fino al 16.I.2005 - Visioni del fantastico e del meraviglioso - Milano, Fondazione Antonio... 3083 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 16.I.2005
Visioni del fantastico e del meraviglioso
Milano, Fondazione Antonio Mazzotta

   
 Dall’apocalisse, alle wunderkammer rinascimentali. Dalle danze macabre, alla raccolta di mirabilia. Dal gusto per le curiosità naturali al sonno della ragione. Quando l’arte s’abbandona al fantastico. E la fondazione Mazzotta festeggia così dieci anni di attività… Antonella Bicci 
 
pubblicato
Un viaggio nei secoli alla scoperta dell’arte del fantastico e del meraviglioso, termini dei quali si tende a dimenticare il reale significato. Meraviglioso non è necessariamente bello, ma qualcosa che suscita stupore e meraviglia e, perché no, paura e magari un senso di repulsione. Il fantastico ha a che vedere con ciò che l’uomo non riesce a spiegarsi; implica, come ben descritto da Bellasi in uno dei saggi in catalogo, l’attraversamento di una soglia, il passaggio da un mondo di certezze a quello del diverso e dell’ignoto.
La mostra propone un percorso che ricalca l’evoluzione del pensiero umano: dalla curiosità per le cose celesti a quelle terrene, fino alla propria coscienza. Il meraviglioso muta nei secoli così ai mostri infernali seguono le bizzarrie della natura e i fantasmi interiori, con un unico motivo che resta costante nel tempo: il pensiero della morte e l’immagine della danza macabra, alla quale è dedicata un’intera sezione.
Anamorfosi Due musicisti 1790-1800 incisione su carta a sbalzo colorata
A mostri e fantasie fanno da cornice una serie di curiosità: diorami teatrali e teatrini di carta, una raccolta di emblemi e imprese (le immagini allegoriche accompagnate da un motto che stimolavano l’arguzia delle corti rinascimentali); il singolare Arcimboldo dei mestieri e le vedute ottiche che ritraggono piazze e monumenti celebri, create per essere viste attraverso un particolare apparecchio ottico. Sorprendenti le anamorfosi: l’immagine è raffigurata in modo distorto e può essere riconosciuta solo se osservata da un particolare punto di vista. Quelle in mostra possono essere viste solo “specchiate” sulla superficie di un cilindro riflettente.
All’inizio del percorso il fantastico si accompagna al sacro e alla morale: peccato e vizio generano deformità e inducono la fantasia ancora medioevale degli artisti a creare esseri bizzarri. Le tavole della Divina Commedia illustrata nel 1487 da Bonino de Boninis vivacemente colorate a tempera mostrano Dante e Virgilio alle prese con i supplizi infernali. Nella gustosissima Battaglia dei Borsellini e delle casseforti di Pieter Bruegel il vecchio, che evoca il mondo onirico di Jeronymus Bosch, si scontrano salvadanai e forzieri con braccia e volti umani.Divina Commedia Inferno Canto V incunabolo 1487
L’uomo del rinascimento si rivolge con curiosità alla natura, ha un’attrazione quasi morbosa per tutto ciò che di deforme essa produce e che la mostra documenta con una ricca selezione di stampe: uomini minuscoli, fanciulle bellissime ma prive di gambe, uomini con due teste.
Con il progredire della scienza il mondo esterno diventa meno misterioso, si colloca progressivamente al di qua della soglia del fantastico. I mostri verosimili di Francisco Goya aprono una nuova era, si affaccia il fantastico interiore e l’arte si popola di incubi e angosce. Dapprima l’artista prova tenerle a freno con la ragione (una rigorosa struttura prospettica) come nelle Carceri di Giovan Battista Piranesi, vertiginosi labirinti senza uscita (chissà se Escher nei suoi piani che si intrecciano, nelle scale senza fine si sia in parte ispirato a queste straordinarie opere grafiche). Poi nevrosi e incubi esplodono drammaticamente nelle opere stranianti di Odilon Redon, Max Klinger, Alfred Kubin.
Se il meraviglioso di natura era grottesco, magari ripugnante, il fantastico interiore è angosciante, causa e conseguenza di nevrosi. Ed è quello che spaventa di più.

articoli correlati
Max Klinger
Piranesi & Goya: visioni fantastiche e grottesche
Rappresentazioni del destino

antonella bicci
visitata il 22 ottobre 2004


Visioni del fantastico e del meraviglioso. Prima dei surrealisti
Fondazione Antonio Mazzotta – Foro Buonaparte 50, Milano –
Ufficio stampa Fondazione Antonio Mazzotta tel. 02.878380; ufficiostampa@mazzotta.it
www.mazzotta.it
Ingresso: intero euro 8,00; ridotto euro 5,50/4,50
Orari: 10.00/19.30; martedì e giovedì 10.00/22.00; chiuso il lunedì; apertura 1 novembre; 8 e 26 dicembre; 1 gennaio
Catalogo: Edizioni Gabriele Mazzotta euro 28 in mostra, 40 in libreria


[exibart]

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Antonella Bicci
vedi calendario delle mostre nella provincia milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfred Kubin, antonella bicci, Antonio Mazzotta, Arcimboldo, Bruegel il Vecchio, Francisco Goya, Giovan Battista Piranesi, Goya, Max Klinger, Odilon Redon, Pieter Bruegel
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram