luca rimanda ad un rapido schizzo su parete di un panneggio giottesco, ma in realtà è composta da centinaia di minuscole porzioni di das, plasmate con le mani e verniciate di rosso. Gocciole di diversa ampiezza a forma di conchiglie allungate, gusci, sessi femminili o maschili, che paiono i grani di un rosario o le perline in plastica di una tenda antimosche. Ursus di Massimo Arduini include una sagoma acefala formata da attaches concatenate (come in Equestri maniaci o Giro-giro cavalluccio), un tronco senza terminazioni che sostiene un ovale in alluminio anodizzato sul quale scorrono veloci i versi di Crema da labbra: “Pomate di senso spalmate sul pane catarsi e catrame, ma respiro già meglio e il risveglio è infame!”. Lunario di Lilliput - De LucaRoberto Piloni comprende decine di parallelepipedi bianchi scoperti, disposti alla stessa distanza uno dall’altro. Piccoli microcosmi rettangolari in fila, come cassettini contenenti frammenti di vita. O vagoni di un unico treno, lungo tutta una parete, all’interno dei quali si scoprono scarpette di bambola, pettini, spilli, dita, nasi, la valva di una cozza, una saponetta, la punta di un coltello, un ditale, una piuma. Vere e proprie tracce umane, rappresentate da oggetti o da immagini ritagliate, da esaminare con attenzione, una per una. Un grande occhio, poi, spia all’interno di una stanza attraverso una finestrella. Appartiene ad un omone che richiama istantaneamente il Gulliver di Jonathan Switf: gigante a Lilliput, ma minuscolo esserino a Brobdingnag. Personaggio emblematico, se vogliamo, della condizione dell’artista – “difficilmente a suo agio perché sempre fuori posto e fuori scala, ovunque estraneo nonostante faccia di tutto per integrarsi”, proprio come asserisce Carlo Alberto Bucci nel testo critico che accompagna la mostra.

articoli correlati
La fotografia negli anni settanta fra concetto e comportamento
La fotografia di Luigi Veronesi
Platinum Prints and Polaroids: le immagini fotografiche di Alice Franklin
Pinot Gallizio: trenta opere per il Centenario

sonia gallesio
mostra visitata il 22 febbraio 2003


Lilliput – Massimo Arduini, Roberto Piloni, Iginio De Luca
Torino, Galleria Martano, via Principe Amedeo 29 tel. 011 81.77.987
dal 14 febbraio al 20 marzo 2003
orario di visita: 15.30/19.30, dal lunedì al sabato
ingresso: libero
catalogo: a cura di Carlo Alberto Bucci
e-mail: galleria.martano@tin.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Sonia Gallesio
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Carlo Alberto Bucci, Iginio De Luca, Luigi Veronesi, Massimo Arduini, Pinot Gallizio, Roberto Piloni, Sonia Gallesio
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram